lector e i suoi ascolti

lector

lector : Chi è (davvero) Damo Suzuki?

| DeRango™: 0.00

Chi è (davvero) Damo Suzuki? Damo Suzuki's Network (Močvara 22.6.2017.)

BËL (00)
BRÜ (00)

sergio60: chi voi che sia?!..er fijo de Suzuki ,quello de'e moto giapponesi...
lector: E di Suzuka, che è famosa uguale, ma non so perché....
sergio60: sarà la sorella...
sergio60: sarà la sorella...
imasoulman: ah! e io che pensavo che fosse questo signore qua... The Fall - I Am Damo Suzuki
lector: Io sono Damo Suzuki (cit.)
hjhhjij: Uno poco sano di mente. E grazie di esserlo.
lector

lector : Mi stupisce sempre il constatare

| DeRango™: 8.92

Mi stupisce sempre il constatare quanti fans (anche terminali) di Robert Fripp poco conoscano questo capolavoro Daryl Hall - Why was it so easy (with Robert Fripp)

BËL (04)
BRÜ (00)

lector: Almeno, di questo, una recensione sul DeB c'è link rotto
hjhhjij: Ah no, questo lo conosco eccome, non mi freghi stavolta!
luludia: ah, di nome si e sapevo anche della collaborazione con fripp...ma lui e il suo compare mi stavano parecchio sulle palle...
luludia: lui e oates, non fripp...
hjhhjij: Questa è una cosa completamente diversa se la musica di Hall & Oates non ti sconfinfera.
luludia: cioè, questo sarebbe altro? ho capito bene? boh, dal pezzo postato mi sembra una roba melodica abbastanza insulsa...
hjhhjij: Non dico che si sia messo a fare industrial-rumba-synth-metal comunque io gli darei una possibilità. In ogni caso mmm... Io non ci trovo davvero nulla di banalmente melodico e insulso nel pezzo.
luludia: ahahah, possibile, anzi possibilissimo, che io sia prevenuto...ricordo che quando nacque questa collaborazione (io ero, da figlio di giornalai, sempre informatissimo) mi incazzai anche un po' col robert, "mo che fai, ti metti con sti due piacioni del cazzo"...ma era una roba istintiva e si può dire che i due piacioni del cazzo io non li abbia, in pratica, mai ascoltati...
lector: Eh, si, in effetti questo disco è un po' più famoso degli altri che ho citato
sergio60: cognosco bene! e pure grossa delusione mi portò...ancora oggi non mi spiego che razza di operazione ha concepito il fripp....
dipsomane: album della madonna... @[lector] hai mai sentito questa versione live nello show di D.Hall? mai fatta prima dal vivo. Paul Pesco alla chitarra non è Fripp, ma è comunque bravissimo.
dipsomane: Daryl Hall with Minus the Bear - "NYCNY" (2013)
lector: Bella! Non la conoscevo
dipsomane: "Babs and Babs" - Daryl Hall & Guster - "Live From Daryl's House" - Jan. 15, 2011 anche questa di Sacred Songs non è male live... e mi ripeto, Pesco è un grande session man; io -ovviamente- venero Fripp, ma senti il suo intervento dal 5' in avanti...
imasoulman: che il dio del pop-soul bianco possa perdonarvi per le ingiurie ai grandi Hall & Oates...;)
sergio60: ma dai..uno de passaggio...questo lp lo nobilità 'na 'nticchia,e allo stesso tempo declassa fripp,che era una meteora lo si intuiva ,infatti oggi non se ne sente più parlare nè di lui nè del suo sodale Oates,per restare sulla cresta dell'onda bisogna avere talento e fortuna una delle due da sola non basta,e lui ha avuto fortuna...
luludia: ahahah, temo che se la sia presa, stanotte ho avuto un sonno parecchio agitato...
sergio60: bhe come se dice a Roma...si s'offenne se taja a parte offesa!
imasoulman: io vi dico: 40 milioni di dischi venduti in carriera, i primi tre prodotti per la Atlantic da un certo Arif Mardin, un disco perfetto come ‘Abandoned Luncheonette' (chi non lo conosce, non sa cosa si perde)...non sarà certo mai roba cerebrale alla Fripp, ma dell'ottimo pop-soul pieno di tiro e sentimento chi vuole c'è lo potrà trovare
sergio60: Ah bhe... Nino D Angelo ha venduto pure di più... Ma se continuiamo a fare l equazione molte vendite uguale qualità allora non c'è discussione, ricorda che il primo velvet vendette poco più di un centinaio di copie... Secondo te è immondizia?... Dai la qualità è altro...
imasoulman: i 40 milioni di dischi venduti sono in risposta alla tua affermazione che Hall era una meteora. Tutto qui. Per il resto, io i dischi di Hall & Oates (più o meno tutti fino ad ‘H2O) li posseggo, li ho ascoltati e - nel loro genere - li trovo assolutamente degni. Taluni addirittura ben più che degni.
sergio60: se piacciono o meno non è in questione,quanto al livello nel loro campo possono essere pure il nr 1,solo che è proprio il genere ad essere frivolo ,nei primi settanta avrebbero fatto la fame,ma questa è un'altra storia,tieni presente che sono molto selettivo in materia,e non transigo su ciò che ritengo più o meno meritevole in fatto di musica,e tieni sempre presente che è il mio sindacabile giudidizio, ho il sacro terrore a ripensare a…
dipsomane: "nei primi settanta avrebbero fatto la fame"... il disco che ha citato @[imasoulman], "Abandoned Luncheonette" è il loro secondo disco, è del 1973 e ha venduto più di un milione di copie (disco di platino)... @[sergio60] con simpatia. che non ti piacciano, si è capito ;-) e io non voglio convincerti del contrario in nessun modo, ma ho l'impressione che tu ne sappia pochino di quei due... ;-)
sergio60: Po' esse... Ma sempre zammammeri so
dipsomane: non so che vuol dire 'zammammeri', ma posso immaginare... ;-))) e niente, vuol dire che il cofanetto con tutta la discografia di H&O non te la regalo più! ;-)))))
sergio60: pfiiiiiu!..me la sò scampata..ti ringrazio ...
lector

lector : Mi stupisce sempre il constatare

| DeRango™: 0.00

Mi stupisce sempre il constatare quanti fans (anche terminali) di Julian Cope non conoscano questo discone
Beneath the Frozen Lake of Stars - Thighpaulsandra/Julian Cope

BËL (00)
BRÜ (00)

lector: Il discone in questione non è il disco solista di Thigpaulsandra (comunque interessante, con tutto il gotha dell'esoterismo electro industrial che conta, di cui questo è - in ogni caso - il pezzo migliore) ma il primo, omonimo, dei Queen Elizabeth; duo formato dallo stesso Thighpaulsandra con Cope. Ne seguirà un altro (Elizabeth Vagina, pensa che titolo) ed un'altro ancora dal vivo poi il gruppo scomparirà nel nulla, fagocitato dalle rispettive carriere soliste. Ma qui…
imasoulman: meglio copeofili che coprofagi
rossana roma: In effetti l'avevo dimenticato. Lo incrociai ma ho abbandonato l'ascolto. Grazie per averlo ricordato.
lector: Grazie a te
imasoulman: Elizabeth Vagina è il titolo del decennio! Ma che dico del decennio, del quinquiennio!!
imasoulman: ovviamente di questa robbbba qui non sapevo niente! Ma che dico niente, niente (per chi ha studiato semiologia e Peirce e i 'primitivi'...)
lector: Allora esageriamo? Ma si, esageriamo! Titolo del Biennio!
lector

lector : Mi stupisco sempre nel constatare

| DeRango™: 22.57

Mi stupisco sempre nel constatare quanto i fans di Tom Waits (anche quelli terminali) poco conoscano questo capolavoro Gavin Bryars and Tom Waits Jesus Blood Never Fails Me

BËL (11)
BRÜ (00)

lector: Almeno questo una recensione ce l'ha! Jesus' Blood Never Failed Me Yet - Gavin Bryars - Recensione di zaireeka
ALFAMA: io ho sentito più Gavin Bryars che Tom Waits, conosco anche il disco ma avevo rimosso la sua presenza
lector: Vero ma, secondo me, Tom immette un po' di carne e sangue nel lavoro di Bryars che tende, come al solito, un po' troppo verso l'etereo. Poi sono gusti. @[zaireeka] nella sua recensione dice che la parte con Waits è la più debole.
macaco: Fu molto elogiato dalla critica, infatti lo comprai per mia grande delusione. Ah, ah, ha, oggi stiamo agli opposti!
lector: Capita anche nelle migliori coppie :-))
hjhhjij: In effetti non conoscevo. Il problema è che non è mica tanto facile districarsi tra le numerose apparizioni qua e la del Tommaso, che già di suo ha una sostanziosissima discografia tutta da spolpare.
lector: Vero!
ALFAMA: The Sinking of the Titanic - Gavin Bryars Anche una mia personalità s'innamorò di questo signore. Dimenticato tutto, per fortuna
lector: Vedi che quando vuoi, riesci a tirare fuori delle gran cose?
lector

lector : The Insect God Mi stupisce

| DeRango™: 9.11

The Insect God Mi stupisce sempre il constatare quanti fan (anche terminali) di Wyatt non conoscano questo capolavoro

