Frank Borzage • The River
di MartinVenator

Gran parte del film drammatico The River, diretto nel 1929 da Frank Borzage e interpretato da Charles Farrell e Mary Duncan è andata perduta. Una versione ricostruita con i circa 45 minuti di film sopravvissuti, utilizzando immagini fisse e didascalie esplicative per colmare le scene mancanti, è stata prodotta dal Filmmuseum di Monaco, in collaborazione con le cinémathèques di Svizzera e Lussemburgo. Questa versione è stata proiettata nel 2006 dall'American Museum of the Moving Image di New York City. Film di estrema sensualità e crudezza grazie ai due ottimi protagonisti, entrambi molto in sintonia, è un film ambientato in un… di più

Spiritualized • Ladies and Gentlemen We Are Floating in Space
di Cervovolante

"Legga questo foglio prima di iniziare a prendere il farmaco. Se ha domande o non è sicuro di qualcosa, si rivolga al medico o al farmacista. conservi questo foglio in un luogo sicuro, potrebbe volerlo rileggere.
Qual è la dose raccomandata? Prenda una o due volte al giorno o come raccomandato dal medico o dal farmacista. Dati di scadenza 3001."
di più

Giorgio Canali & Rossofuoco • Venti
di jeff3buckley

Registrato a distanza tra l'Italia e Miami durante il “Grande Panico Globale” del 2020, “Venti” è il nono lavoro di Giorgio Canali, ennesimo centro pieno nei cuori di chi sa apprezzare questo “artista” da sempre defilato e critico rispetto al pensiero comune. Un pensiero proprio che, come in tutti i suoi album, e soprattutto in questo, prende di mira l'attualità più attuale, definita nel 2020 quasi esclusivamente dal problema pandemico. di più

Acid Mammoth • Supersonic Megafauna Collision
di GenitalGrinder

Omonimo esordio 2017; di più

Fad Gadget • Fireside Favourites
di Armand

Il "cinegiornale" di Frank Tovey risulta un bel po' puntiglioso. Da Vergine (segno zodiacale) che era, creatività e rigore si possono semplificare inquadrandolo come un cacacazzi che senza giudicare ti dice che sei un pezzo di merda, una testina di cazzo, un miserabile e ti spiega che il tuo essere encefalitico si deve a quella volta che i tuoi genitori si son fatti una scopata contando sull'efficacia del "coitus interruptum" come anticoncezionale. di più

Karl-Hans Strobl • Bimbus
di Cervovolante

In "Bimbus" di Karl Hans Strobl, ci troviamo di fronte a un'opera avvolta in un'atmosfera enigmatica e sinistra, ma soprattutto permeata da una fervida adesione al nazismo da parte dell'autore. Rispetto a figure come Hann-Heinz Ewers, Strobl emerge come un individuo ancor più controverso, animato da una devota e fanaticamente convinta fede nel regime nazista. Pur essendo ineludibile riconoscere questa dimensione oscura della sua vita, i suoi racconti emergono come autentici capolavori dell'arte letteraria. di più

Francesco De Gregori e Checco Zalone • Pastiche
di rafssru

L'obiettivo non era stupire e infatti non stupisce Pastiche, il nuovo lavoro di Francesco De Gregori e Checco Zalone, una strana coppia che ha dato vita a questo progetto un po' per caso e sicuramente per la voglia di confrontarsi. di più

Pulley • Together Again for the First Time
di jeff3buckley

I Pulley si collocano in un ibrido ideale tra Bad Religion (d'altronde li pubblica la beneamata Epitaph), Green Day degli esordi ed i Nofx più diretti e meno sghembi. di più

Lustmord • Much Unseen Is Also Here
di Cervovolante

"Much Unseen Is Also Here" di Lustmord: Un Viaggio nelle Profondità dell'Abisso Sonoro di più

Iggy Pop • Post Pop Depression
di MauroCincotta66

La voce dell’iguana sembra uscire dal fondo di un posacenere “Non ho altro che il mio nome... non sono altro che il mio nome”, intona malinconicamente durante un momento di profonda riflessione, preparandosi al momento in cui Iggy Pop dovrà tornare ad essere Jim Osterberg. di più

Dammi più recensioni!