The Wisers
The Fall

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"The Fall Ep" è il nuovo lavoro di studio di The Wisers, gruppo partenopeo attivo fin dal 2007. La voglia di sperimentare e numerosi cambi di line up hanno dato una direzione molto diversa al sound garage-punk inziale della band, che si è evoluto in un genere difficile da classificare, ricco di riferimenti ed esperimenti musicali, che tuttavia riesce a tenere conto della forma canzone e a mettere in risalto le strutture e le melodie più classiche.

Hardcore, post-rock, pop e persino folk, psichedelia e una certa vibe anni 70 coesistono in armonia nei cinque brani che compongono "The Fall ep", (che come i precedenti capitoli della discografia The Wisers è disponibile gratuitamente online). Sfuriate hardcore e massicce dosi di groove si contrappongono a momenti ai confini con l'ambient e il noise.

Una produzione eccellente, l´immediatezza nell´esecuzione e le diverse sfumature sonore, cosi diverse tra loro, eppure perfettamente a proprio agio nell´ambito di questo lavoro sono sicuramente tra i punti forti di questo Ep, che nonostante sia il terzo lavoro della band (dopo "Spaghetti Breaks and Puke!" e "The Less You know The More you live") si può quasi considerare come un nuovo debutto.

Vale la pena approfondire!

Questa DeRecensione di The Fall è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-wisers/the-fall/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

carlo cimmino
carlo cimmino Divèrs
Opera: | Recensione: |
Apperò. E' davvero fervida questa scena napoletana!

aerdna
Opera: | Recensione: |
che caso strano: anche questi fanno parte della SIT STILL PROMOTION label

cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Apperò, che agglomerato di degeneri e desuocere! Quoto Cimmi Carlino riponendo tuttavia il beneficio del dubbio in qualche eventuaele sample. Tu sei stato bravo e hai messo curiosità con poche parole, anche se personalmente diffido spesso delle nuove leve del genere (quale?). Fosse per me gli emergenti affogherebbero tutti nei loro liquidi amniotici! :D

cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ah, ma sei quello dei One Stop Left. Mi rimangio tutto.

Finnegan
Opera: | Recensione: |
PROPAGANDA SQUALLIDA PER UN GRUPPO SQUALLIDO IO SONO DI NAPOLI LI HO VISTI E LI CONOSCO BASTA GRUPPI INDIE DA QUATTRO SOLDI AVETE ROTTO QUALE PUNK QUALE POST ROCK QUALE HARDCORE QUESTI FANNO LA STESSA ROBA TRITA E RITRITA

dlf
dlf
Opera: | Recensione: |
Sin da quando il Mondo aveva
sol viventi Adamo ed Eva
era in voga in tutti quanti
di coprirsi sul davanti.
Ma nessuno pensò - strano -
di coprirsi il deretano!

Le scurregge più discrete
conturbavano la quiete
ed allora i dolci suoni
non urtavano i calzoni.
La scurreggia di gran gloria
si è coperta nella Storia!

Scurreggiò il gran Patriarca
- col suo zoo - dentro all'Arca!
Gli Ateniesi e gli Spartani
le facean sublimi, immani!
Noncurante e pien di noia
le fece Achille dinanzi a Troia.

Dio Nettuno col tridente
le facea a suon stridente
e Giunon formosa e bella
le faceva a squacquarella.
In Egitto i faraoni
le facevan da padroni.

Poi si dice che Mosè
le facesse come potè
e quel porco di Pilato
le facesse a perdifiato.
In oriente Costantino
le faceva pian pianino.

Scurreggiavano i pagani
scurreggiavano i cristiani.
E la bella Messalina
le facea tutte in sordina.
Scurreggiava Roma intera
dal mattino sino alla sera.

Anche il sesso femminile
scurreggiava in grande stile
e non eran certo poche...
domandatelo alle oche!
Si racconta che Tiberio
scurreggiasse serio serio,

che Caligola il tiranno
le facesse tutto l'anno
e più d'una ogni mattina
ne facesse Catilina.
Scurreggiava pur Nerone
Mario, Silla e Cicerone.

Senza sforzo le vestali
ti spengevano i fanali.
Quelle poi dei Pretoriani
ti smerdavano le mani
e con schiaffo sulla trippa
le facea Menenio Agrippa.

Odoacre il Dittatore
Carlo Magno Imperatore
e Federigo Barbarossa
le facevan con la mossa.
Quelle poi dei Feudatari,
un bottino senza uguali!

Scurreggiò pure Colombo
col suo culo intorno al mondo
la sua ciurma in alto mare
non poteva ognor crepare
e su quelle caravelle
le faceva a crepapelle.

In Firenze Pier Capponi
si smerdava i mutandoni.
Padre Dante il Ghibellino
imitava il violino,
e a Beatrice - par cosa strana -
gli si alzava la sottana!

Scureggiò Napoleone
anche al rombo del cannone.
"La battaglia non si perda!"
e Chambronne rispose: "Merda!"
e la cosa è più sicura
se c'è di mezzo la paura!

C'era il celebre Manzoni
le faceva come tuoni!
Mentre invece il Machiavelli
sradicava gli alberelli,
ed a colpi di pennello
le faceva Raffaello!

Di Archimede dir si suole
che oscurasse pure il sole.
Ed il grande Galilei
le facea a sei a sei!
Quelle poi del gran Leopardi
puzzolenti, Dio ci guardi!

Pio Nono, in Vaticano
otturava con la mano
il suo culo scurreggiante
poi annusava, inebriante!
Il Prussiano Cecco Beppe
le faceva secche secche.

Menelicche e Taitù
le facean nei Tukul
e per decoro e per onore
per nascondere il rumore
- Può sembrar cosa da pazzi -
sbatacchiavano li sassi!

Re Vittorio detto "Pipino"
le faceva con l'inchino!
Il gran Duce del Fascismo
le faceva con sadismo
e per farsi ben guardare...
stavan molti ad annusare.

In Germania, col Nazismo
una legge sul razzismo
proibiva ai Semiti
scurreggiare tutti uniti
pèna - pensa - addirittura
la prigione e la tortura!

Scurreggiando senza eguale
per la pace alfin mondiale:
Anglo, Russi, Americani,
coi Francesi e gli Australiani
sterminarono il terrore
pien di lutti e disonore!

Ora che c'è democrazia
puoi sentire per la via
scurreggiar liberamente
con sollievo della gente!
Son tornati quei bei tempi
lo dimostro con gli esempi:

nell'America del Nord
si scurreggia sù le Ford!
Nell'America Latina
furoreggia l'Argentina
per scurregge e per rivolte
che si fanno a briglie sciolte!

Nella Russia Comunista
le scurregge assai più in vista
roboanti, ultrafetenti
a sentire quelle genti
le fa solo Malenkov
Bulganin e infin Kruscev!

Nella Cina Popolare
scurreggiar non fa mai male
per le strade di Pechino
l'operaio e il mandarino
con la grazia e col sorriso
fan scurregge miste e riso.

Nella Spagna del Caudillo
si scurreggia a spruzzo, a sgrillo.
Ad ogni scurreggia - par cosa strana -
la gente grida: "Arriba Espana"!
e sembra cosa assai pulita
nettarsi il

dlf
dlf
Opera: | Recensione: |
Ad ogni scurreggia - par cosa strana -
la gente grida: "Arriba Espana"!
e sembra cosa assai pulita
nettarsi il culo con le dita!.

Nella terra d'Elisabetta
si scurreggia piano e in fretta.
Ma la Regina - dentro al palazzo -
parla col culo, con grande schiamazzo.
Dalle sue chiappe - come da un disco -
esce un richiamo: "fffilippo" fffilippo!".

Anche in Italia, gran bella Nazione,
per le scurregge non c'è discrezione!
Scurreggiano tutti: villani, cafoni,
preti, soldati, conti, baroni;
a questi fan seguito il sesso in gonnella
dalla vecchia matrona, alla dolce donzella.

