Sto caricando...

Almotasim e i suoi commenti

Almotasim
Opera:
Recensione:
Hai tirato fuori un gruppo su cui ho messo le mani soltanto un annetto fa, optando per l'acquisto del Live at Carneige Hall per criterio di rappresentativita'. La Hasalam ha peoprio una voce meravigliosa!


mrbluesky: per diverso tempo ho avuto anche io solo quello ed è sicuramente un ottimo punto di partenza
Almotasim
Opera:
Recensione:
Bel racconto, ottima pagina. Analogie che davvero si confanno al fragile lirismo di Syd. Opel fu il primo Lp che acquistai di Barrett, proprio alla sua uscita. Un compagno di liceo mi disse seriamente che si trattava del resoconto tecnico di un auto. L'album lo trovai fantastico e non capivo come mai tutto quel materiale non fosse confluito nei Floyds...


luludia: la cosa strana di "opel" è contiene alcune delle sue migliori canzoni tenute misteriosamente fuori dai dischi ufficiali...
Almotasim : Verissimo. Yes yes yes laied on flat...
Almotasim
Opera:
Recensione:
Come conosci bene I Jethro! Mi sono molto piaciute le considerazioni finali.


v8interceptor: Grazie ,beh all'epoca in cui li sentivo io dai 16 anni in su non esisteva INTERNET per cui ci si comprava i cd mettendo da parte i soldi e poi ascoltavi e ascoltavi e ascoltavi perche' i soldi erano quelli e non potevi comprare tutto...per cui all'epoca per me c' erano solo loro...ti ringrazioooo
Almotasim
Opera:
Recensione:
Sempre bravo tu DeMa! L' autocitazione e' una grande idea velenosa. Personalmente l'hardcore punk lo terrei separato dal metal.


De...Marga...: Non sono dalla tua parte, almeno per quanto riguarda la separazione dell'Hardcore-Punk dal Metal. Agnostic Front, Biohazard e soprattutto Suicidal Tendencies negli anni ottanta hanno "osato" gettare un ponte per unire generi fino a quel momento agli antipodi. Il passo successivo è la nascita, sul finire del decennio stesso e agli inizi degli anni novanta, del Metalcore grazie a band spaccatutto come Integrity, Earth Crisis, Strife ed anche gli inumani Converge di Jacob Bannon. E per finire anche gli stessi Slayer (che siano per sempre lodati) leader incontrastati del Thrash Metal più aggressivo, hanno pubblicato "Undisputed Attitude" disco di minacciose cover che si muoveva nella direzione del Crossover Hardcore-Thrash.
Almotasim : Bella lista! Carissimo, con "personalmente" mi riferivo ai miei gusti, ostili al metal. Non sono contro le contaminazioni e le sperimentazioni. Quel genere mi e' ostico, come avrai constatato da tanti comment e recensioni. Che I Suicidal siano storicamente importanti mica lo nego. Personalmente non mi piacciono. Gli Slayer non li sopporto. Un classicone dell'hardcore punk come Fresh fruits for rotting vegetables mi piace un sacco. Tutto qua. Non sto neanche discutendo I tuoi gusti, non avrebbe senso. Anzi ti facevo I complimenti perche' mi piace come scrivi. E penso che anche a te piaccia di piu' leggere cose che ami, piuttosto che cose che non frequenti. Quindi il complimento e' doppio. Comunque sia, spero tornino presto "I giorni del vino e delle rose" e dei medicine show. Mandi.
De...Marga...: Opinioni diverse che ci stanno Almo!! Vai a citare i Kennedy Morti che sono un'altra di quelle band venerabili. Conosco a memoria l'intera discografia degli Slayer anche se ormai, nonostante il rientro discografico di un paio di anni fa sia stato a dir poco inaspettato per il sottoscritto, hanno concluso da un pezzo la fase più iconoclasta e violenta della loro carriera. Dal vivo mai visto un pogo così terrificante, da far male visto gli esagitati presenti ai loro concerti. Torneranno i tempi del vino e delle rose; dovrei a breve occuparmi dell'unico lavoro solista di Steve Wynn che mi ha lasciato con l'amaro in bocca.
Almotasim : Urca, una delusione dal buon vecchio Wynn... Dazzling display?
De...Marga...: Mi dispiace ammetterlo ma è così; disco con "troppi" strumenti a parer mio. Preferisco Steve con "solo" chitarra, basso e batteria.
Almotasim : Aspetto di leggerla.
Almotasim
Opera:
Recensione:
Ottima recensione e proposta davvero molto interessante, sto ascoltando e promette proprio bene.


Almotasim
Opera:
Recensione:
Quel che si dice profeticamente "se il buon giorno si vede dal mattino". Complimenti per il tuo inizio. Bellissima pagina (e mi fa sentire a mio agio, a differenza delle ultime recensioni). Mi incuriosirebbe sapere qualche titolo di disco del primo gruppo. Questo non l'ho, l'altro di Lennon mi piace (God, Morher-rifatta anche dalla Martini-, etc). Un saluto.


Almotasim
Opera:
Recensione:
Non lo conosco, ma la recensione e' scritta molto bene ed estrarre I Clash dal cilindro e' sempre propizio.


Almotasim
Opera:
Recensione:
Ahahahahah... spesso indugiare nei dettagli autobiografici è fonte di tedio. Non è il tuo caso IlConte, visto che poi ci fai arrivare fino alla "Capra"! Finalmente, poi, esci dalla tua triade solare con grande e sincero entusiasmo. Bello scritto e bella analisi, tutto piazzato in modo oculato e savio! Anche le battute. Molto interessante il legame (che ignoravo totalmente) del grande Ray D. con il grande Alex Chilton, tu come stai messo coi Big Star?


Almotasim : PS. Volevo mettere le stellette solo alla recensione. Mi attengo alle quattro che tu assegni all'opera sulla fiducia, non potendo più togliere la "stellatura" dopo l'errore iniziale.
IlConte: Ahahah, bella nobile.... io essere capra ahah! Be i Big Star mi piacciono un casino, anni fa presi quel box con i quattro album...
Almotasim
In: Zama di Takanibu
Opera:
Recensione:
Bravo Takanibu, davvero bella recensione e bella proposta. Sono andato a sentire "Lungs", che ha anche il video con l'artwork che dicevi, ed e' un bel singolo (presumo) di oltre cinque minuti con gli ingredienti che hai espresso in gran spolvero. Dici molto bene del sound gia' maturo, anche io ho avuto questa impressione subito. C'e' da aspettarsi molto da questa band, e' proprio vero.


Almotasim
Opera:
Recensione:
Questi un po' li conosco. Sempre bello leggerti, e ritrovarti in gran forma. Mi piace sempre la tua oculata scelta dei termini: "di-sgraziati" o quando rincari la dose "grezzi e caustici". A me era piaciuta anche Primus/Secundus, che era una di quelle battute che fanno ridere non per la battuta, ma per il fatto di averla fatta...


De...Marga...: Un'altra di quelle band, i New Bomb Turks, degli anni novanta che ha contribuito alla distruzione di buona parte del mio udito e delle mie facoltà mentali Tornando alla battuta Primus-Secundus l'ho fatta anche per segnalare questi ultimi, ovvero i Secundus, che sono una band di Vercelli che coverizza molto bene gli originali PRAIMUS.
Almotasim : Eh, e dove la coverband italiana, se non dalla terra del riso.