Dislocation e i suoi commenti

Opera: | Recensione: |
Da non esperto, e per giunta "antipatizzante", del rappe, ippoppe e trappe, ho deciso di non agire per luoghi comuni e di sforzarmi, di ascoltarlo. Arrivato a metà scarsa devo interrompere. Quindi questo è il meglio che può darci il genere?
Invoco l'intervento di @[puntiniCAZpuntini] , perdio, che mi tolga dall'impasse.
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: << Quindi questo è il meglio che può darci il genere? >> Ma chi l'ha detta 'sta cazzata? Lui so chi è ed è simpatico, niente di particolarmente consigliabile. Sto disco non l'ho sentito, non ne parla nessuno quindi di sicuro non vale la pena sentirlo.
Oggi non so chi sia "il meglio che può darci il genere", di sicuro è Salmo, ma oggi non saprei dire perchè. Però l'ho detto un sacco di volte, quindi mi fido di ciò che mi ricordo di aver detto a ragion veduta.
Dislocation: Oh, è arrivato, l'ho evocato e s'è palesato. Se si parla di rappe tendo a fidarmi del Présidente. So che me ne pentirò.
Salmo l'ho sentito per caso ad Olbia un tripudio d'anni fa, mi sembrava uno che le parole non le vomitava ma le pensava, poi freguncaz del repp e via cantando.
Così è deciso, così si faccia.
La seduta è tolta.
Dislocation: Un sommovimento intetsinale mi chiama. Ciao, amico mio.
puntiniCAZpuntini: Devi lacerare la bolla, esci fuori dalla Comfort Zone. Guardati allo specchio e ditti, con veemenza: COSO PELOSO DI BOLOGNA ERA UN COGLIONE. L'ALTRO Lì, QUELLO DI PAOLO FABBRI, PURE.

E poi fai yo yo yo con la manina. Vedrai che botta di vita.
Opera: | Recensione: |
Noiosetti, pur muà, naturalmente. Ma il tuo scritto fa venir voglia di ascoltarli. Poi mi passa, ma leggendo mi viene. Solito Lulù.
BËL (00)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Ti potrei dire della perizia strumentale e dell'urgenza compositiva rispetto ad una tipologia, quella del power trio, che tante belle cosette ci ha regalato. Ma, in omaggio alla loro nota e non sospetta verve di grezzoni casinari, ti dirò solo che erano un bel combo di bastardoni dediti al riff, acui tante realtà, financo dell'heavy metal, devono tanto..... Peccato che avessero la fama di buontemponi rocchettari un po' paesani e che i contratti che firmavano prevedevano per loro solo gli spiccioli.....
BËL (02)
BRÜ (00)

JonnyORiley87: Ciao Dislocation, grazie anzitutto per il commento :) Tutto vero quello che dici, compreso il fatto che Terry Knight, il loro manager/produttore, facesse firmare loro "contratti-capestro" che spesso e volentieri si rivelavano, come hai detto, delle vere e proprie rapine a mano armata! Per il resto, la loro è stato un Hard Rock semplice, diretto, ma davvero secolare, poche storie!
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Particella pronominale lasciata ad minchiam.». Vedi la vecchia versione Cálice - Chico Buarque De Hollanda - Gilberto Gil - Recensione di Dislocation Versione 2
BËL (00)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Scusa... Le maledette stellette....
BËL (01)
BRÜ (00)

Opera: | Recensione: |
Bella recensione, libro dimenticato sugli scaffali più altri, per colpa tua devo armarmi di scaletta e trovarlo. Se mi succede qualcosa ho già riferito che vengano a cercarti.
Centruncazzo, lo so, ma di recente ho riletto la "Litania" di Caproni e mi sono sentito obbligato a rivisitare luoghi della mia città a cui non arrivavo da anni. E' stato doloroso ma medicamentoso.
Sarà mica la poesia uno scudo da legionario che tutto ti copre ma sempre lascia, comunque, in potenziale pericolo una parte di te? O piuttosto una punta di giavellotto che serva sia alla difesa che all'attacco, ma da lontano?
BËL (02)
BRÜ (00)

