Hetzer e i suoi commenti

Opera: | Recensione: |
Recensione pesantuccia e poco efficace.. Il brano me lo sto riascoltando ora , funziona molto bene ed è credo il secondo migliore di "Discipline" dopo Matte Kudasay.. Il resto del disco è interessantissimo tecnicamente, ma dimenticabile..
BËL (01)
BRÜ (00)

macaco: dimeticabile... non é che uno va in doccia e fischietta Indiscipline, e in quello che tu vedi come un difetto io ci vedo tutti i pregi.
Hetzer: Punti di vista; nemmeno "Neurotica" la fischietti sotto la doccia, ma col cazzo che me la dimentico..
Dislocation: Mah, un commento, anche negativo, anche sulla forma di scrittura, da uno dei decani del DeB è sempre roba ben accetta, ma o il nobile @[Hetzer] fa parte della genìa dei protofan dei KC che non piegano oltre "Red", o ama leggere solo recensioni "ZOT!" e questa certo non ne fa parte anzichenò....
Io non riesco ad essere sintetico a tutti i costi, non ce la faccio, quando posso esprimermi brevemente lo faccio ma se la brevità, la concisione, sacrifica aspetti base del concetto preferisco dilungarmi, chettedevodì....
Questo LP lo comprai il giorno della sua uscita e ti assicuro che allora (parlo non conoscendo la tua età e solo a mo' di cronista, nessuna velleità da vecchio sbruffone...) si pose come il punto di non ritorno della wave come fino ad allora la si era conosciuta e le nuove pulsazioni alla cui testa si erano posti I Talking Heads, con sprizzi Eno-logici qua e là.... Fripp si era dimostrato avanti e indietro rispetto alle mode, al mainstream e alla musica (allora si diceva pop senza l'accezione negativa che ha preso oggi, ma nel senso allargato e misterioso di musica giovane, sic!) ed era in grado di lasciare a bocca aperta vecchi fan del prog e nuovi virgulti che del punk e della tetraggine della wave stavano sinceramente raschiandosi il sacco scrotale...... Questo disco di rottura, nel senso nobile e primo, certo, era allora inclassificabile, e chi non sapeva che dire si limitava a dichiarare che il cantato di Belew ricalca pedestremente quello di Byrne, ed aveva ragione, ma non teneva conto di quanti cantanti fino ad allora si fossero mossi in territori nuovissimi tenendo a mente le lezioni di chi li aveva preceduti, ecosìvvia.
Lo so che ti ho di nuovo annoiato con la forma e l'argomento, ma te lo volevo dire. Un abbraccio.
Hetzer: Caro @[Dislocation] grazie per le gentili parole riguardo alla mia "età" debaserica.. Voglio chiarire giusto qualche punto: la recensione non mi è garbata, ma si tratta solo di una questione di percezioni personali.. Io stesso ho scritto recensioni-fiume decisamente poco agili e prive di sintesi, per cui comprendo perfettamente le tue scelte\preferenze stilistiche (che infatti per correttezza mi sono astenuto dal votare)..
Non sono "protofan" dei King Crimson, che non ho conosciuto in presa diretta ma solo perché sono solo leggermente (a spanne eh) più giovane di te.. Io non sono andato oltre THRAK, perché da lì in poi non è più my cup of tea.. Anche se "RED" rimane uno degli album prog migliori mai scritti, io credo che il trittico dell'81\84 sia più coerente, efficace e dirompente della trilogia "Larks' Tongue".. Ma credo anche che "Beat" sia molto superiore a questo come album, perché perde un po' di quella freddezza, cerebralismo, nevrosi e vuoto tecnicismo che, al mio orecchio, rende "Discipline" straordinario dal punto di vista dell'architettura sonora e degli arrangiamenti ma, appunto, dimenticabile..
hjhhjij: Paradossalmente, c'è un tale lavoro dietro, un tale calcolo, un tale cesellamento e un tale genio dietro questo lavoro che risulta essere tutto tranne che "vuoto tecnicismo". Che possa invece suonare freddo e cerebrale si, lo capisco, ci sta e capisco che di riflesso si preferisca il più leggero "Beat". Anche se qui ci sono "Elephant Talk" e "Matte Kudasai" che, perdonami, si pappano tutto "Beat" da sole, e a me piace tanto "Beat, figurati.
Hetzer: @[hjhhjij] mah, anche lì, io ci andrei piano con le valutazioni assolutistiche.. Di certo "Matte Kudasa"i vale quasi l'intero album.. La leggerezza non comunque è mancanza di genio o di cesellature, e "Beat" e "Three Of A Perfect Pair" per me sono più leggeri e più geniali di questo, che ho sempre visto come un prototipo di preserie piuttosto che un vero e proprio album..
