Sto caricando...

Zita Swoon
Big City

()

Voto:

Zita Swoon.

Di sicuro non il gruppo più conosciuto di questo mondo.

Gli Zita Swoon sono un gruppo belga che potremmo definire come la “costola più pop” dei più conosciuti dEUS.

Formatisi ad Antwerp, Belgio, nel ’93 come A Beatband cambiano nome dopo un EP in Moondog Jr., ma abbandonano anche quest’ultimo dopo un solo album per problemi legali diventando così Zita Swoon e segnando l’abbandono dei dEUS da parte del fondatore Stef Kamil Charlens.

Potendosi dedicare a tempo pieno al suo nuovo progetto SKC sforna con gli Zita Swoon tre album che segnano un percorso musicale che dall’alternative-rock degli esordi porta verso un continuo mix di generi che mantiene sempre come filo conduttore un pop raffinato, intelligente e soprattutto fresco.

In questo "Big City" troviamo il perfetto risultato di questo percorso, la mistura di generi è completa e troviamo influenze disco anni ’80 che si fondono con il funk come in “I Feel Alive In The City”, oppure sonorità jazz be-bop dipinte con un tocco di noir in “Je Range”, con cantato in francese, per arrivare finalmente al folklore belga di “L’Opaque Paradis”, folklore pur sempre sporcato con influenze ed inserti cubani da una parte e medio-orientali dall’altra.

Il punto forte di questo lavoro è proprio questa assenza di un riferimento musicale fisso, una condizione di “clandestinità sonora” che porta l’ascoltatore a viaggiare tra le varie culture musicali esplorate, tra il folk a la Nick Drake macchiato di elettronica della title track e la nenia sud americana travestita da chanson française di “Humble”.

Un album che si potrebbe definire difficile, non tanto da comprendere quanto da apprezzare, difficoltà che rappresenta un po’ il rovescio della medaglia di quel fantastico caleidoscopio di culture musicali che "Big City" rappresenta, ma è una difficoltà che una volta superata lascia solo il piacere di una musica che trova nell’aggettivo “globale” la parola che meglio la definisce.

Dedicata timidamente e silenziosamente alla “scopa acida” che mi ha fatto conoscere gli Zita Swoon.

Commenti (Quindici)

SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
Il loro debutto a nome Moondog Jr. ( Everyday I wear ... ) è a mio avviso un piccolo capolavoro misconosciuto dei '90. Del resto ho ascoltato poco. Recupererò!


ZannaB: Questo a mio avviso si discosta parecchio da Everyday I Wear A Greasy Black Feather On My Hat, più ricercato nella composizione e differente anche come genere, io lo preferisco!
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
Stavo per smentire la prima frase ma poi ho letto l'ultima. Mi hai fatto venir voglia di sentire gli Afghan Whigs anche se mi fanno cagare; metterò The Rise degli Arbouretum.


ZannaB: Caz Debaser è un isola felice, al di fuori gli ZS non sono così conosciuti, in italia almeno... E poi come fanno a farti cagare gli Afghan Whigs?????
jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
che bel mischino di generi, sembrerebbe qualcosa che piace anche al sottoscritto


jdv666: cmq io non li avevo mai sentiti nominare, vabbé che conosco da relativamente poco persino i dEUS...
ZannaB: Sul tubo trovi qualcosa ma occhio che live stravolgono praticamente tutto! E se conosci da poco i dEUS come punizione ti ascolti tutta la discografia di fila!!! ;-)
jdv666: al momento possiedo solo worst case scenario; prima o poi conto di procurarmi perlomeno anche the ideal crash e qlcs under the sea... il fatto é che é davvero umanamente impossibile purtroppo star dietro a tutto :/ peró ci si prova :D
ZannaB: Indubbiamente WCS è quanto di meglio abbiano prodotto! Sulla falsa riga c'è In a Bar Under the Sea mentre The Ideal Crash è meno eclettico ma a suo bellissimo anche lui. Pocket Revolution e Vantage Point sono per me evitabili mentre l'ultimo Keep You Close mi sta prendendo un casino!!!
ZannaB: E comunque si, è impossibile star dietro a tutto!
Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
Cioccolato belga...


