Sto caricando...

Martello e i suoi ascolti

Martello
Martello |    Isola
Sono approdato nell'isola gentlemen! Orgoglioso di far parte di questa cerchia di nobilissimi. Vi lascio un frammento di sta cassettina degli Elio e le storie tese che ascolto almeno una volta al giorno dal 2007

Martello
Martello |
12°: NOVE
E così anche Ivan finì nel vortice della musica anni 80, con le sue tastiere pop e la voglia di spassarsela senza pensieri per la testa. E Nove è il disco che testimonia l'inizio del periodo più pop del nostro. Un album che ha il grande pregio di trasmettere attraverso i pezzi ciò che Ivan provava allora, ovvero la voglia di esprimersi a cuore aperto, dicendo semplicemente quello che voleva dire; ma nonostante questo rimane un album troppo standardizzato per piacere alle masse di quegli anni, con dei pezzi che pur mantenendo la matrice di Ivan suonano troppo commerciali(Minù Minù, Gangsters) quando non terribilmente piacioni (Limiti è forse l'esempio più lampante, un testo banale con tante buone intenzioni). Per carità, ci sono anche dei bei pezzi arrangiati e scritti con cura, si potrebbe citare per esempio la folle storia di Io che c'entro o le questione amorose di Blouson noir, per non parlare poi della finale Lucetta fra le stelle, in cui Ivan riesce a mantenere la sua originalità pur essendo commerciale. Non si parla di certo di un brutto album, solo di un album composto apposta per piacere alle masse, un po' per obbligo un po' per sfida

La gemma: Lucetta Fra Le Stelle


Martello
Martello |


A regà...ventotto anni fa usciva CSAR! Già 28 so!

Martello
Martello |
Signori debasici, sono abbastanza orgoglioso di presentare la classifica degli album di Ivan Graziani dal peggiore al migliore. Iniziamo subito:
13°: PIKNIC
Dopo aver partecipato a Sanremo 1985 con la melodicamente buona Franca ti amo Ivan pubblica questo lavoro, che purtroppo o per fortuna si trova nei bassifondi di questa classifica. Purtroppo perchè è un album che recupera in parte la verve pirotecnica che negli ultimi anni stava cominciando a scemare, con alcuni brani che fan ricordare certi passaggi del passato (Zio gorilla e Rosanna non sei tu) e altri con delle basi costruite in modo eccellente mescolando anche la chitarra maestosa di Ivan (Ed è felicità e La mia isola, la seconda accompagnata da un arpeggio ottimo e trascinante). Per fortuna perchè all'ascolto è palese si tratti di un album messo su per aderire a un contratto, soprattutto per certe canzoni scritte così per fare numero, come la mielosa e banale Soffice o la terrificante Ho paura dei temporali. In Piknic poi è situata quella che è la più grande caduta di stile che Ivan abbia mai avuto in tutta la sua carriera ovvero Baby love e la si può trovare nella posizione numero 9 della scaletta: un arrangiamento pop, plasticoso ed irritante accompagna un testo adolescenziale, banale e inutile (paragoni a Pupo più tardi, già troppi l'hanno paragonata alla penna del Pupone). Un pezzo facile facile, che non a caso verrà scelto come singolo per promuovere il disco. Un album che ha qualche bella trovata ma anche molta roba buttata in mezzo giusto per rispettare l'ordine della casa discografica e che rappresenta il punto più basso del chitarrista nazionale.

La gemma: La mia isola


Martello
Martello |
Martello
Martello |
Martello
Martello |
Febbre

Ora si @[Farnaby] che ne mancano 3


Martello
Martello |
Martello
Martello |
Martello
Martello |
Litfiba - Ferito

E anche questa l'abbiamo tirata fuori


Martello
Martello |
Alò...sta Pietra Mangoni o come ca se chiama canterà Canzone di notte n2 nel secondo volume di Note di viaggio... @[Zimmy] e @[Ditta]

Martello
Martello |
Lo Stato Sociale - Una Vita In Vacanza (Sanremo 2018)

M'accodo a questa propaganda del #diteloallozioiside mettendo in campo questa canzoncella sfracellamaroni


Martello
Martello |
Grandissimi... Fiorella Mannoia (e che noia) canterà Signora Bovary nel secondo volume di note di viaggio del Guccio...esimi @[Zimmy] e @[Ditta]

Martello
Martello |


È arrivato il momento di riattivare il mangiacassette

Martello
Martello |
Sior e siore, Vinicio Capossela (e niente storpiatura di nome a sto giro, non gli toccherei neanche le ciabatte a Vinicio) canterà l'immortale Vedi cara nel secondo volume di Note di viaggio...esimi @[Zimmy] e @[Ditta]

Martello
Martello |
Martello
Martello |
Vorrei

Sul letto a lasciarmi trasportare dai pensieri miei...questo vorrei


Martello
Martello |
E siamo in anticipo! La signorina Levante tappami canterà Culodritto nel secondo volume di Note di viaggio...rivolto a @[Zimmy] e @[Ditta]

Martello
Martello |
Codesto Fabbio Illaqua (naturale o gasata) canterà Canzone delle domande consuete nel secondo capitolo di Note di viaggio...strano, un brano non proveniente da Parnasius... sempre rivolto a @[Zimmy] e @[Ditta]

Martello
Martello |
Martello
Martello |
Seni E Coseni

E quando da ragazzo, prima dell'inizio della scuola, riascoltavo Seni e coseni e quanto rappresentasse bene i miei anni adolescenziali: mezzo blasfemo come in Ehi padre eterno, mezzo poeta come il ragazzo in Signorina con una visione malinconica della Pasqua e l'estate passata con Cleo. Cito per metà il mastro @[dsalva], ma questo da anni è uno dei pochi album per 4 stagioni

Martello
Martello |
Se non cantassi sarei nessuno-Enzo Carella

Per i più fissati...è stata ritrovata l'Odissea di Panella-Carella