splinter e le DuecentoUndici recensioni che ha scritto

Copertina di Pure Reason Revolution: Above Cirrus

Pure Reason Revolution: Above Cirrus

di splinter 21 set 17:27 DeRango™: 5,52

Galvanizzati dal graditissimo ritorno di due anni fa, i Pure Reason Revolution si ripresentano ancora una volta con grande entusiasmo ed ispirazione. ”Above Cirrus” presenta ancora una volta una band in gran spolvero, dimostrando che la scelta di tornare dopo un lungo silenzio è stata più che mai azzeccata. Le caratteristiche non cambiano moltissimo rispetto al precedente “Eupnea”, e sono all’incirca quelle che contraddistinguono il loro marchio di fabbrica. Le chitarre suonano ancora una volta sporche ed abrasive ma con quel retrogusto indie, il basso è anch’esso metallico e rugginoso, i sintetizzatori si alternano fra suoni delicati e vagamente psichedelici,… [di più]

Copertina di Pattern-Seeking Animals: Only Passing Through

Pattern-Seeking Animals: Only Passing Through

di splinter 16 set 20:48 DeRango™: 12,37

Senza perdere tempo, senza grattarsi le palle, per i Pattern-Seeking Animals è già terzo album e i risultati sono ancora incredibili. Il progetto parallelo di discendenza Spock’s Beard si è presentato al pubblico come una nuova incarnazione di prog melodico, ma il secondo disco ci ha subito mostrato una band che non voleva accontentarsi di rimanere confinata in questa connotazione, svelandosi così sicuramente più eclettica e varia nelle influenze. Questo terzo disco non poteva che esserne la diretta conseguenza, l’estensione della protesi creativa. Sono sincero, “Only Passing Through” non è un dischetto come tanti (ma nemmeno “Prehensile Tales” lo era),… [di più]

Copertina di Rammstein: Zeit

Rammstein: Zeit

di splinter 2 set 22:41 DeRango™: 16,27

L’avevo detto, non mi sarei sorpreso nel sentire i Rammstein produrre un lavoro più soft. Non che questo lo sia in termini assoluti ma relativamente in un certo senso sì. Ad essere sincero non sono esattamente un grande amante del lato soft dei Rammstein, quando tentano il brano che spezza il ritmo, la semi-ballad o qualcosa che vi si avvicina a mio avviso non rendono granché, non li considero dei grandi fabbricanti di melodie, al contrario ho sempre considerato la melodia come il loro punto debole, la melodia nei Rammstein non è mai davvero struggente. Non escludo che l’uso della… [di più]

Copertina di Marillion: An Hour Before It's Dark

Marillion: An Hour Before It's Dark

di splinter 23 ago DeRango™: 6,18

Grande ritorno anche per i Marillion, altra band che non ha bisogno di presentazioni, dopo un periodo di assenza anche per loro abbastanza significativo, quasi 6 anni. Li avevamo lasciati con l’imponente e vellutato “F.E.A.R.” e in quella direzione proseguono. I Marillion in mano a Steve Hogarth si sono sempre contraddistinti per un sound delicato e d’atmosfera ma non sono mancati i momenti più rock e la ricerca sonora. “An Hour Before It’s Dark” non stravolge quella formula che caratterizza gran parte della produzione del combo inglese: le chitarre che si manifestano quel tanto che basta, le tastiere leggere, vellutate… [di più]

Copertina di Tears for Fears: The Tipping Point

Tears for Fears: The Tipping Point

di splinter 17 ago DeRango™: 21,35

Sembra incredibile ma ce l’hanno fatta! I Tears For Fears pubblicano il loro settimo album a distanza di ben 18 anni dal precedente! Ai tempi ne erano trascorsi 9 dal disco ancora precedente, chi si sarebbe aspettato nel 2004 che per l’album successivo l’attesa sarebbe stata addirittura doppia…?! Parliamo insomma di una band non molto prolifica, 7 album in 40 anni di carriera sono piuttosto pochi. Il duo non ha certo bisogno di presentazioni, sono stati un nome importante nella scena pop degli anni ’80, non però quella dolciastra e frivola, piuttosto quella più ricercata e raffinata, quella che si… [di più]