Dislocation: * più alti, dislessia da tastiera.
luludia: c'entra c'entra... io quando sono a faenza penso sempre a campana...e quando percorro il viale lunghissimo dei platani provo sempre un'emozione grandissima, sarà stupido, ma è così...
Opera: | Recensione: |
Che l'opera fosse nata inutile già l'han detto tutti, come sappiamo che il GattoMatto non l'ha descritta per lodarla, riferendosi più a suoi indelebili, sperabilmente comuni nell'esperienza, ricordi d'infanzia.
Sempre sostenni che la Religione è da piccoli che bisogna assimilarla. Sia quindi lode ai genitori del Nostro che gli beavano il viaggio con cotale colonna sonora.
BËL (01)
BRÜ (00)

madcat: Assolutamente inutilissima. Se penso all'influenza che ha avuto su di me per caso però. Per quali strani dinamiche una pubblicazione inutile come questa può diventare così utile per la formazione musicale di una persona.
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Modifica lessicale o poco meno.». Vedi la vecchia versione Cálice - Chico Buarque De Hollanda - Gilberto Gil - Recensione di Dislocation Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

In: Ciao di Abraham
Opera: | Recensione: |
Personalmente ho seguito Dalla dai tempi della sigla della tv dei ragazzi, "Fumetto", mi pare si chiamasse, le ho viste tutte, le sue trasformazioni, da giovanissimo fruitore rimanevo stordito, a tredici anni, dall'ascolto della (allora per me poco comprensibile, ma affascinantissima) triade con Roversi, e mi prese come un pugno allo stomaco "Come è profondo il mare", per me suo capolavoro assoluto, senza un solo punto debole, né tecnico né formale..... Però dopo l'83 fu solo un lento discendere verso una routine di mestiere a volta anche poco dignitosa, vedi il prodotto da te recensito, senza neanche più la parvenza di una elegante ricerca sonora al passo coi tempi come poteva essere quella di "Viaggi Organizzati". Anzi, il tanto decantato "Caruso", in realtà episodio minore nel suo repertorio, per esposizione e tecnica compositiva, mi ha sempre dato l'impressione di grottesco tentativo di rimettersi in gioco più per ricerca di dignità che per convinzione, ma è un parere del tutto mio e basta.
E' quindi normale che un artista imbocchi la strada di una routine senza sussulti, specie lui che di sussulti alla musica italiana ne ha dati parecchi, e con lui potrei ricordare i contemporanei come Pino Daniele, un altro che mi viene in mente che ha buttato lì cinque ottimi prodotti ed un'infinità di indegnità a seguire....
E' poi pur vero che magari non si ha voglia di farsi sommergere dalle critiche di chi non sopporta che si debba recensire un capolavoro per la trentesima volta e si finisca per dover recensire opere decisamnete minori....
Ma questo disco no, non è "ricordabile" per nessun episodio, chi si ricorda di "Ciao" o di "Scusa" o di "Trapianto Perso", insomma.....
Dài, dài....
BËL (02)
BRÜ (00)

nix: ...ecco perché, simo tutti qui davanti a te Charlie Brown.
Abraham: @Dislocation : commento pertinente (finalmente) e ricco di raccordi. Ti ricordo però che rimaniamo sempre nei meandri inconfutabili della soggettività.
Dislocation: @[nix] Siiiiiiiiiiii, quella!!!
@[Abraham] Ma certo, lo dissi, lo affermai, lo ammisi.
iside: io Ciao me la ricordo e ho sempre pensato che fosse meno "scema" di quello che voleva sembrare...
Dislocation: Sapevo di poter contare sulla tua memoria! Beh, il testo mi pare fosse del grande Bardotti, no?
Opera: | Recensione: |
Non ti far prendere dalla fretta di pubblicare subitissimo a tutti i costi le recensioni degli altri tre bianchi, leggi un po' (molto po'...), documentati a più fonti, anche quelle "contro", guardati in giro, cerca sull'uebbe articoli di giornali specialistici e poi scrivi, controlla e riscrivi. Prenditi il tempo.
Dài.
BËL (00)
BRÜ (00)