Miglior gruppo Progressive del momento secondo DeBaser.

Qui sotto c'è la classifica "Miglior gruppo Progressive del momento" secondo gli utenti di DeBaser. Se vuoi partecipare anche tu, accedi a mioDeB e prepara la tua classifica dello stesso tipo!

Miriodor
Esponenti di picco del prog meno convenzionale, sono figli di quel Quebec dove il vento in opposition ha levato le sue spore. Trentacinque anni senza mai cadute, grazie a una vena creativa che fonde composizioni complesse, melodie affabili, in una discografia eterogenea nell´ensemble e negli arrangiamenti. macaco
Spock's Beard
prog-rock ad alti livelli con un tocco di sensibilità pop... la dimostrazione che complessità ed orecchiabilità possono andar d'accordo! splinter
The Mars Volta
Definire i The Mars Volta resta un impresa ostica a dir poco; un gruppo che nei concerti sprigionava una "furia controllata" a tratti non controllabile, con le versioni dei brani dilatate in improvvisazioni strumentali da capogiro...Z A P P I A N I (nella loro imponenza)... De...Marga...
Buon Vecchio Charlie
Il primo exploit del MAESTRO INFERNALE. Claypool
Porcupine Tree
Riverberi di psichedelia Floydiana in strutture Prog agli esordi, proseguito con raffinato Pop-Rock, e Rock con misurati ed essenziali intermezzi Prog-Metal sempre a servizio dell'emozione. ProgRock
Areknamés
Freddi quasi come i VDGG parte 3 urlicht
echolyn
Neo prog a livelli celestiali. Tra i grandi che hanno mantenuto la musica ad alti livelli negli anni '90, mentre spopolavano i (sopravvalutatissimi) Nirvana. hjhhjij
Haken
11 Haken
Fra le migliori proposte prog del nuovo decennio; non inventano nulla ma hanno una qualità compositiva eccelsa e spesso stupiscono l'ascoltatore con soluzioni imprevedibili. splinter
Beardfish
sono come Balotelli, classe innata gettata alle ortiche. Virtuosi, tortuosi, irritanti per come non arrivino mai al dunque. Rage
Anekdoten
La band che ha riscoperto il mellotron... e lo ha reso di nuovo protagonista splinter
Pain of Salvation
"BE" è uno di quei dischi che ti segnano per tutta la vita. Claypool
Fates Warning
Poesia scritta sul pentagramma, prevalentemente in tempi dispari! peccio
Transatlantic
IL supergruppo degli anni 2000, favolosi! the green manalishi
Gargamel
Freddi quasi come i VDGG parte 2 urlicht
3
22 3

Oceansize
La carica del caffè e l'energia del cioccolato (o era il contrario?) in un gruppo che suona Prog nei 2000s.Specialmente Everyone Into Position e Frames di un livello superiore TSTW
Sylvan
31 Sylvan
fare musica essendo sofisticati ma allo stesso tempo orecchiabili? si può! splinter
The Flower Kings
Il progressive rock che si reincarna in sé stesso... splinter
Yugen
34 Yugen

Magma
36 Magma
L'alternativa più sconvolgente ai canoni del Prog britannico. Una formazione storica, inavvicinabile per originalità e proposta artistica e al contempo non classificabile. L'epica saga di un'immaginaria civiltà spaziale tradotta in musica nelle forme di un'avanguardia simil-coltraniana e spaventosamente sperimentale, con cenni di classicismo euro-colto e musica popolare est-europea. Furiosa e… matteodi.leonar
After Crying
La qualità non ha limiti di paese! sensouditore
Änglagård
Il miglior gruppo neo-progressive in assoluto (insieme forse ai primi Marillion) hjhhjij
Van der Graaf Generator
Li consiglio a coloro che pensano che il prog sia solo barocchismo fine a sè stesso. Claypool
Arena
40 Arena

nil
41 nil

Landberk
Emozioni che scorrono sulle note. fedezan76
Big Big Train
Grandissimo gruppo, arrangiamenti progressive molto dolci e ispirati. Nei momenti migliori possono essere considerati un pò dei Genesis dei giorni nostri. Tattone
RPWL
47 RPWL

Everon
56 Everon
Questi germanesi sarebbero piaciuti anche alla nonna Antonietta. spiritello_s
Nexus
57 Nexus

Nemo
59 Nemo

IQ
61 IQ
Se i GENESIS avessero continuato a incidere dischi come si deve, oggi si chiamerebbero IQ PrincipeAnchisi
Riverside
Il pensiero che si perde nelle atmosfere! splinter
The Watch
I Genesis di Gabriel tornano dalle nebbie del tempo... o quasi progknight94
The Decemberists
2 ottimi album "Castaways & Cutouts" e "Her Majesty the Decemberists", poi un declino qualitativo fino all'insensata virata su sonorità hard rock di "The Hazards of Love" e il fallimentare ritorno alle sonorità degli esordi di "The King Is Dead". Loconweed
Pendragon
Maestri indiscussi del Progressive Sinfonico PrincipeAnchisi

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.