Insect_Reject e i suoi commenti

Opera: | Recensione: |
'Pretty Hate Machine' avrà sempre un significato particolare per me!
Quando avevo 14/15 anni ascoltavo principalmente metal e rock "puro", generi che tutt'oggi adoro e ascolto, ma all'epoca, vista anche l'età, erano ingenuamente l'unica cosa degna per le mie orecchie hahaha

Questo album assieme al seguente 'The Downward Spiral' e a 'The Land of Rape and Honey' dei Ministry, è stato essenziale nell'aprirmi la mente verso musica "ibrida"/multi-genere, oltre che spingermi direttamente ad approfondire riguardo la musica elettronica ed il suo oceano di sottogeneri.

Se c'è una cosa che mi è sempre piaciuta dei NIИ, è che la loro musica riesce ad essere catchy e pesante allo stesso tempo... Un pop abrasivo e sofisticato.
Questo album getta le basi per tutto ciò che poi diverrà il vero e proprio marchio di fabbrica di Trent Reznor e co. nei successivi lavori: canzoni apparentemente semplici e orecchiabili, ma che in realtà racchiudono varie sfumature ed elementi, dalla new wave al synthpop, dall'electro all'industrial, dal noise alla musica sperimentale.

Non è invecchiato benissimo come invece altri loro album usciti dopo, ma brani come 'Head Like a Hole', 'Terrible Lie', 'Sin' e 'Kinda I Want to' e pure quel melodramma che è 'Something I Can Never Have', me li ascolto ancora oggi con grande piacere!
BËL (01)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Più l'ascolto, più ci entro dentro.
Più ci entro dentro, più impazzisco.
Più impazzisco, più riesco ad immergermi in quella miriade di sfumature, riff, fill di batteria e vaneggiamenti di uno dei cantanti più unici di questo genere.

Per me 13 anni ben ripagati, anche solo ascoltando un brano immenso come 'Pneuma'.
Ok, "Aenima" e soprattutto "Lateralus" non si toccano, ma "Fear Inoculum" è praticamente lì, seduto alla destra di "10,000 Days".

BËL (02)
BRÜ (00)

algol: Stesse sensazioni fratè
In: Adrian di 2000
Opera: | Recensione: |
"..parodia dei cartoni di Gesù su Rai 2.."
HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHA ECCO COSA MI RICORDAVAAAA


Comunque sì, spazzatura totale. Non so neanche perché ho torturato me stesso guardandone qualche spezzone, quando già quei cazzo di spot sono qualcosa di super fastidioso e repellente. Comunque da Canale 5 mi aspetto pure questo un giorno: hahaha

Recensione ATOMICA... che aggiungo immediatamente alle mie preferite.
BËL (01)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Ringrazio memedesimo del passato che decise di dare un ascolto a questa band, partendo dal disco omonimo (l'artwork mi incuriosì, per qualche motivo) e continuando col resto della discografia. Quella decisione, un po' così a cazzo, mi ha portato qui a godermi questo assurdo, contorto, oscuro, nero come la pece, grottesco, terremotante e direi... inaspettato, capolavoro.

"...è una passeggiata a piedi nudi su un tappeto di specchi frantumati, e lo spettacolo riflesso non è edificante." BRAVISSIMO.
BËL (01)
BRÜ (00)

algol: Qua riverberi anche di NIN. Immaginavo fosse nelle tue corde.
Insect_Reject: Quanto è vero! "Less Sex" soprattutto... mi ricorda molto certe sonorità di "The Fragile".
Opera: | Recensione: |
LET ME IIIIIN
LET MEEEE IIIIIN
LEEEEET MEEEE IIIIIIIN!
BËL (00)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Album strepitoso. Bravissimo a recensirlo!
Il disco che più ho ascoltato quest'anno, senza dubbio. Anche quando non so cosa ascoltare, "Veteran" è sempre lì, fresco come al primo ascolto, ricco di assurdità soniche che paiono uscite dal deep web e stravaganze musicali senza mai sconfinare in una sperimentazione noiosa o fine a sé stessa. L'opener '1539 N. Calvert' è, secondo me, una delle canzoni HH più belle dell'anno!

Apprezzo che nella recensione non hai nominato i Death Grips (o altra gente """simile""" -per quanto ci si possa assomigliare in un genere così aperto alla diversità stilistica- come .clipping o B L A C K I E, o i mostri sacri alla Dälek) manco una volta come termine di paragone, come fanno molti appena si accorgono delle tinte industrial/experimental dentro certo hip hop.
Se non l'hai fatto ascoltati pure "Black Ben Carson", altra discreta bomba di Peggy, uscito nel 2016!
BËL (01)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: Ah, ce n'è altri? Al volo.
proggen_ait94: La mia favourite è Thug Tears. Comunque si, anche secondo me sono paragoni stupidi, come citare gli yes per parlare dei genesis, se chi legge è nel genere capisce che sei falzo.
In: Age Of di kloo
Opera: | Recensione: |
Bravo!
Album fantastico, tra gli highlights di questo 2018. 'Black Snow' (adoro il video, inquietante il giusto) l'ho ascoltata tantissimo, manco fosse un tormentone pop da classifica. 'We'll Take It' fa quasi paura, è praticamente biomeccanica messa in musica. 'Same', per come canta Anohni - su cui devo approfondire -, mi fa pensare a '21st Century Schizoid Man', ma in versione industrial/glitch.

In questa seconda fase del suo percorso artistico i suoi capolavori, per me, rimangono "Garden of Delete" e "Replica" (con "R Plus Seven" subito dopo), ma qui siamo ad altissimi livelli, e Lopatin rimane un maestro nel distruggere il suo sapere, fra suoni e influenze, e trasformarne i cocci in Musica. È un collage stravagante e senza tempo di elettronica gelida, malsana e inquinata, ma allo stesso tempo il tutto è molto puro, organico e umano... con estrema ricercatezza, senza pretenziosità o con la fisima di essere troppo sperimentale ad ogni costo.
BËL (01)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Sto riscoprendo la "fase Richardson" della Morte al Napalm proprio recentemente.
Qualche settimana ho (ri)consumato 'Diatribes' (in certe parti letteralmente pazzesco, quasi sludge/grind), e ora che dire? Dopo la tua recensione continuerò certamente il percorso.
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: E' la fase meno caotica e più controllata dei Napalm Death; torneranno poi nel 2000 con "Enemy of the Music Business" a quella forma di Grindcore-Hardcore che non hanno mai più lasciato.
In: Astroworld di 2000
Opera: | Recensione: |
Bello. Pomposo. Sognante.
Non ai livelli di "Rodeo", ma un gradino sopra "Birds..." (album che mi è comunque piaciuto eh). Ha soddisfatto le mie aspettative nonostante il minutaggio e qualche guest di troppo (Nav, Juice Wrld, Gunna).

La cosa che mi piace di Astroworld, ma si può applicare anche agli altri suoi album, è che le canzoni al suo interno funzionano bene sia come tutt'uno, che separatamente, prese ad una ad una. E questo non è facile in un genere come il trap rap, perché molto spesso in un album i produttori sono tanti e stilisticamente diversi, così come i feat.; Travi$ Scott è bravissimo a rendere "opera unica" una collezione di canzoni tutte potenziali hit, per questo lo considero una certezza ormai, uno degli intoccabili della scena.

...ma il mio album dell'anno HH per ora rimane TA13OO 😁
BËL (01)
BRÜ (00)

2000: Concordo. TA13OO altro discone rap di spessore, ultimamente ne sono usciti molti validi
Opera: | Recensione: |