Dislocation: D'accordo con te in molte cose, non su Discipline, per me il migliore della triade anni '80, il più completo proprio per le ragioni che te lo fanno piazzare dopo Beat....
Ti abbraccio, grazie!
hjhhjij: No è tutt'altro che un "prototipo" non scherziamo, è solo più coraggioso e come dice Dislo più completo e più definito. "Beat" invece si concede qualche compromesso in più. "Discipline" porta a totale compimento l'idea di musica che Fripp aveva in mente in quel momento, in parte mutuata dalle esperienze degli anni precedenti, "Discipline" dice già tutto per questo i due successivi possono permettersi o scampoli di maggiore leggerezza o diversi tipi di sperimentazione. Intendiamoci, non ho proprio mai detto che la leggerezza stia a significare mancanza di genio, io ti ho solo detto quel che personalmente trovo in questo disco qui, per spiegare come trovi davvero ingiusto attribuirgli un "vuoto tecnicismo" perché davvero di vuoto qui non c'è nulla, mentre ripeto comprendo altre considerazioni sul disco che ci stanno ci mancherebbe. Mai ho detto che in "Beat" non ci possa essere della genialità perché è più leggero. Maimaimai. Ovviamente quella su Elephant e Matte Kudasai voleva essere un'iperbole per dirti come in fondo ci siano brani tutt'altro che cerebrali o freddi e che, ma qui ovviamente è soggettivo, superano in qualità i pur ottimi brani del disco successivo. Riguardo alla maggiore o minore genialità di questo o dei successivi non discuto nulla, anche qui è soggettivo.
hjhhjij: Oh, io più che del confronto tra gli album controbattevo su alcune tue idee su questo disco qui, del fatto che preferisci i due successivi mi interessa poco eh, va benissimo così, non voglio convincerti per forza che questo è più bello dei due dopo, ci mancherebbe. Anche se quest'ultima è la vera verità assoluta e inconfutabile, certo.
Hetzer: @[hjhhjij] non sto scherzando: a me "Discipline" suona proprio come un prototipo sperimentale, un qualcosa uscito bene, benissimo, colmo di assurda perfezione, disciplinatamente (manco a dirlo) precisissimo ma sì, fondamentalmente vuoto, risuonante come gli echi della chitarra frippertronesca che lo domina..
I King Crimson " porteranno a totale compimento l'idea di musica che Fripp aveva in mente" molto meglio nei dischi successivi, come lo avevano già fatto (molto meglio) in alcuni dei precedenti..
Dislocation: Scusate l'intromissione.....
Io non sono d'accordo, per nulla, coi due dischi seguenti i quattro hanno solo evidenziato alcune specificità che in Discipline erano già tutte presenti... ma mi sa che stiamo discutendo di questioni di lana caprina... però che bella lana, eh, che ne dite?
hjhhjij: Be, si, la penso decisamente come Dislo. Comunque, andando con ordine: figurati e chi mai ha detto che tu stessi scherzando, ho detto solo che decisamente non riesco a vederla in questo modo. O meglio, da un certo punto di vista potrei dire che ogni lavoro di Fripp, non solo con i King Crimson, è un laboratorio di sperimentazioni eternamente prototipiche ma eternamente perfette e in continua evoluzione, ho sempre avuto questa idea del suo modo di fare musica, cosa che non esclude momenti, soprattutto negli anni '70, di estrema e grandiosa bellezza melodica ed emotiva. Comunque ho capito come percepisci "Discipline" e per certe cose ci può stare, può far percepire questa sensazione di matematica cerebralità un po' fredda, ma proprio non posso concordare con il concetto di "vuoto", pazienza. Quello su cui proprio non concordo e credo tu sia proprio fuori strada è quello che dici alla fine, mi spiego: i dischi precedenti non c'entrano nulla di nulla. Lì è un altro discorso e c'era un'idea, anzi varie idee di musica completamente diverse e molto distanti, un Fripp che pensava a tutt'altro, la cosa non può proprio essere confrontata in questo senso, per me è assurdo confrontare anche solo Court e Larks figurati. Non lo avevano fatto "molto meglio" nei dischi prima, lo avevano fatto in modo diverso per una musica diversa. Poi ognuno preferisce quelli che vuole, quello è un altro discorso. Riguardo ai dischi successivi, niente da dire, opinione rispettabilissima anche se non la condivido, la vedo come ho già detto come Dislo su questo punto, ma ci sta, son gusti.
