Sto caricando...

noveccentrico e i suoi ascolti

noveccentrico
noveccentrico |
Pensavo di risollevare le sorti dell'editoria scrivendo un saggio dal titolo "Move your body: Storia ed estetica in minore della progressione verticale e orizzontale dei sintetizzatori nella dance music dei primi anni Novanta (e quei cazzo di yeah oh yeah campionati)". Bass Bumpers - Get The Big Bass


noveccentrico
noveccentrico |
noveccentrico
noveccentrico |
Ho conosciuto Go e Tomu nelle bettole e adesso questi sono con la Sub Pop. Mushi No Uta


noveccentrico
noveccentrico |
Il botteghino non lo ripagò bene. Di lì a breve, però, diventò un cult. Gente che negli anni è andata in processione a Sulmona a fare le foto negli esterni della casa di famiglia. Monicelli cinico e teatrale; cast stupendo (un pensiero a Monica Scattini), film realista, crudele, intramontabile. parenti serpenti -


noveccentrico
noveccentrico |
Cosa resterà di questi anni Dieci musicali? Se volete aggiungete qualcosa voi:
La decade della modern-trap-invasion; Kendrick Lamar e Kanye West al massimo della produttività; quel revival antico di Father John Misty e Sufjan Stevens; il jazz epico di Kamasi Washington; il soul e il neo R&B di Kiwanuka, D'Angelo, Anderson Paak, Frank Ocean, Janelle Monàe; la neo-psichedelia con la banana microtonale dei King Gizard & the Lizard Wizard; le chicche scoperte su Bandcamp; i kraut-psych-giapponesi della Guruguru Brain; Nick Cave ad altissimi livelli, le dolorose dipartite (Bowie, Cohen, Alan Vega dei Suicide e tanti altri); la cricca della Sacred Bones con David Lynch in testa; la vaporwave; "R.A.M" dei Daft Punk; quei due buzzurri inglesi degli Sleaford Mods, tanto altro e lo splendido titolo di un album dei Gnod che tanto sarebbe piaciuto a Luigi Nono: "Just Say No To The Psycho Right-Wing Capitalist Fascist Industrial Death Machine".
Ultralight Beam


noveccentrico
noveccentrico |
Qualche fan di film giapponesi disturbanti come "Suicide Circle" e la trilogia alientante di Sono? Dessert - Mail Me (ORIGINAL SONG from Suicide Club OST)


noveccentrico
noveccentrico |
E certo che andare a toccare un caposaldo di genere, sostituire Sinigallia con Coez: forse solo Marra poteva osare tanto. QUELLI CHE NON PENSANO - Il cervello Marracash ft. Coez


noveccentrico
noveccentrico |
Capita soltanto a me di ascoltare un pezzo degli Stereolab e di sentire e vedere, come per incanto, un forte odore di modesto cabernet da aperitivo rovesciato su un tavolo e tocchetti di formaggi pepati trafitti da uno stecchino, sparpagliati per terra, accanto a una borsa Vuitton? Brakhage


noveccentrico
noveccentrico |
Dall'ormai ex angolo devoto ai giradischi (ribatezzato da @[lector]: la scatola), un nostalgico ritorno a un passato demolito (in tutti sensi). Scientist, Morricone, Mogway, Ligeti e altro, per un halloween della gente che ama le buone tradizioni. Special Halloween: Scientist, Joe Meek, Mogwai, Morricone, Ligeti, Penderecki


noveccentrico
noveccentrico |
Albro T. Gaul - Sounds of Insects (1960)
A casa mia c'è un passaggio di vespe continuo e inquietante. So che sono molto utili per l'ecosistema, in quanto aggrediscono parassiti pericolosi per l'uomo e per questo pensavo di aiutarli a casa loro, prima di scoprire che casa loro è in qualche nascondiglio del sottobalcone. Ho letto che sulle vespe non c'è tanta letteratura musicale in materia (ad altri insetti è andata meglio) e cercando qualche informazione, ho trovato "Sounds of insects" registrato dall'entomologo Albro. T Gaul.
"Il lavoro è frutto di un approccio scientifico e ha finalità divulgative ma in qualche misura precede l’utilizzo di field recording nelle opere di musicisti d’avanguardia come Ron Geesin e Basil Kirchin, e di gruppi pop come Beatles e Pink Floyd." Il virgolettato è tratto da pincopanco un sito molto interessante. Il suo claim è "l'enciclopedia dell'eccentrico". Gli chiederò un gemellaggio.


