pier_paolo_farina e le TrecentoCinquantaNove recensioni che ha scritto

Copertina di Status Quo: Quo

Status Quo: Quo

di pier_paolo_farina 13 nov 00:10 DeRango™: 74,24

Quand’ero teenager, discretamente imbranato e guardingo con l’altro sesso, non potevo comunque fare a meno di andare in discoteca alla domenica pomeriggio. Non mi ci divertivo molto… per le ragazze ero buon amico, affidabile e spiritoso ma per niente “pericoloso” e “pirata”, requisiti che a quell’età sono spesso decisivi, o almeno lo erano fra le mie conoscenze, per far conquiste. Così le mie amiche chiacchieravano volentieri con me, ma poi tutte tendevano a farsi attaccare al muro e spomiciare da qualche mio coetaneo più fornito di autostima e coraggio. C’era questo New Club che andava per la maggiore… Situato nel… di più

Copertina di JCM: Heroes

JCM: Heroes

di pier_paolo_farina 8 nov 22:06 DeRango™: 19,99

L’equazione che regge questo disco è la seguente: JCM = ½ Colosseum In altre parole è qui in azione la sezione ritmica del suddetto anziano gruppo, con la sola aggiunta del loro chitarrista storico, quindi facendo a meno di sassofonista (scomparso da tempo), tastierista e cantante solista. L’acronimo del moniker è generato, con un pizzico di fantasia, dalle iniziali dei loro nomi: John (Hiseman), Clem (Clempson), Mark (Clarke). Ogni discofilo che sia al contempo anche musicista rock, me compreso (anche se dilettante), ha una serie di propri idoli intoccabili fra la moltitudine di strumentisti che popola l’enorme lascito che questo… di più

Copertina di Fish: Sunsets on Empire

Fish: Sunsets on Empire

di pier_paolo_farina 5 nov 10:57 DeRango™: 18,07

Per la serie “continuiamo a raschiare il barile della musica rock dei decenni precedenti, visto che quella attuale è piuttosto in decadenza, asfittica e avara di novità…”, l’obiettivo che mi si è parato davanti ultimamente è il cantante, compositore, paroliere ed occasionale attore scozzese Fish, un omone alto come Michael Jordan autore di una fila consistente di album a suo nome, da me bellamente messi in secondo piano, quasi ignorati finora. …Avendo preferito correre dietro all’evoluzione del suo vecchio gruppo dei Marillon. Mah...! Per carità, gruppo stimabile ed alacre, coerente ed umile, dal suono elegante e rigoglioso, ma che palle… di più

Copertina di Men at Work: Two Hearts

Men at Work: Two Hearts

di pier_paolo_farina 4 nov 19:38 DeRango™: 44,88

L’inaspettato recupero di quest’opera, pescata in una svendita tre per due a cifra irrisoria, nonché il suo successivo ascolto in auto, mi hanno lasciato abbastanza basito. La voce di Colin Hay mi si è parata davanti in tutta la sua ricchezza dopo tanto tempo e tanti diversi ascolti e amori musicali, turbando e nutrendo il mio spirito, beneficiando il mio corpo: veramente una grande, grande voce, capace di mandare in solluchero l’anima pur intonando semplici canzonette pop rock. E la chitarra del compare Strickert? Perfetta, minimalista, rotonda, risonante, avvolgente con quel suo chorus perenne e il suo arrangiare intelligente, opportuno.… di più

Copertina di Boxer: Bloodletting

Boxer: Bloodletting

di pier_paolo_farina 26 mar DeRango™: 39,52

Ascolto raramente quest’album, mi mette malinconia… È perché vi suonano i miei due magnifici perdenti per antonomasia, scelti dal mio cuore fra tutte le migliaia di splendidi musicisti scoperti e assorbiti attraverso innumerevoli dischi e concerti. I Boxer, quartetto inglese operante tra il 1975 ed il 1977, all’epoca della pubblicazione di questa collezione di otto canzoni nel ’79 non esistevano più, purtroppo la metà di loro anche fisicamente… Il bassista Keith Ellis era schiattato per overdose nel dicembre ‘78, seguito tre mesi dopo dal cantante Mike Patto, arresosi ad una leucemia fulminante. Questi due lutti spinsero la casa discografica a… di più