Lewis Tollani: Il punto in più alla rece perchè la chiusa mi ha fatto di molto ridere...
ZannaB: Grazie!!! ;-)
cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera:
Recensione:
La recensione è bellissima ma ogni volta che sento parlare di sto gruppo più che concentrarmi sulla musica mi viene in mente la discussione in questa recensione: A Song About A Girls - Zita Swoon - Recensione di mita . Bei tempi.


ZannaB: Bel disco, bella rece, bei tempi. Grazie per i complimenti, troppo gentile! ;-)
odradek: Oh,CPTGAIO, grazie! Mi hai fatto venire in mente che da almeno 6 mesi devo rispondere ad una mail di Mita... Eccola qui la variante ad esordio precoce dell'Alzheimer
ZannaB: Non ti preoccupare Odra, l'anno prossimo sarà peggio...
cptgaio: :-D
odradek: :))
cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera:
Recensione:
odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Questo mai sentito, grazie a ZannaB. E' il genere di cosa che ho voglia d'ascoltare in 'sto periodo.


chinaski033
chinaski033
Opera:
Recensione:
Ero solo curioso di leggere una tua rece, il gruppo non l'ho mai ascoltato e penso che mai lo farò. Comunque bravo.


ZannaB: Suvvia Chinaski, ascoltare un brano sul tubo non costa niente... Prova questo Zita Swoon-Thinking about you E ad ogni modo grazie per i complimenti! ;-)
chinaski033: Ma sì, possono starci, pensavo peggio! E poi mi piace come suona la chitarra il tipo, e penso che mi hai linkato questa proprio per farmi vedere che suona la chitarra discretamente. ;)
ZannaB: Diciamo che in base a un paio di discussioni avute qua in giro ho scelto quella che ti si "addiceva" di più! :-)
chinaski033: Si zanna avevo capito che la tua fosse una scelta mirata ed infatti (che tu ci creda o no) mi è piaciuta abbastanza! Ora devo passare all'ascolto del cd intero. Impresa ardua per me. :P
seagullinthesky
seagullinthesky
Opera:
Recensione:
Gran rece! Mandane in abbondanza!


ZannaB: Grazie! Sai io di solito faccio recensioni solo quando i dischi mi prendono veramente tanto e sfortunatamente non capita così spesso...
boredom
boredom
Opera:
Recensione:
5 alla rece e soprattutto all'ultima frase...


ZannaB: Ero indeciso sulla frase, mi sembrava un po' "esagerata", ma alla fine è semplicemente la verità...
turkish
turkish Divèrs
Opera:
Recensione:
Il loro tour italiano di qualche annetto fa fu praticamente un demeeting diffuso... bei tempi.


ZannaB: E io ancora non sapevo chi fossero porca zozza!
Ali76
Ali76
Opera:
Recensione:
Avrebbe apprezzato, non li conosco ma provvederò.


Ali76: Grazie alla tua rece ho scacomprato Song for a Girls....mooooolto bellino!
Appestato mantrico
Appestato mantrico
Opera:
Recensione:
tanto amore!


ZannaB: Una vagonata!!!
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Ciao ZannaB; spesso e volentieri ho sentito parlare sul sito del gruppo belga a me purtroppo totalmente sconosciuto. Ottima la recensione, con alcuni particolari geniali, come quando citi "condizione di clandestinità sonora" per cercare di definire i loro indefinibili riferimenti musicali; e cosa dire dell'ultima riga, dove dimostri una sensibilità d'animo degna di massima stima...Chapeau!!!!


ZannaB: Grazei DeMa, troppo buono! Visto il tuo avatar e quel poco che so riguardo ai tuoi gusti non credo possano fare per te, ma se cambi idea fammi un fischio che ti consiglio volentieri.
De...Marga...: Il mio avatar dimostra il mio amore assoluto per i Death del compianto Chuck Schuldiner; ma sono di mente apertissima e nelle prossime giornate ti prometto che mi occuperò dell'ascolto dei Zita Swoon, partendo proprio da questo album.
tonysoprano
tonysoprano
Opera:
Recensione:
Leggo solo adesso la tua recensione. Bravo.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Big City è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link