Sto caricando...

Miglior gruppo Progressive degli anni novanta secondo DeBaser.

Qui sotto c'è la classifica "Miglior gruppo Progressive degli anni novanta" secondo gli utenti di DeBaser. Se vuoi partecipare anche tu, accedi a mioDeB e prepara la tua classifica dello stesso tipo!

David Fincher
Concordo con chi lo trova sopravvalutato. Non riesco a considerare i suoi film dei capolavori, nemmeno Seven. Certo è un bravo regista, ha all'attivo un bellissimo thriller (Seven, appunto) e altri 2-3 buoni-ottimi film però tutto questo genio mi sfugge sinceramente. [hjhhjij]
Anekdoten
La band che ha riscoperto il mellotron... e lo ha reso di nuovo protagonista [splinter]
Änglagård
Il miglior gruppo neo-progressive in assoluto (insieme forse ai primi Marillion) [hjhhjij]
Beardfish
sono come Balotelli, classe innata gettata alle ortiche. Virtuosi, tortuosi, irritanti per come non arrivino mai al dunque. [Rage]
The Flower Kings
Il progressive rock che si reincarna in sé stesso... [splinter]
Gargamel
Freddi quasi come i VDGG parte 2 [urlicht]
Groovector
Trovatomi, come spesso accade, a Metz (sede della Musea Records) per lavoro, faccio incetta di dischi prog e quello che sto per proporvi, chiamatelo dovere di cronaca. Girate immediatamente pagina se la cosa vi disturba, oppure accomodatevi e ascoltate in silenzio. (Vabbè il silenzio non è necessario). Questo è il… [di più]
Isildurs Bane
"Tarots and the North" (dodici scritti abbinati ciascuno ad un Arcano Maggiore di Luis Royo) "XII. The World" Volgere lo sguardo alla strada percorsa è proprio di chi si avvicina alla meta. Osservare il silenzioso annientamento delle innumerevoli impronte lasciate lungo il cammino, travolte dalla neve immacolata di angusti passi… [di più]
Kvazar
21 Kvazar
Ci sono giorni in cui sento la necessità di staccare la spina al frastuono della vita. Anche solo per qualche attimo. Chiudere la porta in faccia alla frenesia dei nostri giorni. E, quando possibile, dimenticare per un po’ le ansie e insofferenze che rimbalzano nell’animo. Spesso la medicina migliore può… [di più]
Landberk
Emozioni che scorrono sulle note. [fedezan76]
Magic Pie
Notevolissimi. Prog-hard-symphonic-Gentle-Giant Rock...direttamente dalla Norvegia! [PrincipeAnchisi]
Makajodama
"Tarots and the North" (dodici scritti abbinati ciascuno ad un Arcano Maggiore di Luis Royo) "V. Death" Non un decesso istantaneo. Quella provocata dai Makajodama è una morte sadica, che ferisce soltanto con la sua falce consumata, lasciando al dissanguamento e agli spasmi il resto del lavoro, in un affannoso… [di più]
Morte Macabre
L'ora solare, il buio alle sei di sera, le prime nebbie e le prime brinate... l'autunno è maturo e se nella foschia al tramonto uno spirito urlante cercasse di spaventarti, forse non ti sorprenderesti neanche tanto. E' proprio ora di una recensione di stagione, come le caldarrosto e il vin… [di più]
Overhead
Cosa dire di questa giovane band finlandese (l'età massima si aggira intorno ai 24 anni) al suo secondo album da studio dopo l'esordio incoraggiante di "Zumanthum". La loro musica è un misto di sonorità molto delicate che appaiono già al primo ascolto molto fluide e ben arrangiate. La conferma arriva in… [di più]
Ritual
34 Ritual
Descrivere la musica dei Ritual è semplice come fare capriole a testa in su. Non lasciano chiari riferimenti, assomigliano a tutti e a nessuno, e quando pensi di averli inquadrati sono pronti a spiazzarti nuovamente. Certo è stato facile per la stampa musicale accomunarli al progressive, vuoi per la terra… [di più]
Simon Says
"Tarots and the North" (dodici scritti abbinati ciascuno ad un Arcano Maggiore di Luis Royo) "VIII. The Tower" «E narrano che una volta, passando per dove maltrattavano un cagnolino, Pitagora, impietosito, pronunciasse queste parole: "Smetti di battere, poiché è certo l'anima di un amico mio, l'ho riconosciuta udendone la voce"».… [di più]
Sinkadus
"Tarots and the North" (dodici scritti abbinati ciascuno ad un Arcano Maggiore di Luis Royo) "IV. Justice" "...scosceso è il cammino di Dike, trascinata dagli uomini divoratori di doni ovunque rendano giustizia con storti giudizi..." Un verso di tale incisività, tratto dagli "Erga" esiodei, sintetizza in modo esemplare il concetto,… [di più]
White Willow
E' la bruma che domina questo lavoro. L'atmosfera mesta, volutamente riflessiva, dark e gotica a farle da contraltare con i suoni, talvolta appena accennati, di flauti e mellotron, di chitarre acustiche e violini, di voci tenui e leggere come il vento. Su tutto aleggia un sapore quasi rinascimentale, abilmente miscelato… [di più]
Wobbler
38 Wobbler
"Tarots and the North" (dodici scritti abbinati ciascuno ad un Arcano Maggiore di Luis Royo) "VI. Temperance" Da diverse ore ormai, in casa di Cefalo, risuonavano le voci dei suoi numerosi ospiti. Socrate era immerso in una fitta conversazione con Glaucone e Adimanto, avidi di scoprire i pilastri morali sui… [di più]
Cerberus Shoal
"Harvest" è lo straniante incipit che spalanca i cancelli di Homb, parto degli americani Cerberus Shoal, datato 1999; su un nero e rumoristico umore di fondo si stagliano progressivamente pugni di tastiera e borbotti elettronici, battiti sommessi ed inumani, uno sferragliare di catene acquatiche, liquide. La cacofonia chiamata a raccolta… [di più]
The Dear Hunter
Elegante Crossover-Prog Rock con qualche zozzata indie e pop rock. DIVINI [BonHiver]
The Decemberists
2 ottimi album "Castaways & Cutouts" e "Her Majesty the Decemberists", poi un declino qualitativo fino all'insensata virata su sonorità hard rock di "The Hazards of Love" e il fallimentare ritorno alle sonorità degli esordi di "The King Is Dead". [Loconweed]
Dream Theater
Mi sono sempre chiesto se si tratti solo di una coincidenza, il fatto che l'anagramma di Dream è Merda. [Felo]
echolyn
50 echolyn
Neo prog a livelli celestiali. Tra i grandi che hanno mantenuto la musica ad alti livelli negli anni '90, mentre spopolavano i (sopravvalutatissimi) Nirvana. [hjhhjij]
Frogg Café
I toni sono cupi: sembra di avanzare sotto un cielo coperto di pesanti nuvole scure dentro cui si riverberano gli echi di fulmini minacciosi. Devi trovare riparo perché il nubifragio sta per scoppiare da un momento all'altro; lo avverti costantemente nell'incoerente incedere di bassi e xilofono, in quel violino lacerante,… [di più]
Glass Hammer
Come tutte le grandi band della musica contemporanea anche i Camel possono vantare un tributo ufficiale. E non importa se le formazioni aderenti al progetto siano più o meno conosciute al pubblico progressivo, ciò che conta veramente è la testimonianza di affetto verso una band che tanto ha dato a… [di più]
Godspeed You! Black Emperor
La bellezza nella Fine dei Tempi [Fiddler]
Grails
55 Grails
Il mio fotolog non funziona. O per meglio dire, tutti non funzionano; certo, a meno che i brasiliani non si siano tutti coalizzati per dominare ancora di più su questo vorticoso sistema di relazioni interpersonali a base di foto osè, meno osè, fintamente bohemiennes, fintamente artistiche, davvero belle, passabili, passate… [di più]
Iluvatar
Americani di Baltimora, ma sembrano oxfordiani. Prog di altissima qualità [PrincipeAnchisi]
Kayo Dot
Sono tornati. No forse non sono proprio loro, però una piccola parte di essi è sopravissuta allo sciogliersi al sole dei Maudlin Of The Well e rivive nei Kayo Dot. La passione per i nomi stupidi e assurdi non deve essere passata a Toby Driver, mente pe(n)sante nei Maudlin Of… [di più]
Miriodor
Esponenti di picco del prog meno convenzionale, sono figli di quel Quebec dove il vento in opposition ha levato le sue spore. Trentacinque anni senza mai cadute, grazie a una vena creativa che fonde composizioni complesse, melodie affabili, in una discografia eterogenea nell´ensemble e negli arrangiamenti. [macaco]
The Mars Volta
Definire i The Mars Volta resta un impresa ostica a dir poco; un gruppo che nei concerti sprigionava una "furia controllata" a tratti non controllabile, con le versioni dei brani dilatate in improvvisazioni strumentali da capogiro...Z A P P I A N I (nella loro imponenza)... [De...Marga...]
miRthkon
DeBaser mi sta perseguitando. Non riesco piú ad ascoltare musica in pace che subito i miei pensieri corrono a formare concetti con l'intuito di inserirli in contesto recensorio. Nulla é piú come prima. È giá da qualche mese che preme in me la volontà di ritornare su queste pagine, purtroppo… [di più]
Mr. Bungle
Zoo ma mah manut mamoyugh. Xi maa hea doo dauy dohdoyugh. Tszeettaa ba doa bau koyugh. Ma magh max maynot nolnoyugh. Szi deah daddoobaught byugh. Xi daa tdey gkao gho. [ziltoid]
The Muffins
The Muffins - "Manna/Mirage "  The Muffins, formazione statunitense di Washington, composta da quattro principali componenti  (il bassista  Billy Swan, il batterista Paul Sears, Tom Scott  ai fiati e Dave Newhouse alle tastiere). In quest'album inoltre vi è la collaborazione di altri  musicisti, tra cui  Doug Elliott ai fiati e Steve… [di più]
Phideaux
Se è vero che per giungere al capolavoro bisogna intraprendere una scalata di tentativi e sofferenze, Phideaux ci è riuscito al sesto gradino. Dopo aver sfornato in quattro anni cinque album decisamente gradevoli e apprezzabili, ma non memorabili, nel 2007 esce "Doomsday Afternoon", in cui tutti gli ingredienti musicali sono… [di più]
Spock's Beard
prog-rock ad alti livelli con un tocco di sensibilità pop... la dimostrazione che complessità ed orecchiabilità possono andar d'accordo! [splinter]
Thinking Plague
Mi dispiace per il Pronk (che c'ho pure suonato le congas in stile braianino, e non me ne pento assolutamente) ma io preferisco questi: assolutamente fenomenali! [urlicht]
Transatlantic
IL supergruppo degli anni 2000, favolosi! [the green manalishi]
Areknamés
Freddi quasi come i VDGG parte 3 [urlicht]
Auf der Maur
Brava brava brava.Vista live l'altro giorno e non ha deluso.E che pheega santoddio! [CityNoise]
Deus ex machina
L’assunto secondo cui l’Italia è il terzo mondo della musica rock è decisamente fuorviante. Se è senza dubbio condivisibile per quanto riguarda i plastificati anni ’80 e per i ligabueschi ’90, caratterizzati comunque dalla presenza di un underground pur sempre in movimento, altrettanto non si può dire per i ’70,… [di più]
La coscienza di Zeno
La Coscienza di Zeno è una delle migliori formazioni del progressive italiano attuale. Il gruppo è di Genova, città che in passato ha donato lustro al prog nostrano ma che anche attualmente può vantare una scena variegata che comprende Fabio Zuffanti con tutti i suoi numerosi progetti (Finisterre, La Maschera… [di più]
Eris Pluvia
Sarai pioggia. Una pioggia primaverile di note. Delicata e suadente nelle sue melodie. Quella pioggia che sai presto lascerà spazio al sole. Gli anelli di luce terrena sono favole in musica. Storie che evocano paesaggi bucolici e sapori medievali. E che ci narrano di un viaggio mentale, trasfigurazione della realtà… [di più]
Finisterre
Dopo i primi due album, "Finisterre" e "In Limine" dai voluti richiami al progressive degli anni settanta, nel 1999 i Finisterre danno alle stampe per l'etichetta italiana Iridea Records "In ogni luogo", album dalle atmosfere particolari e diverse dai due precedenti lavori. Se appunto soprattuto in "In Limine" il sound… [di più]
Hostsonaten
 A sei anni dall'ultima raccolta di brani inediti ("Springsong", 2002) e a dieci dalla sua nascita, torna uno dei progetti più sinfonici e legati al classicheggiante creati dal prolifico musicista genovese Fabio Zuffanti, Höstsonaten. Monicker che in svedese significa "Sinfonia d'Autunno", ispirato dichiaratamente al film di Ingmar Bergam del '78,… [di più]
La maschera di cera
La Maschera Di Cera è una formazione genovese dedita alla riscoperta e alla valorizzazione del suono degli anni ‘70, quello sognante e immaginifico della grande stagione del rock italiano. Dall'anno della sua formazione (2001) il gruppo ha prodotto due dischi in studio ed uno dal vivo. Ha portato sui palchi… [di più]
Malibran
E' il 1987 quando i Malibran decidono di provare a dir la loro nel "detalked show" del progressive rock, quel genere musicale da sempre considerato di nicchia, quasi incompreso e snobbato dai promo-emittenti musicali. Pochi hanno realmente vissuto appieno gli anni dell'emancipazione di questo genere; Potrei essere il primo della… [di più]
Mangala Vallis
Per la mia prima recensione ho scelto questo Lycanthrope, che probabilmente a molti di voi risulterà sconosciuto... lo ho fatto perchè nel caso abbia scritto qualche stupidata nessuno se ne accorgerà, perlomeno non prima di avere ascoltato questo meritevole disco. I Mangala Vallis sono una band di Reggio E. formata… [di più]
Moongarden
Il mio gruppo neo-prog italiano preferito. Meraviglioso Moon sadness, il disco italian neo-prog che preferisco in assoluto, fantastico anche Brainstorm of emptiness, ottimo anche il recente Songs from the lighthouse (e buoni i due precedenti). Peccato per l'ultimo disco, per me appena sufficente, ma sono sicuro che sapranno rifarsi, in… [hjhhjij]
Nuova era
Trovatomi, come spesso accade, a Metz (sede della Musea Records) per lavoro, faccio incetta di dischi prog e quello che sto per proporvi, chiamatelo dovere di cronaca. Girate immediatamente pagina se la cosa vi disturba, oppure accomodatevi e ascoltate in silenzio. (Vabbè il silenzio non è necessario). Questo è il… [di più]
Pandora
90 Pandora
Da un pò di tempo a questa parte c'e stata una vera e propria riscoperta del Progressive Italiano da parte degli appassionati, grazie anche al lavoro di alcune etichette indipendenti e specializzate che, recentemente, hanno prodotto e offerto dischi  di sicuro interesse. Una delle etichette più note del settore è sicuramente… [di più]
Picchio dal pozzo
Fenomeni assoluti nel panorama italiano e non solo! [Mr. Money87]
Ske
93 Ske
"1000 Autunni" é sfuggevole. Per quanti ascolti possa dedicargli, non riesco a coglierne l´essenza, talmente ben celata da far dubitarne l´esistenza. Il suo fascino, tinto da sonoritá particolari e variegate, mi richiama di continuo all´ascolto, lasciando un senso di piacere mai appagato; un piatto prelibato che non sazia lo stomaco,… [di più]
Il tempio delle clessidre
Il Tempio delle Clessidre pubblica, sempre per la meritoria Black Widow, il secondo album intitolato Alienatura. Il  gruppo, nel frattempo, ha subito la defezione dello “storico” cantante Stefano “Lupo” Galifi, ex frontman del  glorioso Museo Rosenbach. La scelta è infine caduta su Francesco Ciapica che riesce a cavarsela egregiamente senza … [di più]
The Watch
I Genesis di Gabriel tornano dalle nebbie del tempo... o quasi [progknight94]
Yugen
99 Yugen
La Altrock Records è senza dubbio una delle case discografiche migliori del vero Prog moderno, vanta gruppi come Aranis, Finnegans Wake, Rational Diet, MiRthkon, ma soprattutto il progetto Yugen di Francesco Zago, ex chitarrista dei Night Watch, con i quali ha prodotto un unico album dal nome "Twilight" nel 1997,… [di più]

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.