Copertina di Cairo: Cairo

Cairo: Cairo

di pier_paolo_farina 19 mar DeRango™: 21,20

Cairo (bel nome... corto e distintivo!) è stato un valido e non troppo fortunato quintetto neo-progressive proveniente da San Francisco. Sono riusciti a pubblicare tre lavori, quest’esordio nel 1994, poi un secondo nel 1998 e l’ultimo nel 2001. Bravi, molto bravi… A parte la destrezza musicale (tastierista competentissimo… a livelli concertistici sul pianoforte; cantante con voce alta ed estesa, sufficientemente espressiva; batterista adeguato e soprattutto coinvolto a fondo a livello compositivo), fa specie la circoscritta miscellanea di stereotipi richiamata dal loro stile, che senza troppi fronzoli può essere riassunta nella seguente, lapidaria equazione: YES + ELP = Kansas ˗ violino.… di più

Copertina di Elton John: 17-11-70

Elton John: 17-11-70

di pier_paolo_farina 4 mar DeRango™: 45,90

Questo è il disco giusto per (provare a) far ricredere i detrattori cronici di Elton, quelli che non riescono a togliersi di mente l’effettiva immagine da vecchia zia assunta dal nostro oramai da decenni; gli stessi che non riescono a non fare di ogni erba un fascio, a proposito della notevole produzione di musica mediocre pubblicata negli anni ottanta e novanta (e basta… perché è da vent’anni a questa parte che stanno uscendo a suo nome buoni, talvolta ottimi, in un paio d’occasioni stupendi lavori). L’album è dal vivo ma… dentro uno studio d’incisione, quello newyorchese della sua casa discografica… di più

Copertina di Procol Harum: The Well's on Fire

Procol Harum: The Well's on Fire

di pier_paolo_farina 24 feb DeRango™: 37,29

Ho urgenza e necessità di un nuovo necrologio… i padri fondatori del rock classico se ne stanno andando ad uno ad uno e in questo stesso mese di febbraio, dieci giorni a seguire dalla dipartita di Ian McDonald co-fondatore dei King Crimson, se n’è andato sabato scorso pure un altro dei miei eroi, vale a dire Gary Brooker il cantante, pianista, compositore, co-fondatore dei Procol Harum: settantasei anni, e la fatalità del cancro anche per lui, come McDonald. Scelgo perciò di celebrarlo vergando due righe a proposito di quest’opera del 2003, forse la migliore dei Procol dai tempi eroici dei… di più

Copertina di King Crimson: In the Court of the Crimson King: An Observation by King Crimson

King Crimson: In the Court of the Crimson King: An Observation by King Crimson

di pier_paolo_farina 12 feb DeRango™: 94,73

Alcuni giorni fa, precisamente Lunedì 9 febbraio, in un ospedale di New York è morto di cancro, a settantacinque anni, Ian McDonald. A celebrazione di questo eccelso musicista intendo prendere spunto da quest’opera che, fra quelle a cui ha contribuito, vede il suo talento risplendere maggiormente e compiutamente. La Corte del Re Cremisi è considerata, a maggioranza assoluta, la miglior cosa dei King Crimson in tutta la loro frastagliata, altalenante, cinquantenaria carriera: vi sono ragioni da Storia della Musica, (la nascita del Progressive colla P maiuscola avviene qui, ancor nel 1969) e ragioni semplicemente artistiche essendo l’album farcito, almeno all’80%,… di più

Copertina di Widespread Panic: Ball

Widespread Panic: Ball

di pier_paolo_farina 14 gen DeRango™: 24,04

L’ottavo disco in studio dei Widespread (2003) comincia bene: l’arpeggio in minore di “Fishing” dulla chitarra acustica somiglia a mille altri, ma crea subito atmosfera. Il gruppo ci insiste sopra per tutto il pezzo, rinunciando al ritornello e facendogli così assumere un dondolio da mantra. In “This Ain’t Smells Like Mississippi” (sempre fighi i titoli) torna invece l’effetto Santana, grazie a quel ritmo rotolante pieno di timbali (pure in breve assolo) ed alla chitarra “fumata” di Houser che si rotola sul tappeto di Hammond. “Tortured Artist” mi ricorda vagamente la “Almost Cut My Hair” di David Crosby, bella acida anche… di più