Hetzer: Non è che ho tanta voglia di sbrodolarmi in commentoni, però mettiamo i punti sulle "i":
nella discografia dei King Crimson ci sono dei blocchi di scelte stilistiche, di stilemi estetici, di line-up, di operazione di matematica musicale ben precisa e ben diversa.. Era Fripp stesso che concepiva così le cose e ogni blocco portava a compimento le idee che Fripp voleva portare a compimento.. Molto semplicemente, secondo me lo hanno fatto meglio col blocco dal 1981 all'84 che di quello dal '73 al '74, ma non così bene come nell'ultimo step del blocco precedente ("Lizard")... Che sia assurdo confrontare "In The Court Of Crimson King" e "Lark's Tongue In Aspic" solo chi apprezza i Maneskin non lo capisce...
Dislocation: E' vero anche questo, ma coi crimson, dopo tanti anni io tendo a vedere le cose un po' più fluide, i blocchi ci sono ma nella mente di Bobbo Frippo tutto ha ed ha avuto un suo scorrimento abbastanza regolare, con qualche scoglio, qualche molo, qualche corrente avversa ma il disegno ora appare più chiaro, anche se sono passati cinquant'anni dagli inizi. tutte le carriere di quasi tutti gli artisti di un certo valore (ma anche non) sono riassumibili per blocchi, per comodità, anche, ma se le guardi a posteriori i blocchi sono solo apparenti o di tenue consistenza.....
Maneskin, chiiiii?
hjhhjij: Be, dislo non ce lo vedo questo "progetto regolare" cinquantennale tutto nella sua testa tra un "blocco" e l'altro se non in un costante progetto di sperimentazione fatta in un certo modo, ma qui direi che è molto personale, ognuno la vede a modo suo, io ad esempio fatico molto ad individuare un blocco nei loro 4 dischi '69-'71, mi riesce proprio difficile. @[Hetzer] ecco si il discorso è "mi piace più quel periodo" allora, ma è un altro discorso, come dici tu il il tipo di idee e il modo in cui le hanno sviluppate non sono confrontabili, e visto che stavamo discutendo di un determinato loro periodo mi sembrava un po' un'uscita dal seminario citare le cose fatte prima, che piacciano più o meno a seconda dei casi.
Dislocation: Eh, sono io che l'ho spiegato a belin de can, come si dice qua. Certo che non poteva essere così fluido e preparato il pensiero/progetto di Fripp fin dall'inizio, ma visto ora, a mio avviso, pur nelle evidenti, innegabili varietà stilistiche, ecco, sta mostrando più omogeneità di quanto sembrasse solo un paio di lustri fa.....
Hetzer: @[hjhhjij] il primo blocco in realtà sono i primi tre dischi; "Island" è un cosa un po' a sé, e si sente di brutto..
@[Dislocation] se non sai cosa (cazzo) sono i Maneskin, non considerarla una lacuna, ma una "benedizione"... XD
Dislocation: Sì che lo so, me ne dolgo, mi piaceva fingermi puro.
hjhhjij: Ehhh ma pure così Hetz, "Lizard" fatico a metterlo in blocco con gli altri due. E poi perché non individuare un "blocco" Tippetiano, vista l'importanza della presenza di Tippett in quelle formazioni, in The Wake/Lizard/Islands, che vedono anche la presa del "potere" da parte di Fripp rispetto all'esordio che in questo senso rimane forse un po' un unicum ? Ovviamente sono modi diversi di vederne la carriera, tutti potenzialmente giusti o no. Quello che c'è nella testa di Frippuo rimane nella testa di Frippuo, alla fine.
Opera: | Recensione: |
Aahahahahahaha Aahhahaaahahahahahhaha
Ahahahaahaha aahhhhajahahAAHAAhaaahahah...
BËL (01)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Ma stai facendo la recensione del primo episodio, praticamente... E probabilmente anche del secondo...
BËL (00)
BRÜ (00)

joe strummer: eheheh immaginavo
Opera: | Recensione: |
Aspettavo questa tua recensione.. Il film non l'ho ancora visto, ma sapevo già che sarebbe stato una sola.. Hollywood non sa fare (più?) film di mostri.. Negli ultimi 2 anni ho approfondito il genere per cazzeggio, detestandone la bambineria spicciola ma apprezzando il fascino artigianale e i non di rado le (spesso morbose) "riflessioni"..
Già dal trailer e dalla paracula scelta degli attori questo sequel maldestro e pompato si dimostra già nettamente inferiore a quel mezzo capolavoro di Shin Godzilla, per non parlare dell'interessante trilogia anime targata Toho.. L'approssimazione e la retorica facile che imbevono il cinema americano non si sposano con soggetti meno scontati e "facili" di quanto si possa pensare.. Godzilla non è semplicemente un mostro schiacciacristiani, e una CGI da urlo non compensa l'energia di una buona sceneggiatura..
BËL (01)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Aprite i libri di storia..
Apriteli, porco dio.. Leggetevi la storia della Prima Guerra Mondiale, del 1919, di Weimar.. Sciacquatevi il cervello dall'ideologismo e capirete che rimpiangere il fascismo è una stronzata da social network.. Sempre meno stronza dell'evocare la "MAREA NERA" contro un cesso di partito che si può tranquillamente asfaltare con argomenti ben più concreti..
BËL (00)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Non si giudica un disco dalla copertina, lo si giudica dal nome dell'artista che ci stampano sopra..
Non ti metto il votarello perchè ammetto di non essere stato in grado di leggerla tutta, però se hai dato 4 palle a questo ennesimo culo senza il buco canoro di sicuro hai scritto una marea di minchiate...
BËL (00)
BRÜ (00)

Falloppio: Mi piace la frase Culi senza Buco
***
Voto 5
Pescegatto: Grazie per la fiducia (^:
Opera: | Recensione: |
Non so mai dire se mi garbi più lei o sua sorella.. Io le stimo, il mio immaginario erotico adolescenziale le ricorda con affetto..
BËL (01)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Se è una provocazione, è pesante, banale e non fa ridere..
Se invece sei serio... Povero te prima che poveri noi!
La stupidità, sciatteria, morbosità, arroganza, superficialità e provincialismo dell'argomento "ritorno del fascismo" è di gran lunga più imbarazzante e pericolosa della stupidità, sciatteria, morbosità, arroganza, superficialità e provincialismo dell'attuale Ministro dell'Interno (e sodali)..
BËL (02)
BRÜ (00)

Giangiorgio: Sono serio. Che ti piaccia o no esiste la libertà di opinione, e questa è la mia. Grazie del "povero te" (hai problemi mentali, mi dispiace). Sul resto niente da dire, let's agree to disagree
Hetzer: @[Giangiorgio] la libertà di opinione mi piace tantissimo, e mi consente di leggere perle come le tue, ulteriormente abbellite da dei commenti di debaseroteca.. Sentirsi dare del "malato di mente" (uhm, che hai contro i problemi mentali? Non è che qua c'è un po' pseudo-fascismo represso?) da uno come te è quasi una nota di apprezzamento.. Grazie, ma non ce n'era nessun bisogno..
Opera: | Recensione: |
Dai, ma davvero prendete seriamente film del genere? Pipponi esagerati su di un ottovolante da Disneyland dove la creatività e l'estro sono stati sostituiti dalla CGI? Emozioni cheap a pacchi proprio...

BËL (01)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Fottesega del disco e dello schifo della pagina.. E fottesega la pioggia...
Domani Pizzo Pernice e Pizzo Marona non me li tolgono nemmeno Lenin & il Papa in combo...
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: @[Hetzer]: ma quindi conosci la Val Grande o almeno il Verbano? Mai salito sulle due cime che segnali, però più volte ho raggiunto il Monte Zeda, non molto distante. Vieni a trovarmi in Ossola Diobon!!
Hetzer: @[GenitalGrinder]
Grande! Seo salito da Pian Vadà? Conoscono sì.. Bazzico spesso Valgrande, Valle Antrona e Devero.. Oggi pomeriggio vado su, bivacco tra Piancavallone e i Balmit e domani faccio la cresta sud verso lo Zeda.. Se ho gamba vado fino in cima.. Com'è la situazione neve?
GenitalGrinder: Sta nevicando intorno ai 1500 metri come limite. Valle Antrona e Devero sono praticamente casa mia, soprattutto il Devero che conosco molto bene. Se ti capita qualche fine settimana di passare da queste parti fammelo sapere, davvero!! Lo Zeda l'ho fatto sia da Pian Vadà che da Gurro in Valle Cannobina passando per la Cima della Piota.
Hetzer: La salita allo Zeda passando dalla Piota l'ho in programma anch'io questa estate.. E ho anche nel mirino la Punta di Saas e il Pizzo Antigine..
Io vengo su abbastanza spesso.. Ti scrivo in privato al prossimo giro.. 🤘🏿
De...Marga...: Allora sarai certamente passato dal Rifugio Andolla. Altra zona che conosco molto bene almeno fino al bivacco Varese!!
Hetzer: Certo che sì! Ora son di fronte alla Val Pogallo, sul colletto tra il Todum e il Pizzo Pernice.. Il Rosa si sta scoprendo proprio adesso..
De...Marga...: Quindi vedrai anche l'inconfondibile sagoma del Pedum!! Forse il 1 Maggio con il CAI di Domodossola saliamo al Monte Faiè sopra Megozzo. Vista spettacolare su cinque laghi e soprattutto su tutta la catena del Rosa. Ottimo Hetzer salutami la selvaggia Valgrande.