Si scurreggia al Viminale!
Si scurreggia al Quirinale!
Si scurreggia in Tribunale!
Si scurreggia all'Ospedale!
Si scurreggia sopravento!
Si scurreggia sottovento!
Si scurreggia per spavento!
Si scurreggia nel Convento!
Si scurreggia in Farmacia!
Si scurreggia in Filovia!
Si scurreggia in Galleria!
Si scurreggia in Sacrestia!
Si scurreggia alla Stazione!
Si scurreggia alla lezione!
Si scurreggia stando al fresco!
Si scurreggia assisi al desco!
Si scurreggia nelle Sale!
Si scurreggia al monte, al mare!
Si scurreggia negli asili!
Si scurreggia nei cortili!
Si scurreggia senza fine
nei Teatri e anche al Cine!
Qualche volta - per diletto -
si scurreggia al gabinetto!.

Dopo quanto è stato detto
non si può chiamar difetto,
se Voi pure qualche volta
le facciate a briglia sciolta.
Quindi è ovvio ed è un diritto,
che scurreggi il: "Sottoscritto!".


laserlife
Opera: | Recensione: |
Mi chiedo se oltre agli insulti (gratuiti) qualcuno abbia ascoltato almeno la musica prima di commentare. Questo sito è stato creato apposta per gli utenti per dare la possibilità a tutti di avere un proprio spazio ("recensioni scritte da chi vuole"). Qualcuno ha notato che i gruppi fanno parte della Sit Still (di cui sono collaboratore), che è un collettivo musicale che aiuta alcuni gruppi a prodursi al meglio e a pubblicare la loro musica, quasi esclusivamente in maniera gratuita sul web , e le recensioni sono positive per un semplice motivo: mi piacciono i gruppi con cui ho lavorato e sui quali scrivo, altrimenti non avrei motivo ne di avere contatti con loro, ne di prendermi la briga di scrivere una recensione. Ne le bands, ne certamente io diventiamo miliardari per quattro righe spese in favore di questa musica (che come detto in precedenza, è quasi sempre offerta in maniera gratuita). Le critiche sul lavoro degli artisti sono vitali e bene accette, ma qui vedo solo insulti gratuiti e non costruttivi.

dlf
dlf
Opera: | Recensione: |
Laserlife: con tutto il rispetto per te, i tuoi amici musicisti e la buona fede in quello che fai per il tuo collettivo musicale, arrivare qui e incensare uno dopo l'altro due gruppi sconosciuti di propri amici non mi pare il massimo della morigeratezza e gli utenti di DeB non aspettano altro per fare dell'ironia e spammare a rota (cosa da cui ti sei salvato, comunque). E' pur vero che siamo su Debaser "recensioni scritte da chi vuole" ma se tutti cominciassero ad intasare il sito di recensioni promozionali sui gruppi dei propri amichetti su cui nessuno può imbastire una discussione seria dato che nessuno li conosce sarebbe la fine di Debaser stesso. Almeno questa è la mia opinione. Poi, diciamocelo con franchezza, l'affermazione su quanto la produzione sia eccellente detta da uno che probabilmente fa parte della produzione stessa fa quantomeno sorridere e qualche bonaria presa in giro te la dovevi pur aspettare... :-)

dlf
dlf
Opera: | Recensione: |
Ma poi parlo io... Vabbè, bona!

JAK666
Opera: | Recensione: |
GIOVENTU', STATEV CALMI

MO U SACC
che in effetti stu tipo sta facenn nu poc di pubblicita' furbetta su stu bellu sitariello

però io da buon napoletano li ho ascoltati questi qui, e li ho pure sentiti dal vivo e so bunarielli.
MO IL MIO CONSIGLIO
sfogatevi come volete su derecensore, che cmq nn ha scritto ca..ate

e ANDATEV A SENTI' L ALBùM

magari ve piac pure

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: