CosmicJocker e le CentoQuarantaNove recensioni che ha scritto

Copertina di Aidan Baker: The Sea Swells a Bit...

Aidan Baker: The Sea Swells a Bit...

di CosmicJocker 3 ott DeRango™: 84,26

E ci fu una sera in cui il metronomo impazzito del sangue gettò me e la mia adolescenza sul rettangolo di un balcone camuffato da zattera di fortuna. Si addensava un temporale o una tempesta o una bufera e altro dove per "altro" - ora lo so, o meglio credo di saperlo - intendo la soverchiante affabulazione dei simboli in formazione, dei prodromi di istanti privilegiati in cui sarebbe possibile intravedere una realtà diversa o una diversa disposizione della realtà. Quello che stava per coagularsi era un amuleto o un talismano o un filtro che avrebbe vaticinato sentenze, anzi Le… di più

Copertina di Alberto Burri: Collezione Burri. Ex Seccatoi del Tabacco, Città di Castello (PG)

Alberto Burri: Collezione Burri. Ex Seccatoi del Tabacco, Città di Castello (PG)

di CosmicJocker 19 set DeRango™: 95,16

Ci arrivo dopo aver passato le nari sulle lussureggianti vibrisse della mia gatta e dopo aver dato un bacio carico di significati a mademoiselle-la-Jockerèsse, un bacio che mi ha ricordato una volta di più quanto sia importante in amore - se proprio si vuole utilizzare questo termine - una verità solo apparentemente cinica e scazzata: “non bisogna rompersi i coglioni a vicenda”. Ci arrivo dopo un tremebondo viaggio sulla superstrada Cesena-Roma per lunghi tratti oscenamente a una corsia e dopo aver maledetto la mia riluttanza a fornire la Cosmic-mobile di un adeguato impianto di aria condizionata. Ci arrivo dopo una… di più

Copertina di Italo Svevo: La Coscienza Di Zeno

Italo Svevo: La Coscienza Di Zeno

di CosmicJocker 8 ago DeRango™: 138,44

La chiave la fornisce lo stesso Zeno nel capitolo conclusivo: "una confessione in iscritto è sempre menzognera. Con ogni nostra parola toscana noi mentiamo!". Il grande tema della "bugia" che in "Senilità" era circoscritto ad un solo personaggio e utilizzato da questi per difendere l'inalienabile diritto alla libertà personale, deflagra completamente nella "Coscienza" ma con una differenza decisiva: l'impianto narrativo costruito da Svevo. Le menzogne che Angiolina rifilava ad Emilio Brentani - amante gelosissimo e perciò esasperante, opprimente e ridicolo - erano smascherate di volta in volta dal racconto in terza persona in cui le intrusioni autoriali confutavano quanto la… di più

Copertina di Alva Noto: Transform

Alva Noto: Transform

di CosmicJocker 8 giu DeRango™: 79,51

Cercando di rimodulare il mio ottuso status di mammifero andai per boschi con "Transform" in cuffia. Mutare il ferro in oro è roba da dilettanti, ma credo comunque che una buona pietra filosofale la si forgi mescolando i contrasti. Occhi sul mondo naturale e orecchie su quello artificiale. E il cervello come calderone. Lussureggianti betulle cullate dalla loquela di circuiti integrati. Ciuffi d'erba riuniti in assemblea che si scambiano opinioni utilizzando il linguaggio binario. Microsound a incastri dalla precisione assassina segnano tacche sui poveri tronchi di salici in lacrime. Una techno minimizzata a codice morse cadenza il passo di anatroccoli… di più

Copertina di Eugène  Ionesco: La Cantatrice Calva

Eugène Ionesco: La Cantatrice Calva

di CosmicJocker 19 mag DeRango™: 89,93

Ho sempre avuto il sospetto che l'etichetta "Teatro dell'Assurdo" non sia altro che un'invenzione tipicamente borghese coniata per proteggersi da coloro che favellano di verità. Una specie di riflesso incondizionato, di strategia difensiva che consente un distanziamento da tutte quelle opere che mettono a nudo ciò che normalmente è agghindato da abiti, se non di gala, almeno di decorosa ordinarietà: il vuoto. Insomma, ci sono individui che incarnano quasi in toto il simbolismo delle tre famose scimmiette solo che - disgraziatamente - una delle tre parla e, quando lo fa, dice stronzate. Eugène Ionesco è stato un maestro - oltreché… di più

Copertina di Umberto Saba: Trieste e una Donna

Umberto Saba: Trieste e una Donna

di CosmicJocker 7 mag DeRango™: 89,84

La Poesia è un grande bar stracolmo di tipacci invidiosi come adolescenti, permalosi come nani e sproloquianti come vecchi marinai. Ma c'è un cantuccio, un tavolino in un angolo polveroso tra la porta di servizio e il ripostiglio delle scope. E illuminato appena dalla luce declinante delle illusioni. Saba si è sempre sentito un escluso, un apolide anche tra coloro che avrebbero potuto accoglierlo come fratello. Mezzo ebreo, padre assente e madre avvelenata dall'esistenza, la chiave per comprendere tutta la sua poesia va ricercata in alcuni frammenti dei suoi versi giovanili che, tra un "non un poeta ero, ma uno… di più

Copertina di Religious Knives: Remains

Religious Knives: Remains

di CosmicJocker 4 apr DeRango™: 65,69

Tra i tanti, troppi dubbi che turbano le mie giornate c'è, in effetti, una certezza che si staglia sempre all'orizzonte: un pompino (ben fatto) è uno dei pochi, pochissimi piaceri della vita senza controindicazioni. E ringrazio il mio dio (chiunque sia e dovunque si trovi) per avermi donato la saggezza di sbriciolare il fumo e mischiarlo con le pagliuzze delle mie sinapsi. Senza dimenticare il Dio del mio dio (il divino Caso) che elargisce, a volte, regali particolarmente graditi: una mattina completamente dedicata a me stesso. In questo disco non c'è nulla che non abbiate mai sentito. Calde spire in… di più

Copertina di Illuha: Interstices

Illuha: Interstices

di CosmicJocker 28 mar DeRango™: 73,38

C'è un muro. Un muro che ormai non serve a nulla. Spunta semplicemente come un fungo in aperta campagna: i resti in decomposizione di un vecchio mulino ad acqua. Un muro di mattoni a vista bagnati dal sole. E ci sono due insetti. Il primo - ben pasciuto e privo d'immaginazione - trova dimora nel bel mezzo di uno dei piccoli rettangoli di terracotta, rilassa le antenne e cuoce lentamente al fuoco della stabilità appena conquistata. Il secondo - magro, fremente e con le zampette di un avventuriero - si inerpica saettando tra gli interstizi e non indugia mai in… di più

Copertina di Rodan: Rusty

Rodan: Rusty

di CosmicJocker 15 nov 21 DeRango™: 53,65

In quel tempo l'uomo del sottosuolo confinato nello scantinato di "Spiderland" aprì la porta. Aprì la porta, risalì le scale, uscì di casa e rivide la luce. Rivide la luce, riebbe a che fare con le cose del mondo e si fermò d'un tratto. Si fermò d'un tratto, si guardò dentro e si scoprì "Rusty". In verità vi dico: il momento e il luogo dove esprimiamo un determinato sentire cambiano radicalmente i connotati dello stesso. Vale per tutti, anche per i borderline. Qual'era l'origine del soliloquio alienato di "Spiderland"? Perché quel rarefatto intimismo appeso ai fili di arpeggi disfatti? E… di più

Copertina di Giuseppe Ungaretti: Il Porto Sepolto

Giuseppe Ungaretti: Il Porto Sepolto

di CosmicJocker 9 nov 21 DeRango™: 73,74

Poche parole mondate da ogni virtuosismo. Voce del verbo rifiutare: l'eleganza formale, i contorni rifiniti, le assonanze o le dissonanze musicali, persino la punteggiatura. Cosa resta? Poesie secche, essenziali, affilate. Come pallottole che colpiscono un punto ben preciso e da lì si riverberano in tutto il corpo. Frammenti di un cuore cresciuto in Egitto e poi temprato nella guerra di trincea. Poche parole figlie dello sterminato silenzio del deserto. Poche parole che si abbattono improvvisamente come granate. E scritte con il lapis: tra gli spazi bianchi di lettere ricevute, nei margini di vecchi giornali, in foglietti infilati alla rinfusa nel… di più