Battlegods e i suoi commenti

Opera: | Recensione: |
Se i VDGG fossero stati una meteora avremmo definito questo disco aggiungendo "capo" davanti alla parola "lavoro" (trittico alieno "Darkness", "Refugees", "After The Flood"). Però, meno male ci sono anche gli altri album e la carriera di Peter ;)

Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «*non è costretto ad essere cattivo». Vedi la vecchia versione link rotto

Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «*ultime riflessioni su Zanna». Vedi la vecchia versione link rotto

Opera: | Recensione: |
E ora una bella recensione su "Zwei Osterei" dei Kluster per bilanciare ;)

ygmarchi2: I Neu! sono i miei krauti preferiti, andrò con con quelli :)
Battlegods: Anche se pluricitati e recensiti di già, ma comunque ci sta... ;)
Battlegods: Sono ben accolte le ricerche strambe. Il Deb è sia una fotografia degli amori sonori che si hanno, ma anche una crescita negli ascolti. Se adori i Neu, perfetto, ma vai avanti, visto che la Germania aveva almeno 20 band da menzionare e riscoprire ;)
ygmarchi2: Zwei Osterei lo sto ascoltando, non l'avevo mai sentito. Bisogna riconoscere che i servizi di streaming sono una incredibile manna per l'audiofilo.
Battlegods: I Kluster con Schnitzler erano puro industrial (ascolta la 2 parte, perchè la 1 è parlata in crucco e non è troppo interessante.)
I primi due album dei Cluster, senza Schnitzler, hanno un sound meno grezzo, più maturo. Ti conviene perdere un pò di tempo con quelli più che con i Kluster...anche perchè gli ambient e i loop sono più o meno quelli ;)
ygmarchi2: Beh il grezzo per me non è un problema, anzi, il disco mi sta gustando parecchio.
ygmarchi2: Però non è fastidioso che i crucchi siano sempre più avanti? :)
Battlegods: Beh, in Italia anche c'erano vari gruppi experimental (Area, Picchio dal pozzo, Opus avantra, Aktuala, "Aria" di Alan sorrenti, "Volo magico" di Rocchi, Luciano Cilio...)
rossana roma: Gli italiani più famosi li conosco ma non mi prendono. Ormai li ho archiviati.
rossana roma: Opera mi sono intromessa, scusate. Non me ne ero accorta, pensavo dicevi a me.
Battlegods: Beh spero che ascolti ancora Area, Banco, Orme, PFM...e il Picchio dal pozzo che è veramente magico. Tiè ;) Picchio Dal Pozzo - Merta ~ Cocomelastico
ygmarchi2: Di questi conosco solo gli Area, li apprezzo, ma tutto sommato il loro jazz-rock fusion non era poi molto sperimentale, ma allineato con la musica dell'epoca.
Battlegods: Beh oddio, "Lobotomia" manco i Faust ;) senti Il Picchio, unico esempio italiano alla Hatfield & the north.
ygmarchi2: Prendo nota
rossana roma: mi sta venendo un sospetto. ho avuto. (c'e magari ancora ma non e fra le persone attive su fb e fa bene) un certo lord Picchio.. mumble.. mumble..gia' che non ho mai conosciuto un nome simile tra gli artisti italiani.. vabe' ero una ragazzina, una conoscenza approfondita e per gente del mestiere..
In: Droolian di luludia
Opera: | Recensione: |
Peccato che la fissa con il kraut è arrivata dopo i Teardrop, perchè tutta sta roba experimental non è che l'abbia fatta mai :D

luludia: ne ha fatta e pure tanta...io poi magari non l'ho ascoltata...di Cope conosco cinque, sei album più le cose coi teardrop...ma la sua discografia è sterminata e piena davvero di cose folli (che prima o poi ascolterò)...
Battlegods: Lui solista ne potrà pure avere, magari approdando sul noise al massimo, ma i Teardrop non erano nè dub e nè post punk...una new wave con qualche rimando ai Sixties :)
luludia: ah si, io pensavo al cope solista...è anche vero che nel kraut rock ci son tante cose diverse...
Battlegods: Dalla band che scimmiotta il blues inglese all'experimental di un altro pianeta ;)
luludia: ci sono i cosmici, i mistici, i modernisti...un sacco di gente...e lode al vecchio julian che ci ha aiutato a conoscerli...
Battlegods: Beh, io e te siamo per tutte e tre le razze che citi ahah Ma infatti è stata una mossa saggissima quella di Giuliano ;)
Opera: | Recensione: |
Mi ci sono fiondato immancabilmente nel periodo slow core a palla (almeno tre anni fa). Il genere non è rimasto scolpito tra i miei amori sonori ma lo riascolto sempre (sono più per "Loveless" o i Talk Talk di "Spirit").

CosmicJocker: Io tra i lidi slowcore ci ritorno sistematicamente..poi in un estate rovente come questa è quasi un atto psicomagico
Opera: | Recensione: |
Conoscete "Dom" degli Edge of time? Anche li ci sono schemi troppo risentiti già dall'inizio dei Settanta. Forse i Limbus 3 sono la scoperta più intrigante del panorama underground.

ALFAMA: Si, ma lo trovo più interessante, più misterioso, ostico. Questo è una cartolina,con suoni telefonati,senza un minimo d'interesse.
Opera: | Recensione: |
Discogs gli appioppa 4 stelle e mezza su cinque.

Battlegods: Mi sembra un pochettino anonima la proposta sonora in effetti.
In: #1 di CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Happy hippo in a trip :)

Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «*un'altra ricetta». Vedi la vecchia versione link rotto