Don Byron and Existential Dred
Nu Blaxploitation

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Signori e signore… Ladies and gentlemen… A voi Don Byron & Existential Dred!

Don Byron è un jazzista newyorkese, un clarinettista attivo dall'inizio dello scorso decennio (appartenente alla scena sincretista). Questo Nu Blaxploitation è il suo sesto album ed apre il contratto con la Blue Note, storica etichetta jazz. Ad accompagnarlo in questo lavoro troviamo gli Existential Dred, backing band riunita per l'occasione e guidata dal pianista e sperimentatore Uri Caine (nome che evocherà something anche a chi, come me, non è un esperto di jazz).

Il disco si presenta come un'opera sfaccettata, capace di mettere d'accordo una varietà piuttosto ampia d'ascoltatori: a tenere contatto col jazz rimane il fantastico Byron col suo fidato clarinetto ed uno spirito sempre teso all'improvvisazione, mentre sono molte le influenze che rendono l'album più speziato.

Già il titolo è splendido con i suoi rimandi al sound morbido e torbido della black anni settanta.
Ma le sorprese sono tante, a partire dalla presenza costante ed invadente di Sadiq che rima e poeta su tutte le canzoni. Per non parlare di quel basso carnoso e di quella batteria adrenalinica e davvero libera di fare ciò che vuole: insieme formano una strabiliante sezione ritmica, perfetto sfondo sopra il quale si ergono le liriche del sopraccitato Sadiq e soprattutto i meravigliosi assoli del titolare dell'album sempre sospesi tra cielo e terra, tra spirito e fisico.

I rimandi sono tantissimi e tutti frullati genuinamente per ottenere una ricetta fresca ma rispettosa: da qualche parte è possibile trovare tracce del crossover dei Living Colour, dell'eclettismo di Miles Davis, di suoni latini, del groove mistico di Roy Ayers… Il primo nome che salta in mente è però Guru e il suo progetto Jazzmatazz, stessa fusione di suoni live anche se qui il beat è proprio assente e l'mc sembra essere molto ma molto più fuori (il flow è assai diverso: più rilassato quello di Guru, più frenetico e psichedelico quello di Sadiq).

Grandissimi pezzi sono l'interlocutoria "Alien" e la dondolante "I Cannot Commit" (forse i più accessibili); "Hagalo" è contagiosa grazie ai ritmi caldi del Sud America; "Dodi" è tenera e notturna; "I'm Stuck" è piena di germi rock e la cover di "If 6 Was 9" (Hendrix) è r'n'b per salotti culturali alternativi.
Ma il vero manifesto dell'album è la lunga "Schizo Jam": poche altre volte un titolo è stato così esplicativo… Pura libertà creativa, pura facilità di improvvisazione. Maestria e classe.

Nu Blaxploitation non è certamente un capolavoro, ma è un album dannatamente bello nel suo essere imperfetto.
Talmente genuino da far stare meglio gli ascoltatori…

Questa DeRecensione di Nu Blaxploitation è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/don-byron-and-existential-dred/nu-blaxploitation/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
mmmm attirevole... la copertina l'ho già vista dal mio tipo, gli darò un orecchio. Ghemison... in questa recensione tu dove sei?
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
e gli altri?
BËL (00)
BRÜ (00)

Ghemison
Opera: | Recensione: |
formale no?
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
un pochetto :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Ghemison
Opera: | Recensione: |
gran commenti questa recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
Alcuni anni fa ebbi la fortuna di assistere a un suo concerto al comunale di Firenze. Il concerto ruotava intorno al lavoro 'Music for Six Musicians', dunque era obiettivamente un ascolto non facilissimo, però molto coinvolgente. Per questo cercai di ascoltarlo ancora in seguito. Questo disco non lo conosco però alla luce di altri lavori che ho sentito trovo azzeccata la recensione. Se non li conosci ti esorto ad ascoltare il disco dedicato a Mickey Katz e il carinissimo (anche per la copertina) 'Bug Music', davvero un gioellino. Ciao
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: