Sto caricando...

Hank Monk e i suoi commenti

Hank Monk
Opera:
Recensione:
Cmq Del Prete qui nn ci suona (credo scriva i testi e suoni qualche campanaccio). Ci sono ben 3 turnisti.
Bassista e pianista del primo disco erano già iti.

Boh, a me nn fa impazzire. Perde la veracità del primo e nn evolve la tecnica così tanto da poter competere anche solo lontanamente con i gruppi fusion da te citati.
Se uno vuole fare jazz rock secondo me deve essere un musicista più meglio di quanto nn fossero loro.
Peccato perché potevano dare di più; forse le loro idee le ha portate più a compimento Daniele.


Hank Monk
Opera:
Recensione:
Esso e i suoi video e le sue copertine mi fan paura. Boh forse mi ricorda qualcosa di Giger che mi ha sempre fatto senso fin da piccolo.

Però artista interessante che mi incuriosisce molto.
Quindi se dovessi ascoltare un disco intero alla fine si va su Arca?


Farnaby: "Xen" e "Arca" così scopri le due facce della Ghersi.
Hank Monk
Opera:
Recensione:
Mai seguito...il suo cantare in dialetto mi faceva ridere tempo fa e me lo classifica automaticamente nella categoria serie B.

Oggi invece trovo un sacco interessante riscoprire la musicalità di altre lingue.
Magari un gg me lo ascolto.

Cmq la copertina sembra quella di un disco power metal della nucleare blast


Hank Monk
Opera:
Recensione:
Lui mi sta anche simpatico.
La rece mi sembra clamorosamente sgrammaticata


Hank Monk
Opera:
Recensione:
Bella. Questo prima o poi lo ascolto...ma quindi un "cambio" di stile rispetto a Tempest?
Merita?


Zimmy: Personalmente lo trovo meritevole, tanto che gli ho dato il massimo dei voti. Il cambio di stile da Tempest in un certo senso c'è stato, nel senso che qui Dylan, com'era lecito aspettarsi vista la direzione presa negli ultimi anni (anche dal vivo), ha tratto profitto dal lavoro eseguito sulle cover dei vecchi classici americani di Sinatra & C. e il suo stile ne è uscito notevolmente ripulito, sia nel sound che nel songwriting. Questo è un lavoro che ritrova, oltre a un'ispirazione che latitava da tempo (esiti felici come Key West o Murder Most Foul non ne ricordo in lavori recenti), anche una bella e inedita armonia tra le varie anime del nostro: qui c'è il blues sporco e cavernoso di Tempest, il crooning di Shadows in the Night, le atmosfere soffuse e rarefatte di Oh Mercy e perfino del folk acustico alla sua vecchia maniera (Mother of Muses mi sembra quasi un omaggio a quella stagione). Molto dipende dal rapporto che hai con l'ultimo Dylan, ma questo secondo me è un centro pieno
Hank Monk
Opera:
Recensione:
Anche il mio primo disco di Faber è stato il primo concerto con la PFM.
Questo invece lo ascoltai molti anni dopo e non mi fece una gran bella impressione anceh se in realtà non si capisce bene perchè non dovrebbe piacere.
Probabilmente le canzoni scelte non erano adatte a una reinterpretazione PFMesca come le prime: o per lo meno, si prestavano meno a uno "stravolgimento" ragionato come le prima


Hank Monk: cmq oggi si trova nei negozi come doppio insieme al primo (o per lo meno esiste la versione doppia in commercio)
Hank Monk
In: New Album di werom
Opera:
Recensione:
Di loro ho ascoltato per intero solo quello fatto con i sun o)))
Mo me lo riascolto che ricordo che fosse bello.
Li ho visti dal vivo un paio di volte...devo dire che nn mi hanno colpito troppo ma nn sono nemmeno un esperto del loro catalogo.
L ultima volta ero con un amico batterista che rimase perplesso da quanto faceva cagare il batterista dal vivo (boh a me a dire il vero nn sembrava Ma nn ho molto orecchio in tal senso)


werom: Questo è parecchio diverso, non so se ti piacerà
Hank Monk: Eh, ma penso che nn lo ascolterò nemmeno mai :D
Diciamo che se devo ascoltare di sti capponi ho altro in lista prima e anche dei Boris son altri i dischi "must have" direi
Hank Monk
In: Dopethrone di werom
Opera:
Recensione:
Nel suo genere questo è un capolavoro


werom: Nel genere "noia" e' un capolvaro, si.
werom: Nel genere "noia" e' un capolavoro, si.
Hank Monk: Boh, evidentemente il doom nn è il tuo genere.
Io nn lo trovo per nulla noioso
werom: Ma il doom in genere mi piace, ma fatto cosi' proprio no.
Hank Monk: Ma tipo? Cosa ti piace?
werom: Type O Negative, Black Sabbath, Candlemass, My Dying Bride, Witchfinder General, Pagan Altar
Hank Monk: Piacciono anche a me ma son cose diverse.
In questo disco gli electric wizard esplorano più il doom psych. Se mai più vicino a certe robe dei Melvins
werom: Per me è il doom fatto male. Lo trovo inascoltabile.
Hank Monk
In: 4-4-2 di Lao Tze
Opera:
Recensione:
Ahaha sei un grande.
Le tue rece su questi episodi più trash ed esotici sono una figata.
Ma come fai a essere così informato e a rendere dopotutto interessanti anche queste proposte? :D
Per approfondire così anche queste trashate dovrei ascoltare musica 13 ore al giorno


Lao Tze: ma questa non ricordo più nemmeno come e dove la scovai, comunque fu diversi anni fa.
Hank Monk: Si beh la trashata a caso sil tubo capita a tutti ma anche solo conoscere la scena del Calga o altre tue altre rece denotano una conoscenza e una ricerca piū approfondita
Lao Tze: finisco in questi "mondi" senza neanche rendermene conto, questa è la verità.
Hank Monk
Opera:
Recensione:
Gran pagina.
Mah, più che ridere fa venire i geloni alla schiena mi sa


lector: Eh sì, fa venire proprio i geloni alla schiena!