Copertina di Cynic: Ascension Codes

Cynic: Ascension Codes

di splinter 12 ago DeRango™: 9,47

I decessi a distanza ravvicinata dei due membri storici Sean Reinert (aveva comunque già lasciato la band qualche anno prima) e Sean Malone non fermano i Cynic. Paul Masvidal rimale l’unico superstite del nucleo originario e porta avanti il marchio con orgoglio. Pensavamo fosse finita ed invece è arrivata questa grossa sorpresa intitolata “Ascension Codes”. Non so quanto potessero essere alte le aspettative, dopo sette anni da quel “Kindly Bent to Free Us” che appariva piuttosto privo di mordente. Invece ci troviamo di fronte ad un sound ridisegnato con intelligenza. Chiaro fin dall’inizio che bisogna assolutamente dimenticarsi di quel capolavoro… [di più]

Copertina di Polyphony Digital: Gran Turismo 2

Polyphony Digital: Gran Turismo 2

di splinter 4 lug DeRango™: 19,22

Già il primo Gran turismo era tanta roba, tante auto, un bel programma di gare, longevità già alta e difficoltà già seria. Pensavo di aver visto tutto, roba della serie “ora posso anche morire felice”, invece non avevo visto nulla, in confronto a “Gran Turismo 2” il primo è praticamente nulla. Già a partire dal fatto che si tratta di un doppio cd. Eh sì, questa volta le due modalità hanno un intero cd dedicato, un disco per la modalità Arcade e uno per la modalità Gran Turismo. Le due modalità tuttavia non sono completamente indipendenti l’una dall’altra come nel… [di più]

Copertina di Coldplay: Music Of The Spheres

Coldplay: Music Of The Spheres

di splinter 8 mag DeRango™: 22,07

Parlare male dei Coldplay ormai va di moda, su ogni post loro dedicato le critiche si contano sempre a grappoli. Ma siamo sicuri che queste siano davvero meritate? Le persone hanno davvero ascoltato, approfondito, analizzato la band? O semplicemente li hanno “sentiti”? Vediamo di andare a fondo. “Music of the Spheres” è la complementare stilistica ravvicinata nel tempo di “Everyday Life”, più o meno allo stesso modo in cui “A Head Full of Dreams” lo era per “Ghost Stories”, in entrambi i casi si tratta di un disco molto pop ed immediato che esce a breve distanza da uno invece… [di più]

Copertina di Ross Jennings: A Shadow of My Future Self

Ross Jennings: A Shadow of My Future Self

di splinter 3 apr DeRango™: 0,89

Ci ha provato da solista anche Ross Jennings, controverso vocalist degli Haken. Dico controverso semplicemente perché la sua voce suscita molte perplessità. Mi è sempre sembrata (e non credo di essere l’unico) il punto debole ma perdonabile di quella band incredibile che sono gli Haken, appare priva di mordente, a volte un po’ dolciastra, intonata sì ma poco incisiva, ripetitiva e monocorde, il compitino ben fatto insomma; l’amico Mattone (ormai praticamente inattivo su questo sito), che conosco di persona, in un’occasione l’ha addirittura definito all’incirca un “Jon Anderson dei poveri”. Eppure ero comunque curioso di vedere cosa avrebbe tirato fuori… [di più]

Copertina di Dream Theater: A View From The Top Of The World

Dream Theater: A View From The Top Of The World

di splinter 22 mar DeRango™: 2,42

Lo stop ai concerti ha portato in studio anche i Dream Theater e a detta di molti lo stop ha fatto bene. “A View from the Top of the World”, quindicesimo lavoro dei maestri del progressive metal, ha sorprendentemente incontrato i favori anche dei più criticoni della band, è forse il loro lavoro più apprezzato da diverso tempo. Cercherò di spiegarne il perché e di farlo in maniera piuttosto imparziale. Il presupposto di partenza è uno: è un disco di vero progressive metal, è un disco che suona Dream Theater fino in fondo, e a quanto pare questo è quel… [di più]