noveccentrico
noveccentrico |
Ma quando siete sopra il ponticello
il tuo tesoro, fior di ogni virtù,
con il pretesto di guardar di sotto
spera sempre che tu cada giù!
- Come andrà a finire? -
Quartetto Cetra Però Mi Vuole Bene


noveccentrico
noveccentrico |
Ieri sera Daniel Johnston mi ha voluto lasciare un piccolo regalo. Complice anche l'algoritmo di Youtube che alla fine di un una canzone di Johnston mi ha "correlato" questo brano e da qui, un viaggio (non lunghissimo, ma parecchio intenso), su questo progetto "Skinshape". Siamo tra i Wood e i Mild High Club, tra psichedelia e soul, tra anni 70 e melanconia anni 90. Non siamo in nessun posto nuovo, ma è bello starci. Skinshape - I won't be there


noveccentrico
noveccentrico |
Oh! Voi, sì: voi. Voi, amanti di circhi e lacrime di Pierrot. Voi, discepoli di Ayers, Wyatt, Waits ecchenesò: aggiungete al vostro carosello questo diamante dello Zecchino d'oro. La tromba del pagliaccio - Ivonne Villante (7° Zecchino d'Oro, 1965)


noveccentrico
noveccentrico |
Avevo già scritto del chitarrista che dava il benvenuto al crepuscolo coinvolgendo tutto il quartiere con le sue pentatoniche improvvisate, talvolta finemente jazzate, spesso maldestramente eseguite. Dopo alcuni giorni di assenza me lo ritrovo lì, pronto -come sempre- a dare linfa melanconica al giorno che se ne va e alla notte che arriva. Ma d'improvviso il circondario insorge: urla, frasi minacciose, assedio da decreto sicurezza bis. Uno addirittura ha risposto con un bombardato di musica ad altissimo volume: una playlist che iniziava con "Il cielo d'Irlanda" della Mannoia e proseguiva con una compilation di musica celtica da cesta da autogrill. Da quel giorno il chitarrista tace, mortificato. Perché in quelle note talvolta sgraziate, c'era un quid di malinconia, un "blu" che non a tutti è dato comprendere. Caro chitarrista, mi piacerebbe vendicarti, ma la mia chitarra acustica suona gentile e in sordina, con la sua accordatura che oscilla tra "Red House Painters" e "Pink Moon", con i suoi 432 hz. Ma potrei anche ricordare che, in fondo, è pur sempre una chitarra acustica elettrificata... due pedaliere giuste e, giuro, ti farò rimpiangere. Metal Machine Music, Pt. 1


noveccentrico
noveccentrico |
Dalla piattaforma sonora, ecco "L'indovino del villaggio". A seguire: "Lo scemo del villaggio". J. J. Rousseau: Le Devin du Village - I/2 Air [Colette]: J'ai perdu tout mon bonheur


noveccentrico
noveccentrico |
Un saluto a un attore straordinario: Carlo Delle Piane Regalo Di Natale - Pupi Avati -


noveccentrico
noveccentrico |
Sensibile, come ogni due agosto alle 10:25. Offlaga Disco Pax - Sensibile


noveccentrico
noveccentrico |
noveccentrico
noveccentrico |
Per qualcuno il concetto di vacanza o di ferie è stare tutte le sere con una chitarra elettrica in mano collegata a un amplificatore e deliziare il vicinato (e, talvolta, il quartiere tutto), con questo genere chitarristico. E vi assicuro che tornare a casa, con quel crepuscolo grigio di smog cittadino e ascoltare questo genere è quanto di peggio mi sento di augurare a tutti quelli che hanno votato il governo del cambiamento. E meno male che non ha l'amico con il flauto traverso.
Cymande - Dove


noveccentrico
noveccentrico |
Morricone, Steve Reich, Pat Metheny...ah, The Orb Little Fluffy Clouds


noveccentrico
noveccentrico |
Anna Lou (credo si scriva così) Castoldi è la figlia diciassettene di Morgan e Asia e nella sua playlist su Instagram ti piazza, così, i Kigakaku Moyo. A latere delle carriere ‘so 1929 dei genitori, tanta stima per la ragazzina. Kikagaku Moyo - Kogarashi


noveccentrico
noveccentrico |
Ieri ho provato a guardare l’uno contro tutti di Carmelo Bene da Costanzo. Anno 1994. Quattro minuti di sfoggio citazionista e proto-trollate, denigrazione della stampa, salvo uso cicero pro domo sua. Attacco alla
casta, una sequenza di vaffanculo e al minuto cinque arriva il termine “italiota”. Cosa mi ha ricordato? Ça va sans dire: il
protogrillismo. E la
de-evoluzione.
Devo - Jocko Homo


noveccentrico
noveccentrico |
Cosa c'entravano i Talk Talk a Sanremo 1986? Hollis non era neanche il belloccio della band tutta cotonature e copertine patinate. Non avrebbe di certo bissato Simon Le Bon, quando l'anno prima lanciò per sbaglio in aria il microfono facendosi sgamare in playback: aspetto poco influente in quel contesto di delirio. Life's what you make it, il viso ciano e anti-televisivo di Hollis, coperto da un paio di occhiali da sole. Coinvolto nella baracconata festivaliera, a seguito dei grandi successi di classifica. Ricordo quella esibizione. Avevo nove anni e fu la cosa che mi piacque di più di quel festival (insieme a Senza un briciolo di testa di Marcella Bella).
TALK TALK: LIFE' S WHAT YOU MAKE IT [1986]


noveccentrico
noveccentrico |
Due mesi di ristrutturazione si sono trasformati in cinque mesi dove è uscito fuori il peggio di me. Avete presente il pesantissimo intercalare dialettale dei ragazzi di Mery per sempre o Ragazzi Fuori? Ecco, immaginate un fine e sofisticato intellettuale vestito Paul Smith che parla come un Francesco Benigno. RINO GAETANO-FABBRICANDO CASE