BËL (04)
BRÜ (00)

lector: Michael Mantler "The Hapless Child" 0 (dico zero!) recensioni sul DeB! @[luludia] @imasoulman vergogna!
luludia: son qui dietro la lavagna....
imasoulman: io ormai sto fisso in Presidenza...
lector: Non ci credo che non conosciate questo disco, ma se è così, cercatelo. Sono certo che ne resterete colpiti.
sergio60: orpo!..questo fine pianista mi gira in testa da decenni...confesso non ho nulla ma lo conosco molto bene,andrebbe sponsorizzato ...e pure parecchio,questo brano è sublime,e la voce di wyatt non fà che dare spessore ad un lavoro decisamente superiore...
lector: E' un capolavoro, guarda solo i nomi coinvolti e pensa che mantiene tutte le sue promesse. E wyatt canta in tutti i pezzi (canta da dio!)
sergio60: guarda che il disco in questione lo conosco ..o meglio con questo lp conobbi mantler,poi per varie ragioni non l'ho mai comprato,ne avevo una copia su cassetta fino a quando il mangianastri in auto non ha dato seguito al nome...trinciato!
sergio60: ps..tra questo e Synphoniof amarantas di neil Ardley in quel periodo ci si "divertiva" non poco....
lector: In effetti sei tra i pochi che poteva conoscerlo, però se ti capita procurati il cd con le illustrazioni di Gorey (a cui il disco si ispira) è un oggetto notevole. Anche il disco di Ardley è eccezionale
sergio60: il problema è ricordarselo!...saranno tre decenni che questo lp mi gira intorno ma non lo afferro...adesso che tra stampe e ristampe in cd...passa sempre nel dimenticatoio...se poi metti che saranno almeno 15 anni che non lo ascolto...lo avevo su cassetta,ma ...
lector: The Insect God by Edward Gorey
odradek: Non ci azzecca niente e io non sono un intenditore, ma conosci Thomas Ott? Se no, e ti capita tra le mani un volumetto dei sui, vale la pena. CINEMA PANOPTICUM di Thomas Ott P.S. Ho un bel disco di Mantler, chissà dove, pure quello con un parterre "de paura", ma questo non credo di averlo mai sentito, quindi grazie, lo cerco.
lector: Avevo visto già da qualche parte qualcosa do Ott, ma senza mai approfondire. E' sicuramente affine alle cose di Gorey, lo cercherò senz'altro, grazie.
zappp: molto a torto, è un pò snobbato dai vecchi babbioni amanti di jazz degli anni d'oro, quando invece è un valido artista di larghe vedute che non esita nel buttarsi in progetti talvolta arditi. Questo è forse il suo miglior disco. Per chi volesse approfondire, consiglio il progetto "Jazz Composer's Orchestra", con il gotha del jazz libero di fine anni '60.
proggen_ait94: mi fate venire troppa fame, poi ingrasso
hellraiser: Non conosco, interessante
sergio60: posso dirti che a decenni dall'uscita resta uno dei dischi più belli mai incisi,e cosa non trascurabile è senza tempo..potrebbe essere uscito oggi..o domani,non sapresti collocarlo in un periodo ben preciso...
lector

lector : Mi stupisce sempre il constatare

| DeRango™: 1.64

Mi stupisce sempre il constatare quanti fan (anche terminali) di Wyatt non conoscano questo capolavoro
The Insect God
BËL (01)
BRÜ (00)

lector: Michael Mantler "The Hapless Child" 0 (dico zero!) recensioni sul DeB! @[luludia] @imasoulman vergogna!
lector: #senzaclip
dsalva: complimenti, ottimo esempio di assunzione di responsabilità e autodenuncia che andrebbe premiata!!!.....intanto la Deamo che ancora non l'avevo fatto
lector: Ed io la Dericambio
proggen_ait94: che colpaccio!!
lector

lector : Ma quanto c'ha la faccia

| DeRango™: 6.15


BËL (03)
BRÜ (00)

lector: Ma non era meglio Moreno?
IlConte: Ahahahahahahahahahahahah non me la ricordavo questa sequenza di errori orrori ad hoc.... beh poi Pandev era il migliore in campo, normale eccheccazzo. Quando chiudevano gli arbitri negli spogliatoi e la partita prima guarda caso veniva espulso il più forte (a volte pure due) della squadra che avrebbero affrontato la settimana dopo. Altro che schema Ponzi... Ponzi a Moggi gli fa una pippa ahahahah. E loro avevano il coraggio di confrontare queste viscide ruberie mafiose schifose…
lector: Hai visto oggi? Che merde!
IlConte: No, non ho visto. Ero annichilito dai bergamaschi ahahahah. Avranno mica rubato con un Milan disperato e a pezzi?! Ahahahah
lector: Ti dico solo che la partita l'ha vinta Mazzoleni! Grande Inter!
IlConte: Ah quindi arbitra ancora questo?! Ahahahahahah Non mi intendo di arbitri, li equiparo ai vigili urbani. Conosco a memoria i miei polli, sapevo avremmo perso. A Bergamo è l'unico campo in cui firmerei prima un pareggio. Con noi fanno sempre partite pazzesche. E poi l'Atalanta gioca benissimo e mangiano la terra... i “miei” già presuntuosi dopo quattro vittorie del cazzo.... in Siberia, prego.
IlConte: Ma tu sei di Napoli, Doc?!
lector: Napoli centro! Anche se, ora, vivo ad Avellino
IlConte: Ah infatti mi ricordavo Avellino.... Bisognerebbe recensire ... ma bene, bene... lo splendido documentario di kusturika su Diego... favoloso. “Odiavo” Diego in diretta a vent'anni... dopo 10 anni lo adoravo quel bulletto ... Tifoseria Napoli (ultra) la odierò sempre. Mi pisciavano in testa dal secondo anello, bastardi, terroni di merda ahahahahahah mi è partito l'embolo 25 anni dopo ahahahahah
lector: Io allo stadio non ci vado. Ormai, il calcio, lo odio. Che peccato....
IlConte: Ah non ci vado più da 15 anni... ma io ero pazzo, avevo le palpitazioni mentre andavo puoi capire... E poi ero stanco di tanta merda in effetti...
mrbluesky: Io credo da 28,l'ultima volta lanci di monetine e chiusi dentro fino a sera tardi e il giorno dopo a lavorare.preferisco andare allo zoo tanto il livello di intelligenza è quello li
macaco: Minchia come puzza ´sto video, altro che i piedi del pinhead!
lector: A tutt'oggi l'orribile verità su @[Pinhead] non è ancora stata rivelata al DeMondo DeBaserico.... Non vi è traccia del poadcast della trasmissione incriminata. Come mai? Una manovra del potente Pinello per insabbiare tutto? Magari con l'aiuto del colluso @zig! Censura? #Gprigionierodeipote ri forti?
lector: E @[sfascia carrozze] che fa? Tace?
Pinhead: O mi sono perso qualcosa o mi sono completamente rinco, probabilmente la seconda :-(
lector: Te ne accorgerai, te ne accorgerai....... (risata diabolica)
Pinhead: O ti sei completamente rinco tu :-)
lector: Esatto!
macaco: Ero all´oscuro del fatto che il caso in questione non fosse ancora stato reso pubblico, me ne rammarico. Il destino age per vie imprevisibili.
lector: #poteriforti #insabbiamento
sfascia carrozze: @[lector] Chittace, si sà, sta zitto.
dipsomane: la cosa che mi stupisce di più è che in questo paese di beoti c'è ancora gente che tira fuori un euro per assistere a questa grottesca messinscena 'sportiva'. molto più onesto e pulito il wrestling che 'sta cacata di giuoco della pedata.
sfascia carrozze: A livello di sport circensi son pienamente d'accordo con Lei. Sì, comunque, il DeCalcio è divertente come una messa cantata in Ostrogoto sotto una coltre di neve di tre metri. In canottiera.
perfect element: Ancora a perdere tempo con 'ste merde colluse con la 'ndrangheta. Get over it, guys....
Valentyna: Mi hai tolto il commento di mano...
sfascia carrozze: Vedo che ha uno strano strumento a fiato con sé: ma non ho capito bene in ché DeGruppo suona costui.
lector: Nei The Vendutis!
sfascia carrozze: Più che un semplice DeGruppo trattasi di DeComune, direi.
Insect_Reject: Godo ancora HAHAHA con la ciliegina sulla torta che a fine partita i Mazzarri boys manco si presentarono alla premiazione da quanto gli faceva male l'ano. Poi sentire quel maiale isterico di Varriale che impazzisce, è proprio il non plus ultra orgasmico.
Insect_Reject: Tra l'altro bello 'sto video, poco di parte eh! Che nasconde la compilation di calci e gomitate che quei dopolavoristi del Napoli tipo Inler, Behrami, P.Cannavaro, Gargano e Zuniga rifilarono alla Juve per tutta la partita... vuoi rigore per la spinta di Barzagli? Va benissimo, ma dai il rigore su Matri nel primo tempo, totalmente ignorato prima del primo gol di Cavani. Quando mesi prima di quella partita il Napoli vinse la coppa Italia e…
lector: Ecco: ora so come ragiona uno juventino.
lector

lector : Whole Wide World@[imasoulman] , mica,

| DeRango™: 6.25

Whole Wide World
@[imasoulman] , mica, sull'isola, ti dimenticherai di questo magnifico dilettante, questo perdente per carattere genetico più che per scelta?

BËL (03)
BRÜ (00)

imasoulman: beh allora mi devo portare tutta la Stiff Records ;) (Elvis, Nick, Ian etc.)
lector: Ma si, un bel cofanetto.....
lector

lector : Manifestazione Riace, "Bella ciao" per

| DeRango™: 9.96

Manifestazione Riace, "Bella ciao" per il sindaco arrestato: Lucano saluta dalla finestra
La vendetta vigliacca contro Riace nel silenzio codardo dei 5 stelle.

BËL (05)
BRÜ (00)

Dislocation: Bibì non rompe i coglioni aBibò su determinati fatti e Bibò fa altrettanto col degno compare. Beh, ma loro non sono quelli che fanno pulizia nei ministeri coi coltelli?
IlConte: Zio vaka erano secoli che non vedevo qualcuno con un ruolo politico esibire il nobil pugno...infatti è agli arresti ahahahahahah La follia totale... Nonfatemipensarenonfatemi pensarenonfatemipensare!!!
imasoulman: stiamo messi così
lector

lector : @[IlConte] te la ri-dedico (visto

| DeRango™: 7.00

@[IlConte] te la ri-dedico (visto che fai finta di niente) e ti ridico quello che ho già detto: Nicolini se lo mangia a Jim!! Nicola di Bari - Dammi Fuoco (Light my fire) 1970

BËL (03)
BRÜ (00)

lector: *Nicolino, cazzo! Quale Nicolini!!
IlConte: Ahahahahahahahahah mitico Nicolino!!!
lector: Dì la verità: Nicola di Bari che rifà Jim Morrison non te lo saresti immaginato nemmeno nei tuoi sogni più bagnati!
IlConte: Strepitoso!!!
rossana roma: Le sorprese non finiscono mai! 😄
Cialtronius: senti che voce... e quel flauto. forse un pelo superiore all'originale...
lector: Nicolino se li mangia i Doors!
Dislocation: Gim Barison.
lector

lector : Dedicata a @[il Conte]Nicola di

| DeRango™: 0.50

Dedicata a @[il Conte] Nicola di Bari - Dammi Fuoco (Light my fire) 1970
La sapevi questa? Nicolino se lo mangia a Jim!

BËL (01)
BRÜ (00)

sergio60: azz!....trent'anni fa lo avrei esaudito volentieri,,,
lector: Che cattiveria! Senti che tiro rock, invece....
sergio60: facevo riferimento al mio pensiero riguardo i cantanti dell'epoca ...all'epoca,adesso li vedo sotto un altra luce
sergio60: con i led non ho più necessità di appiccare fuoco per vederci chiaro!
lector

lector : Muore Aznavour e nessuno si

| DeRango™: 24.22

Muore Aznavour e nessuno si accorge che, nello stesso giorno, muore anche Stelvio Cipriani.
Ci vuole occhio anche a scegliersi il giorno per morire sigla Torino Violenta (1977)

BËL (12)
BRÜ (00)

Falloppio: Sfortuna anche nella malasorte.
lector: Tutti citano le musiche di "Anonimo Veneziano", ma io voglio ricordarlo per cose come questo polizziottesco d'annata.
tia: Bravo. Io pure
omahaceleb: Ok, ma che film del cazzo i poliziotteschi d'annata.
lector: Vabbé, ma visti oggi, con una prospettiva diversa..... Ok, erano film del cazzo. Però presi a piccole dosi so' divertenti, dai! Tipo certi peplum assurdi.... Ma non lo diciamo a Marco Giusti :-)
omahaceleb: Sì sì ti ho capito, a volte capita di buttare un occhio su rete quattro, per carità. Ma se pensi alla funzione "igienica" di quei film e al "contesto",per dirla alla Sciascia, beh... Sono quelle cose che descrivono prescrivendo. Sarà il magone per come vanno le cose, che ti devo dire...
Carlos: come Sky Saxon che è schiattato lo stesso giorno di Michael Jackson. Ma ognuno di noi sa a chi dare il giusto tributo.
Falloppio: Lo sto ascoltando adesso. Non conoscevo.
tia: Beh! Mark il poliziotto!
zaireeka: Se non ricordo male c'è un altro caso famoso.. Prokofiev e Stalin, anche essi morti lo stesso giorno. Tanto che la morte del primo passo del tutto inosservata
zaireeka: Effettivamente Stalin come musicista era di tutto un altro livello..
Carlos: Era un fine critico artistico toutcourt: pensa quanti ne ha mandati in Siberia! Doveva pur essere a conoscenza delle varie tendenze!
Alfredo: Esattamente lo stesso giorno. Dopo averlo "subito" per gran parte della vita si è preso anche la sua gloria.
omahaceleb: li mandava in Siberia per ascoltare i Diaframma, tutto qui.
lector: In Siberia ci sono ottimi alberghi e si mangia pure bene!
Carlos: Infatti nei kolchoz la gente diceva: I dissidenti negli Hotel e noi qui a sgobbare!
sfascia carrozze: E soggiungiamo che il DeAscolto a cui sarebbe dovuta essere collegata la correlativa DeOpera non è presente neanche nel DeDatabazer. Epperdindirindina!
lector: Il DeDatabazer comincia a perdere colpi!
sfascia carrozze: Comincia? Lei è un (h)uomo magnanimo: l'ho sempre penzato.
imasoulman: scopro adesso...rientrando alla vita normale, un Grande a tutto tondo
lector: Vero
lector

lector : Storie che andrebbero raccontate (10)

| DeRango™: 24.47

Storie che andrebbero raccontate (10) Gregorio Gregorio - Uno
Non potevo che chiudere con questa, la storia a cui tengo di più.
Una decina (o quindicina) di anni fa salta fuori 'sto disco assurdo: stonato, sgrammaticato, banale oltre il lecito, dilettantesco in modo talmente esagerato da sembrare finto. Infatti qualcuno pensa ad uno scherzo geniale degli Elio e le Storie Tese, vista l'impressionante somiglianza tra Gregorio ed Elio.
Invece no, è tutto vero.
Sul web si comincia a perculare il buon Gregorio (c'è persino una recensione qui sul DeB Pagina non trovata grasse risate ed il disco - però - comincia un po' a circolare, tanto che lo si trova sulla baia come su discos.
Così qualcuno comincia a chiedersi chi diavolo sia questo Gregorio, spuntato dal nulla ed, apparentemente, ingoiato dal nulla.
E poi la storia viene fuori.
Giuseppe Gregorio è un ragazzotto di Imperia che, tra la Messa della domenica ed un lavoro in pasticceria coltiva il sogno di diventare un cantante, di andare a Sanremo, in TV, di fare dischi e concerti.
E ci crede. Ha cominciato da bambino e ha continuato a coltivare il suo sogno per tutta la vita. Tra concerti, comparsate, feste di piazza e provini, ci prova in tutti i modi.
Ed un bel giorno del 1987 il destino lo porta in Calabria a cantare in una festa di piazza. Lì conosce Angelina.
E' amore.
Due anni dopo i due si sposano ed il nostro Giuseppe va a vivere a Rosarno da Angelina.
Il problema è che Angelina fa di cognome Bellocco, ed a Rosarno la famiglia Bellocco è la 'ndrangheta.
Giuseppe viene accolto in "famiglia" e lo si mette a "lavorare". Giuseppe comincia a rimanere invischiato, ma si dimena, non ci sta: lui vuole fare il cantante.
Allora, forse per tenerlo buono, forse per farlo contento, la "famiglia" lo aiuta a produrre il suo primo cd "Insieme a noi" (ed infatti sul retro del cd campeggia un ringraziamento a tale C.B. - unico ringraziamento a qualcuno - che dovrebbe, con tutta probabilità, essere un Bellocco, forse Carmelo).
E' il 1996.
Il cd finisce nei cestoni dei supermercati e la cosa sarebbe finita lì.
Ma Giuseppe ci crede ed, adesso che ha anche il suo primo disco, quella vita gli diventa insopportabile. Come potrà andare a Sanremo con la fedina penale sporca? Come potrà giustificare ai suoi fans quei testi pieni di buoni propositi e sentimenti (ascoltate il brano che ho allegato: "corruzione e mafie, non abbiamo bisogno di voi" canta, ispirato Giuseppe)?
Così Giuseppe si pente.
E canta, e stavolta è un successo: la "famiglia" prende una botta epocale. E' chiaro che gliela faranno pagare.
Ma Giuseppe non ci crede e torna a Rosarno, lì ci sono la sua Angelina ed i suoi bambini Arianna e William. Quella è la sua famiglia.
E poi c'è la musica a proteggerlo.
E invece gliela fanno pagare: Giuseppe sparisce senza lasciare traccia di sé.
Qualche anno dopo, come abbiamo visto, il disco comincia a girare per il web.
Quando qualcuno (o io stesso) mi chiede

BËL (12)
BRÜ (00)

lector: (troppo lunga) perché spendo tanta parte del mio tempo e del mio denaro per la musica, perché la musica è tanta parte di me e dei miei affetti, io penso a Giuseppe. Me lo immagino immerso nel fango ma pulito, come se tra lui e la melma, tra lui e lo schifo ci fosse una invisibile pellicola trasparente che lo isola: è la Musica. E' una storia di Redenzione, è una storia sul potere della…
IlConte: Ciao....
lector: Ciao Conte
lector: Ok, stavolta ho esagerato. Prometto (o minaccio) che quando troverò il tempo e la lucidità necessari tornerò ad omaggiare Gregorio in altro, e più adeguato, modo. Gregorio se lo merita, E questa cosetta non lo onora abbastanza.
IlConte: Beh insomma, secondo me è già tanta roba, se lo sapesse... sarebbe bello davvero...
lector: Già....
Carlos: Questa è bella davvero però secondo me :D
lector: Grazie Carlos
Zimmy: Cazzo, pazzesca questa. Grazie Lec, nient'altro da dire. Grazie. (Però il link alla rece debasica non funge)
lector: Grazie a te Zimmy. Per il link, prova a digitare Gregorio su "cerca" qui sul DeB (è su, in alto) e vedrai. Ne vale la pena.
Zimmy: Già fatto, nel frattempo :)
Falloppio: Grazie Fratello. Bella storia. Come sempre.
lector: Thanx Brò
macaco: Se avesse cantato come Claudio Villa, col cazzo che lo facevano sparire!
lector: Queste canzoni sarebbero orrende anche se a cantarle ci fosse una voce decente
Onirico: Ma da dove le tiri fuori certe storie?!!:-)
lector: Ho le mie fonti....
CosmicJocker: E ora ci vuole qualcuno che metta in musica la storia di Giuseppe Gregorio...
lector: Un'Opera tragica
Dislocation: Mammamia. Grazie, Lec.
lector: Grazie a te
hjhhjij: Che dire, stupenda. Meglio il tuo scritto, e più interessante la sua storia probabilmente rispetto alla musica in se e per se.
lector: Certo, il disco in questione potrebbe aspirare al titolo di disco più brutto della Storia!
imasoulman: ...del quale non sapevo ovviamente nulla. Noveltry in Motion
lector: Lo conoscevamo davvero in pochi
Stanlio: Le montagne di merda (tra cui la 'ndrangheta), hanno seppellito troppe persone innocenti come Giuseppe, rovinando la vita ad intere famiglie, bambini compresi, per sempre...
lector: E ne seppelliscono ancora....
Carlos: Aaaah ma questo lo conosco finalmente!
lector: Extro lo ha pure definito!
dipsomane: d'ora in avanti non commenterò più. sono troppo banale nell'incensarti... ma immagino che tu viva di questo, della scrittura e della capacità divulgativa della tua conoscenza... se no saresti da fustigare sulla pubblica piazza! clapclapclap!!!
lector: Beh i complimenti fanno piacere sempre (ed anche qualche critica quando ci sta). No, io non scrivo da nessuna altra parte se non qui è non avevo neanche mai scritto prima. Solo qui condivido la mia passione per la musica con qualcuno. Per questo sono affezionato al DeB, per questo l'apprezzamento tuo e degli altri mi fa così piacere
lector

lector : Storie che andrebbero raccontate (9)

| DeRango™: 26.90

Storie che andrebbero raccontate (9) Bert Sommers Bert Sommer - And when it's over (1968)
Quando Bert sale sul palco di Woodstock ha alle spalle una breve militanza nei Left Banke (hai presente @[zig] ?), con cui era rimasto solo il tempo di pubblicare un oscuro 45 gg. ed un album "The Road To Travel".
"The Road To Travel" è un capolavoro di pop barocco e soffice cantautorato, lievi sfumature psych e quella naïveté che solo l'atmosfera dei '60 rende così struggente.
Bert ha una gran voce, duttile ed estesa, ed una notevole presenza scenica.
Ed ha talento, un talento vero.
Ma non è per quello che è stato chiamato ad esibirsi a Woodstock: non per il talento, la voce o quell'oscurissimo e misconosciuto piccolo capolavoro di "The Road To Travel". No, è stato chiamato per la sua partecipazione al musical "Hair". Unico quarto d'ora di gloria che le divinità della musica concederanno al nostro Bert. L'unica cosa che rimane, oggi, di lui è l'immagine dei suoi capelli ritratta sul cartellone originale del musical; solo i capelli, la faccia no (né tantomeno il nome).
Ma la sua performance lì a Woodstock è epocale, comincia con una dolcissima Jennifer (dedicata a Jennifer Warnes, futura signora Cohen e cantante straordinaria. Procuratevi, almeno, il suo "The Famous Blue Raincoat") e finisce con una trascinantissima "America" di Paul Simon che manda il pubblico in visibilio.
Abbandona il palco accompagnato da una standing ovation.
Sembrerebbe un perfetto trampolino di lancio per il suo secondo disco che sta per uscire.
Ed invece la sfiga ha ben altri progetti per lui...
Tutta la sua performance è tagliata fuori dal film (ed anche dal disco). Ufficialmente per problemi tecnici, invece la verità è che la causa fu una scelta commerciale della compagnia discografica: dato che Bert era impegnato in un'altra importante etichetta discografica (la Capitol), la Warners non voleva davvero promuovere quel loro artista così promettente.
Risultato: nessuno si ricorda di quel suo exploit, la Capitol lo silura (non ho mai saputo perché), il pur dignitoso (più che dignitoso) "Inside Bert Sommers" se lo comprano solo amici e parenti e non andrà meglio a "Bert Sommers", che il nostro incide in quello stesso 1970.
Perché? Perché quei tre dischi (ottimi ed almeno uno - il primo - un capolavoro) vanno così male?
Perché uno che aveva tutto per sfondare, compreso un bel faccino che non guasta mai, è completamente scomparso?
Per lui neanche un aura "di culto", una tardiva riscoperta, un passaparola sotterraneo. Proprio niente, sparito e basta.
Nel '77 ci proverà un'ultima volta con "Bert Sommers".
Poi più niente.
No, per la verità qualcosa c'è: nel 1990, a soli 41 anni, un'insufficienza respiratoria (insufficienza respiratoria per un cantante!) se lo porta via.
Qui siamo ben oltre la sfiga.....

BËL (11)
BRÜ (00)

lector: Prima di chiudere con la prossima storia che sarà completamente diversa da tutte le altre, mi permetto di aggiunger altri 10 consigli per gli acquisti. Per chi ha apprezzato questi oscuri gioiellini. Randy Burns "Evening of the Magician", John Philips "The Wolf King Of LA", David Wiffen "Coast to Coast Fever", Terry Allen "Lubbock (On Everything)", Mary Margaret O'Hara "Miss America, John Prine "John Prine", Linda Hoyle "Pieces of Me", Jim Dickinson "Dixie Fried, Ned…
hellraiser: Qualcuno conosco, Prine in primis, gli altri me li segno, ottimo
lector: Spero che tu possa fare qualche bella scoperta. Fammi sapere.
imasoulman: minchia...Terry Allen! e Mary Margaret O'Hara !! vabbè Mimi e Richard ci stanno un po' meno, trooooppo famosi...;) me ne aspettavo un altro paio, casomai...la prossima?
lector: Ero certo che li conoscevi tutti. E Bert? Questo è sicuramente un disco per te. Si, lo so che qualcuno è un po' meno di un culto, ma io pensavo anche alle storie da raccontare che ci sono dietro.
lector: Per scriverne qualcun'altra dovrò chiedere il permesso al bebè che pretende tutta la mia attenzione
imasoulman: disco meraviglioso. in contumacia Brian Wilson - che è già tanto che si salvò la pelle in quegli anni - uno dei migliori succedanei
lector: Amen!
imasoulman: e i Left Banke medesimi...uno dei massimi esempi di scrittura pop di sempre...e Mike Brown, lui pure ci stava qui dentro
lector: Mike Brown, certo....
imasoulman: ...e tutti i geni del pop-baroque o sunshine che dir si voglia (come Somers) meriterebbero Curt Boettcher...Michael Fennelly...Sandy Salisbury...Lee Mallory...
lector: E, allora, tu che stai qui a fare?
IlConte: No no no non siete normali e se ve lo dice un non normale potete/dovete crederci... Ma matti proprio eh Ahahahahahahah
lector: E te ne accorgi solo ora?
lector

lector : Storie che andrebbero raccontate (8)

| DeRango™: 22.00

Storie che andrebbero raccontate (8) Cyril Collard La Rage (Track 5)
Adesso erano tutti lì a spellarsi le mani per gli applausi, "Le Notti Selvagge" aveva vinto ben 4 César e tutti sapevano che quel film aveva già l'aura dell'opera di "culto".
Peccato che Cyril fosse morto tre giorni prima.
Portato via dall'AIDS. Male raccontato con freddezza chirurgica e lucida crudeltà, prima nel romanzo e poi in quel film, duro e spietato in primis con sé stesso.
Cyrill scoprì a Panama, durante un viaggio con suo padre, la febbre della scrittura, la forza del suo talento e l'abisso insaziabile della sua fame di sesso.
Talento cristallino: scrittore, fotografo, cineasta. E musicista.
Il suo gruppo, i CYR, avevano avuto qualche buon riscontro (ma solo in Francia). Poi aveva collaborato con Rachid Taha ed i suoi Carte de Séjour (altra storia che andrebbe raccontata, ma soprattutto "ascoltata") filmando alcuni loro video ed, infine aveva composto le musiche per alcuni suoi lungometraggi.
La colonna sonora de "Le notti selvagge" è, insieme al film, il suo testamento.
Sesso, morte, sadomasochismo, amore malato, dolore in mille forme, ma mai - mai - autocompatimento (altro che Philadelphia!), c'è tutto in questo film e nelle musiche che lo accompagnano. Cyril si mette a nudo e la prima reazione è quella di distogliere lo sguardo....
Cyril sapeva di essere condannato.
E si sente.


BËL (10)
BRÜ (00)

Carlos: Mi piace questa serie delle storie. Ho scoperto cose stra valide. In particolare i fenomeni country-crossover sono spettacolari. "Gimme gimme gimme I need some more"
lector: E' un gran piacere, per me, condividere queste mie piccole passioni
imasoulman: porca miseria...mi hai fatto venire un altro colpo apoplettico! Spero - ahimè - tu sappia che rachid taha è da non più di quindici giorni trasmigrato anch'egli nel mondo dei più...
imasoulman: ...e per chi ha amato i Clash è come se fosse nuovamente venuto a mancare Joe Strummer. Un Joe Strummer però che scrive 'Sandinista' ad Orano...
lector: Chi viene a casa mia deve ascoltare almeno una volta "Diwan"
lector: Neanche una recensione sul DeB! Io te l'ho detto.....
IlConte: Voi due non siete normali, il che è nobilissimo ....
Falloppio: Sei fantastico (Quando sei assorto)
lector: E quando sono assortito?
Falloppio: Bumbastico
lector

lector : Storie che andrebbero raccontate (7)

| DeRango™: 20.31

Storie che andrebbero raccontate (7) Arcesia Arcesia [US, Psychedelic Rock 1972] White Panther
Ci era riuscito, si ci era riuscito proprio bene John a farsi dimenticare.
John Arcesi, figlio di immigrati italiani in America era diventato famoso come Johnny D'Arcy, John Darcy o Don D'Arcy, ma aveva anche inciso per la Capitol col suo vero nome.
Era stato un bambino prodigio, poi si era diventato un "cantante da giacca", un crooner, un intrattenitore; i suoi modelli erano personaggi come Dean Martin o Frank Sinatra. Ed aveva anche un discreto successo, tra gli anni '40 e '50 sembrava proprio che dovesse sfondare. Si diceva che la sua voce avesse un "certo" effetto sul pubblico femminile.
Ed, infatti, durante un’esibizione al Thunderbird Hotel di Las Vegas una donna del pubblico andò "in estasi" ascoltando la sua voce.
Solo che era una finta.
Più che lo scandalo potè la figuraccia. Per quanto giurasse di non saperne niente, che fosse stata un'idea (stronzissima) del suo manager, nessuno gli credette.
La sua carriera finì lì.
Continuò, per qualche tempo, a produrre gruppi vocali ed a scrivere canzoni sotto altri nomi: Tony Conti o Chick Johnson.
Poi, nel 1961, disse basta e se ne andò in Europa. Al ritorno andò a vivere a Palm Springs con sua moglie e si fece dimenticare per bene.
Fino al 1972.
Nel 1972, Arcesi dà alle stampe (alle stampe! Erano poco più di trecento copie....) questo "Reachin" a nome Arcesia.
Perché? Forse, il fatto che sua moglie fosse morta pochi mesi prima può aiutare a capire, chissà!
Ma il fatto è che quel disco è pazzesco, provate ad immaginare un "Tilt" (di quell'altro bel tipo di Scott Walker) più psichedelico e distorto. Cosa ha trasformato Arcesi in Arcesia? Il crooner da albergo di Las Vegas in un allucinato rocker psychedelico, a 54 anni suonati? Non cantava più da oltre vent'anni e si sente, ma il disco ha un'intensità emotiva abissale.
Non è dato saperlo, perché il disco passa del tutto inosservato e John sparisce di nuovo, stavolta per sempre.
Morirà lì a Palm Springs nell'83.
Per fortuna la One Little Indian a la folle idea di ristampare "Reachin" nel '97.
Disco oscuro e misterioso come pochi.
Potevo, io, farne a meno?


BËL (10)
BRÜ (00)

imasoulman: ecco, questo manca...rimediare, subito!
lector: Devi dirmi cosa ne pensi.
imasoulman: dounloddato e ascoltato. Una freakerie se mai ve n'è fu una, azzeccatissimo il parallelo con lo Scott Walker che 'trasforma' la sua voce da fine settanta in poi, ma con un contralto se possibile ancor più androgino. Per il resto, si spinge sull'acceleratore di uno psycho-prog straniante, organi chiesastici e flauti dispersi, meta-melodie davvero insidiose e che non fanno nulla per farsi piacere, brani che s'interrompono quasi di colpo, insomma: uno di quei dischi che…
lector: Ecco: Questa è una recensione....
Johnny b.: Già detto altre volte, scrivi veramente benissimo.
lector: Grazie, mi fa davvero piacere sentirmi dire queste cose, anche se quel "a la folle idea" urla vendetta al cielo!
lector

lector : Storie che andrebbero raccontate (6)

| DeRango™: 31.04

Storie che andrebbero raccontate (6) Boris and His Bolshie Balalaika Boris and his Bolshie Balalaika.wmv
Lo confesso: io nutro un amore viscrale per quest'uomo. Ma come si fa a non voler bene a questo monumento alla sfiga, improponibile dropout fuori tempo massimo, avanzo di un'epoca che lui non ha vissuto, uno che le sue scelte le ha pagate tutte, tutte fino all'ultimo, ultimo dei freakettoni?
Il giovane Boris, figlio di un diplomatico russo, si trova in Svezia alla fine degli anni '60; in tempo per assistere agli straordinari concerti che Jimi Hendrix tiene da quelle parti in quei giorni.
Il giovane Boris ne rimane sconvolto e decide di dedicare la sua vita alla musica; ciula una balalaika a suo padre e la trasforma in uno strumento elettrico dal suono pazzesco.
E se ne va via di casa, suonando dove capita e mettendo appunto un repertorio di canzoni popolari russe trasformate in fragorosi inni psychedelici e cover di Hendrix. Deciso a fare di sé un ponte tra Est ed Ovest.
Ed è così che, girando e suonando, lo ritroviamo in Ungheria in piena "Primavera Praghese" e successiva repressione della stessa. E, in un momento del genere, Boris non ci pensa due volte e va a suonare , nudo, la sua balalaika in una piazza gremita di gente, per protesta.
Risultato: lo prendono e lo richiudono in un campo di lavoro e buttano via la chiave.
Se lo tengono dentro per dieci anni a somministrargli cure psichiatriche e rieducazione. Quando esce, nel '78, riesce a raggiungere la sua famiglia che è fuggita in Inghilterra. E' un uomo spezzato, svuotato. Gli ci vorranno 5 anni per riemergere dal buio ma, grazie all'incontro con i New Age Travellers, gruppi di freakettoni che celebrano i loro raduni a Stonehenge e che lì tengono un loro annuale evento musicale, Boris riprende in mano la sua Balalaika,
Nell' '84 suona al festival di Stonehenge e qualcuno comincia apensare di fargli incidere qualcosa. Arrivano i tipi della Delerium e buttano il buon Boris in alcune delle loro compilations, poi mettono su disco anche un suo concerto.
Ma, Boris, non è uno che fa le cose facili ed inoltre la sfiga, con lui, ha deciso di non prendersi neanche un giorno di vacanza.
Nell''85 la polizia decide che quei freakettoni dei New Age Travellers, lì a Stonehenge, hanno ormai rotto il cazzo e decide di disperderli. L'avvenimento è ancora oggi ricordato come "The Battle of Beanfield". Boris ci finisce in mezzo, anzi fa di più: vede un poliziotto che sta manganellando gioiosamente un vecchio Hippy e non ci pensa due volte, e gli spacca la sua Balalaika sulla testa.
Morale: Boris, dopo aver conosciuto le galere russe, conosce anche quelle inglesi.
Sembra finita lì, ma quelli della Delerium non si sono scordati di lui, lo cercano e lo trovano dopo altri 10 anni.
Nel '95 esce "Psychic Revolution".
E' un disco pazzesco, non dico altro pazzesco!
Ed oggi dov'è Boris? E' in giro che suona ancora, la faccia dipinta, la balalaika elettrica, vestiti sgargianti....
Cazzo, io lo amo quest'uomo!

BËL (13)
BRÜ (00)

lector: Merda! Scritta ancora più col culo del solito.... Scusate gli errori: l'ho scritta in fretta, col bimbo che frigna in braccio....
sergio60: aspetta che ti rigurgida sulla tastiera..poi mi dirai...
lector: Praga in Ungheria!! Pigliatemi a schiaffi!!
lector: Ci ha vomitato già sulla tastiera, caro Sergio....
Stanlio: Prega in Ungheria...
sergio60: @[lector] oh..allora stai un pezzo avanti...comunque c'è di peggio,ricordo un mio amico che fiero di aver acquistato un videoregistratore nuovo ci invitò a casa sua per una serata con video proiezione di film..ebbene al momento di inserire la cassetta ,questa non voleva saperne si entrare...aperto il pannello sbottò in corollario di contumelie e bestemmie a vario titolo,il suo pargolo aveva infilato nell apparecchio mezza dozzina di posate...per cui occhio..più crescono più si fanno curiosi più…
lector: Lo so, lo so!
IlConte: Mah per me è perfetta.... c'è un problema... io non so l'italiano ahahahahahah. Ma che... splendida storia... questa proprio zero. Sicuro che Jimi ha sempre detto che i concerti in Svezia sono stati i momenti più belli... aria fresca, pubblico caldo ma non esagitato e ... mi sbilancio ... tanta gnocca...
Stanlio: Bella Conte, se invece di darsi alla balalaika si dava alla ehm gnocca se la sarebbe spassata moooolto meglio...
proggen_ait94: voglio ascoltare!!
lector: Praga in Ungheria!! Pigliatemi a schiaffi!!
masturbatio: Il cotto Praga, il salame Ungheria ma come si fa a sbagliare...
macaco: Ahahah, non me n´ero neppure accorto, tanto preso dalla storia. Ma che te frega é il contenuto che conta il resto é solo involucro.
lector: Sono definitivamente rincoglionito :-(((
Zimmy: Suvvia, si capisce che è un lapsus e non ce ne si fa un problema. La storia è straordinaria e raccontata da par tuo :)
macaco: Per me un eroe, ovviamente lo deduco dalla tua storia, non l´ho mai sentito nominare.
masturbatio: Questa è davvero fantastica, grazie del viaggio, dovresti fare un editoriale col meglio di tutte le storie su cui ti sei informato, io quando avrò voglia le recupererò tutte. Una sorta di sintesi con le chicche più pazzesche.
lector: E' un piacere condividerle con voi
lector: Comprate questo disco, ascoltatelo, scaricatelo, fatelo girare. Fate in modo che Boris abbia quel poco di successo che merita, che qualcuno lo faccia suonare in Italia.... Io non so cosa pagherei per vederlo, berci una birra insieme. Da parte mia lo ho proposto già 3/4 e continuerò a proporlo di tanto in tanto. Electric balalaika rules!
lector: *3/4 volte ......è meglio che vado a dormire
Onirico: Che storia....!Vado ad ascoltare
lector: Fammi sapere
Falloppio: Sei un grande. Inimitabile. Tu, l'altro mi piace meno....
lector: Ma come?!
Falloppio: I'm sorry 🍀
HOPELESS: Questo lo conosco, ne abbiamo pure parlato una volta mi sa.. consigliato da quei geniacci di Future Sound of London. Questa sarebbe già una recensione, ma sarebbe bello se gli dedicassi un editoriale a settimana per ciascuno di loro lec, "Collana: Il Gene Freak". Hula.
lector: Si, in effetti, neanche io so quale possa essere lo spazio più adatto per le storie di questi "freaks". Però mi piace l'idea di fare ascoltare i dischi di cui parlo (almeno un assaggio).
lector

lector : Storie che andrebbero raccontate (5)

| DeRango™: 22.87

Storie che andrebbero raccontate (5) Gary Higgins Gary Higgins - Red Hash - 04 - Telegraph Towers (1973)
Dovrebbero andare tutti in galera!
Cioé, visti i risultati, forse ad un sacco di cantautori in cerca di ispirazione potrebbe fare bene un po' di vacanza a spese dello stato....
Prendi il nostro Gary "il rosso", aveva suonicchiato in giro per una decina di anni. Era salito sul palco insieme a Gary U. S. Bond, aveva suonato in un gruppo con un futuro Silver Apples, ma non era mai riuscito ad essere nulla di più che un signor nessuno.
Così lo ritroviamo nel '73, in una comune, sommerso da barba e capelli rossi, freakettone fuori tempo massimo a mantenersi spacciando un po' di hashish col suo amico Chico Cardillo.
Il problema è che il buon Nixon, proprio in quel periodo, aveva deciso di dare una bella ripulita al paese da spacciatori, hyppies e sballati vari.
Il nostro Gary, un tipo che i gmen del nostro Nixon avrebbero messo dentro a prescindere, si fa beccare con le mani nella marmellata (marmellata di hashish) e si prende tre anni di gattabuia.
Ma, prima che la sentenza diventi effettiva, Gary decide di incidere un disco.
Tipo ultimo desiderio del condannato.
Un pugno di amici (tra cui una splendida violoncellista, tale Maureen Wells), glielo suona e il suo compare Chico glielo produce. Si inventano persino un'etichetta discografica per produrlo.
Ne stampano un paio di migliaia di copie e se ne vanno belli, belli al gabbio.
E così Gary sparisce.
Ma il disco, cazzo, e bellissimo! Chi ne sa più di me scriverà che è un miracolo in bilico tra lo Skip Spence di "OAR" e il Crosby che non riesce a ricordare il suo nome; io, per non sapere né leggere né scrivere dico: anche Tom Rapp e i suoi Pearl's Before Swine più acustici.
Un miracoloso equilibrio di cantautorato folk, psychedelia trasognante, piccole stramberie soffuse ed una sottile tristezza da "fine di un'epoca".
Gary sparisce, ma il disco comincia a girare sotto traccia; finisce in molte mani giuste, David Tibet, Joanna Newsome, "prezzemolo" Banhart, il batterista degli Oneida (adesso non mi ricordo il nome!), e insomma gente così..... In Italia viene stampato in copie pirata che vengono vendute a prezzi notevoli.
Ma, soprattutto, finisce in mano a Ben Chasny che ci si fissa proprio: incide una cover di "Thicker Than A Smokey" tratta dal disco suddetto, poi parla con i tipi della Drag City e li convince a ristampare "Red Hash" ed a mettere sotto contratto Gary "il rosso". Ok, ma Gary dov'è?
E' scomparso.
Allora Ben stampa sulla copertina di un disco (ora non ricordo quale) dei suoi Six Organs of Admittance la frase: "chiunque abbia notizie di Gary Higgins è pregato di contattare la Drag City.
Morale: Gary riappare, il disco è ora nel catalogo catalogo Drag City, Ben se lo è portato in concerto con lui.
La Drag city gli ha anche fatto incider un'altro disco "Second".
"Second" è bello, indubbiamente bello.
Ma....
Manca qualcosa.... Come dire: quella magia....
Che sia il caso di rimandarlo in galera?

BËL (11)
BRÜ (00)

imasoulman: se penso all'eccitazione provata alla notizia della ristampa di questo disco mitico...ne misi un ascolto...credo non si prese (record negativo) manco in bël...;)) speriamo adesso vada un po' meglio...
imasoulman: *un (1)...
IlConte: Eh vabbè ma tu devi accompagnare con una “TUA” frase come fai ora... invogli i nobili all'ascolto...
imasoulman: in realtà (ho controllato...) un bèl se lo prese. E la sciocchezzuola accompagnatoria di commento c'era...meno male che certe storie finiscono in mano a chi le sa raccontare
IlConte: Ehi ehi Nobilissimo stai calmo che non ti puoi auto-"offendere".... certe cose, al limite, te le posso dire solo io ahahahahahahahahahahah. Ma tu fortunatamente sei un Grande - con un GRANDE, immenso, DIFETTO - ma se restiamo, e ci restiamo, sulla persona e sulla conoscenza musicale e generale da primato (non il Migliore dei Migliori perché quello se ne ITO sbattendo la porta ahahahahahahahah)
imasoulman: ma che offeso e auto-offeso? ;) son solo contento se Gary Higgins uscirà dal semi-anonimato!
IlConte: nel senso che non puoi TU definire i tuoi commenti accompagnatori "sciocchezzuola".... zio porco! ahahahahahahahahahahahahahah
imasoulman: comunque, chissà perché, il secondo non l'ho mai sentito...
lector: Dovrebbe farsi un'altro po' di gattabuia....
ALFAMA: Bella la favola della buona notte e bello anche il pezzo
lector: Bello tutto l'album!
IlConte: Ahahahahahahahahahah ma che bellezza di storie....
lector: E tutte vere!
proggen_ait94: guarda lector non puoi fare ste cose, copincollalo come rece, per higgins è necessaria, anche se è breve non importa
lector: Avete ragione tu e @[Zimmy] . Appena trovo il tempo un paio di queste (quelle che non sono nel database) le trasformo in recensione. Promesso.
Zimmy: Ha ragione @[proggen_ait94] , non vale, questa è una rece in piena regola! Grande Lec, sempre impagabili queste proposte
macaco: Concordo, queste sono ZoT! Red Hash... ricordo bene il libano rosso e giallo, e dai novanta che é sparito di circolazione.
lector: Che roba è? Io non ne so niente......
macaco: Meglio cosí...
hellraiser: Bravissimo
lector: Thanx
hellraiser: De nada
Flame: bella davvero
lector: Grazie
hjhhjij: Fortuna che almeno lui, sempre grazie alle magie del debaser, lo conoscevo già. Grande.
lector: Si, il classico disco di culto
lector

lector : Storie che andrebbero raccontate (4)

| DeRango™: 28.29

Storie che andrebbero raccontate (4) Jim Ford Jim Ford - Go Through Sunday
Nick Lowe non ci poteva credere: avevano ritrovato Jim Ford, dopo tutti questi anni, e gli avevano chiesto di fare un concerto con lui! Nick considerava Ford uno dei suoi massimi ispiratori, ma erano almeno 20 anni che nessuno sapeva più niente di lui.
Eppure, a cavallo tra '60 e '70, Jim Ford aveva scritto canzoni per gente come Aretha Franklin, Bobby Womack, i Temptations.... Pezzi come "Nikey Hokey" o "Harry Hippie" che avevano scalato le charts, Sly Stone lo citerà tra i suoi musicisti preferiti.
Jim era uno di quei bianchi che erano nati bianchi per sbaglio, uno come Bobby Charles o come Dan Penn (spero per voi che sappiate di chi sto parlando).
E non era solo un grande songwriter, se la cavava alla grande pure come cantante. Ma riuscì ad incidere un solo disco "Harlan County", uno di quegli splendidi segreti nascosti tra le montagne di dischi inutili incisi ogni anno.
Un disco splendido.
Funky Country, lo definì Jim, che è come dire "melanzane alla cioccolata", che detto così fa schifo ma provate a mangiarle vicino Sorrento e poi ne riparliamo....
Ma Jim si perde, la cocaina, storie di festini assurdi, donne, strane amicizie, sfruttatori... Insomma Jim si mangia tutti i soldi delle royalties. Riappare nei '90 per qualche concerto poi scompare.
Nel 2006 un giornalista svedese, L.P. anderson, lo rintraccia in una roulotte nel sud della California, dove aveva convissuto con la vedova di Gene Clark, si era ripulito dalla droga ed aveva trovato Gesù.
Anderson vola da lui e recupera un sacco di nuovo materiale che verrà aggiunto ad una lussuosa nuova versione di "Harlan County" che la Light in the Attic stamperà di lì a poco.
Si decide di lanciare il disco con un grande concerto dalle parti di Londra, Jim si stupisce, ci crede poco ma accetta. Così viene contattato Nick Lowe che accetta entusiasta.
Ma Nick, sul quel palco, aspetterà inutilmente. Qualche settimana dopo lo sceriffo di Mendocino, richiamato da alcuni abitanti della zona, entrerà in una roulotte stranamente ferma con le porte aperte. Dentro il corpo di Jim, aveva solo 66 anni, era morto nel sonno. Calmo, sorridente, tranquillo, forse stava sognando di un concerto con dei vecchi amici.


BËL (12)
BRÜ (00)

lector: @[imasoulman] questo è per te.... Sono un cretino: mi sono belato per sbaglio!
imasoulman: eh ma hai fatto proprio bene a belarti!
imasoulman: ti dico solo che...no, non dico niente...solo che è incredibile alle volte come ci possano essere connessioni invisibili, qui dentro. Domani tutto sarà forse più (o un pò meno...) chiaro...;)
lector: ?? Aspetterò con impazienza
imasoulman: 'harlan county' della beneamata Light in the Attic...la ristampa del Millennio?
lector: Hai mai provato le melanzane al cioccolato dalle parti di Sorrento?
lector: Anche Jim Sullivan è stato ristampato dalla Light in the Attic.... Santi subito?
imasoulman: no, solo alla parmigiana, dalle parti di Bagnoli...;) (il mio amico Diego R., madonna come si mangiava a casa sua...)
luludia: e comunque, a parte il tizio dei velvet, tutta gente assolutamente sconosciuta...e quindi: grazie signor Lector!!!
luludia: e comunque(2) tu e ima (che chissà quello cosa tira fuori con sta storia dell'isola deserta!!!) datevi una calmata!!!! come faccio ad ascoltare tutta sta roba??? come???
lector: Meglio che dai retta prima a mastro Ima che se ne intende davvero, mica come me...
dipsomane: esattamente! vale anche per me. io ho altre 'radici musicali', quindi ne so poco di questo lato della luna... storie interessanti e tratteggiate brevemente con maestria...
lector: Grazie Dipso.
dipsomane: iu ar uelcom, meit
IlConte: Beeeelllllaaaaaa, librolibrolibrolibrolibro!!!! E comunque voi due non siete normali, quindi bravissimi!!!
lector: Già, mai stato normale io!
hjhhjij: Ha ragione luludia però, che cazzo.
lector: Sto esagerando? Però, Aigei, procurati una copia di "Penguin Eggs" e poi dimmi. Quello è un disco che tu dovresti avere (secondo me).
hjhhjij: Ma io tutti cercherò di ascoltarli come si conviene.
Zimmy: Straordinarie queste storie, che sto seguendo con passione, come un po' tutti credo. Anche nel mio caso (ovviamente, visto che sono uno dei più "ignoranti" qui dentro) è sempre gente finora sconosciuta e questo accresce di molto la mia curiosità e il mio interesse. Tu poi, forse l'ho già detto altrove ma nel caso mi ripeto volentieri, sei il miglior raccontatore di storie del DeB. Devo ancora passare dalla tua rece su Lotte e Kurt,…
lector: Grazie Zimmy. Anche mia moglie dice che io racconto un sacco di storie; però - detto da lei - non sembra un complimento....
lector: Grazie a tutti coloro che hanno voluto commentare questa mia proposta; lo so che i nomi che sto proponendo sono particolarmente oscuri, ma il senso di questa lista è proprio questo: oscuri capolavori che sarebbe un delitto lasciare sepolti dal tempo. Dischi e personaggi che hanno una storia alle spalle, ma la storia è solo un pretesto per riprendere in mano la loro musica. E non uso il termine capolavori con leggerezza.
IlConte: Finalmente un terrone intelligente e che sa ahahahahahahahah. Passamela eh, sai che non riesco a non scrivere ciò che mi viene!!!
lector: :-))
IlConte: Ahahahahahah grande Nobile. Per ne queste cose sono il top... storie bellissime e maledette, la mia anima..l
lector

lector : Storie che andrebbero raccontate (3)

| DeRango™: 21.87 Isolabile

Storie che andrebbero raccontate (3) Jim Sullivan Jim Sullivan 'U.F.O.', ''U.F.O.'' [1969]
Jim Sullivan il rocker che fu rapito dagli alieni.
Il 4 marzo del 1975, Jim Sullivan salutò sua moglie Barbara e suo figlio Chris e se ne partì da L.A. verso Nashville. La sua carriera non decollava, a Nashville aveva qualche contatto, la speranza di lavorare come session man.
Eppure i suoi gigs al Raft club richiamavano sempre la gente giusta: i bei tipi della new Holliwood, musicisti, belle ragazze, artisti....
Era diventato amico di Harry Dean Stanton, aveva avuto una particina in "Easy Rider", entra nel giro di Phil Spector che gli mette a disposizione la sua leggendaria Wrecking Crew per registrare il suo primo LP.
Ne viene fuori un capolavoro.
No, non sto esagerando: un capolavoro. Gene Clark che incontra Tony Joe White, Tim Hardin con schitarrate acide, tappeti d'archi ed arrangiamenti barocchi che sembrano opera di David Axelrod. Ed un songwriting baciato dall'ispirazione. Canzoni che parlano di deserto, solitudine e viaggi e quel titolo: "UFO". Tutte cose che assumeranno un tono più assurdo che sinistro considerato ciò che accadrà.
Perché il disco non se lo fila nessuno, finisce nel mucchio dei "capolavori dimenticati", Jim ci riprova con un secondo disco a suo nome, prodotto da Hugh Hefner (si, quello di "Playboy"), ma non va.
Così arriviamo a quel 4 marzo del 1975 in cui, Jim, caricato il suo maggiolino con le sue cose (chitarra, qualche vestito, uno scatolone coi suoi dischi e poco altro), se ne parte per Nashville. Quella sera una pattuglia di polizia lo ferma dalle parti del Nuovo Messico, lo trova pulito ai test di alcol e droga, ma gli ordina di trovarsi una stanza dove dormire e riposarsi. Jim si prende una stanza in un buco di motel, il "La Mesa", giù a Santa Rosa ma, prima di andare a dormire, decide di andare a cercare della vodka.
Non tornerà mai più al motel. Il 6 marzo la sua auto viene ritrovata 26 km più lontano, in mezzo al nulla. Dentro le cose di Jim: la chitarra, i dischi, il portafogli, un quaderno coi suoi testi, i suoi vestiti....
Di Jim nessuna traccia.
Il suo corpo non verrà mai più ritrovato.
Dov'è Jim? Si è perso, ubriaco, nel deserto? Si è trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato (da quelle parti c'era il ranch di una certa famiglia Gennetti in odore di mafia e la sfiga, si sa, non va mai in vacanza)?
Oppure sono stati gli alieni che hanno voluto venire conoscere da vicino quel tizio che aveva cantato, così bene, di loro?

BËL (11)
BRÜ (00)

IlConte: Ma che storie che mi porti o riporti ... per un assetato folle curioso come me sono proteine per l'anima. Dovresti mettere insieme tutte queste tue e farci un nobil libro... gli incassi li devolvi come obolo alla cassa debaseriana e il “vecchio” @[G] scappa con il malloppo. Ahahahahahahahah, un altro scomparso... che chiuderebbe la storia. Grazie Lec
lector: Grazie a te nobile (e dove lo trovi un pazzo che pubblichi roba scritta da me? Però il malloppo me lo tengo per me....)
G: il malloppo è mio Il mio tessoro...ahaaa
Falloppio: Grande..... Storia stupenda. Ne approfitto per approfondire l'ascolto che sarà degno della scrittura
Falloppio: Bello proprio.
lector: Sono contento ti sia piaciuto
imasoulman: appunto...il libro ci vuole (ps: pure il secondo è stupendo)
lector: Vero: bellissimo anche l'altro, il paragone con Gene Clark ci stava tutto. Questo rende ancora più triste averlo perso così.
dipsomane: gran piacere leggerti. come sempre...
IlConte: Si ma non è lui eh.... ora ti dico la verità Nobile. Sono io che gliele passo perché voglio che la sua autostima non subisca brusche cadute. Bimbi piccoli, tanto da fare, deve rimanermi carico il ragazzo... Scusa @[lector] mi è scappata Ahahahahahahahah
lector: Grazie @[dipsomane] , sei sempre benevolo con le mie cosette. @[IlConte] , ma Conte!? Così mi sputani! Ora lo sanno tutti, e adesso che faccio?
lector: *sputtani .....ecchecazzo!
IlConte: Continua imperterrito che tanto pensano che scherziamo .... quindi non ci crederebbero neanche fosse vero (a dir la verità a me li scrive Imasoulman).... Ahahahahahahahahah
dipsomane: allora... gran piacere leggerti. come sempre... Imasoulman! ;-)))
IlConte: Ahahahahahahahahahahahahah
lector

lector : Storie che andrebbero raccontate (2)

| DeRango™: 20.45

Storie che andrebbero raccontate (2) Nic Jones 004 Canadee-I-O, Nic Jones
Il 5 agosto del 2010 a Sidmouth si tiene "la settimana del folk"; sul palco sale un uomo: è malfermo sulle gambe, si muove lentamente e con difficoltà, i suoi gesti sono innaturalmente meccanici e la voce è fioca, debole ma profonda. I presenti lo accolgono con un silenzio rispettoso e partecipe. Riesce a cantare solo tre canzoni, ma bastano per chi ha la fortuna di essere là.
Almeno per coloro che sanno chi è quell'uomo.
Nic Jones è stato uno dei più grandi folksinger inglesi, uno dei principali esponenti di quel cosiddetto "folk revival" che, tra i '60 ed i '70 ha prodotto dischi di gruppi e solisti straordinari. Pentangle, Richard Thompson, Bert Jansch, June Tabor, Davy Graham, Sandy Bull (e potrei continuare a lungo, ma ci siamo capiti). Fra quei nomi il nome di Nic Jones dovrebbe primeggiare: 5 dischi a suo nome (e tante partecipazioni a dischi importanti) tra i quali almeno un capolavoro assoluto (Penguin Eggs). Uno stile personale ed originale, una tecnica strumentale eccelsa ed una scrittura felicissima; Nic era nato per essere un primo della classe.
Ed invece il 28 febbraio del 1982, tornando da un concerto, si va schiantare con la sua auto contro un camion.
Coma, fratture multiple e danno cerebrale. Mai più suonare, addio a quel fingerpicking magico e personale, addio al violino ed anche cantare diventa difficile (era difficile pure impugnare una forchetta o pisciare.....).
Ci vogliono 28 anni per ternare su di un palco, lì a Sidmouth. Chi lo sa, chi custodisce gelosamente una copia di "Penguin Eggs" è lì che assiste - in silenzio - a quel piccolo miracolo.
Ci proverà ancora altre volte, nei successivi tre anni, Nic a riprendere - almeno - a cantare. Poi, nel 2013 dopo un concerto allo Shrewboury folk festival, Nic getterà la spugna e dirà basta.

BËL (09)
BRÜ (00)

IlConte: Bella, bella... il destino eh...
lector: Quant'è stronzo, alle volte, il destino....
sergio60: mi limito al "bel"..il resto lo hai detto tu..cosa potrei aggiungere?
imasoulman: però Sandy Bull era ammmeregano...;)) anche se...chi lo direbbe mai, ascoltando i suoi dischi?
lector: Hai ragione :-( Ma quella tecnica strumentale me li fa accomunare a prescindere..... Sono sicuro che anche tu custodisci gelosamente una copia di "Penguin Eggs"
imasoulman: ed infatti mai refuso contiene più verità. Per di più Bull era veramente un mago degli strumentali e dunque... 'Penguin Eggs' non l'ho MAI trovato in vinile neanche per fiere, mi accontentai di una sua copia in cd ristampata fuori tempo massimo che mi recapitò un caro amico negoziante...spero valga lo stesso...
lector: Già: disco introvabile.... Ed ecco un altro capolavoro che non è recensito qui sul DeB. La cosa comincia a diventare preoccupante. Qualcuno dovrà pensarci. Potrebbe essere pane per i denti di @[hjhhjij]
imasoulman: per il resto...appunto...ci siam capiti
mrbluesky: proponi sempre cose interessanti
lector: Grazie mr.
Stanlio: Quando leggo ste storie sconosciute perdo la testa e resto rintronato ed incuriosito per un pezzo...
lector: E' proprio questo il mio scopo.....
Stanlio: Sto pezzo comunque l'avevo già sentito, non mi ricordo dove e quando ma adesso faccio una mini ricerca su wiki (la mia preferita) e che la fortuna m'assista...
lector

lector : Storie che andrebbero raccontate (1)

| DeRango™: 15.10

Storie che andrebbero raccontate (1) Angus MacLise Angus MacLise - DREAMWEAPON III (LP Preview) now available from BOO-HOORAY
Lou, John e Sterling ci rimasero male: ma come! Per la prima volta qualcuno era disposto pagarli per suonare e lui s'incazzava così?
Ma Angus fu irremovibile e li piantò per sempre. "Venduti" e se ne andò senza voltarsi indietro.
Per fortuna di quei tre (e nostra), Sterling si ricordò della sorellina di un suo amico....
Ma questa è un'altra storia.
Invece Angus se ne andò in giro per il mondo fino ad arrivare in Nepal, e li si stabilì. Continuò a suonare, scrivere poesie e studiareil pensiero esoterico.
“Angus was one of the greatest drummers of all time and one of the greatest poets of all time”, disse di lui LaMonte Young che lo aveva avuto con lui nel suo Theater of Eternal Music e, per fortuna, qualcuno ha registrato qualcuna delle sue musiche.
Se ne andò a soli 41 anni e non credo abbia mai saputo (né si sia mai interessato di sapere) che fine avessero fato i suoi ex amici Lou, John e Sterling (e la sorelina del loro amico).....
Quei venduti!

BËL (06)
BRÜ (00)

IlConte: Beh vabbè Lui incarna la “perfezione” assoluta... venduti ancora prima di registrare qualcosa... perché entrare in una sala di incisione e farsi pagare era già diventare servi, in qualche modo... Idolo assoluto... Pure lui poi, se non sbaglio, ammaliato poi da Crowley e dall'occultismo. Figura totalmente unica, fuori dal mondo... Continua a raccontarcele nobile amico...
imasoulman: oh, oramai questo sito sta diventando una succursale della Factory (non l'etichetta discografica di Manchester, la 'fabbrica' di 'Drella). Bene così, e adesso sotto con la sorellina dell'amico...(spoilero, se so che sarà presto su questi schermi?...)
lector

lector : R. Stevie Moore - I

| DeRango™: 5.47

R. Stevie Moore - I Go Into Your Mind
Scoppiato, fra gli scoppiati. Copia meno conosciuta di Daniel Johnston (capito la sfiga?). Questo è uno di cui - prima o poi - si dovrà pur dire qualcosa.
Che ne dici @[imasoulman] ?

BËL (03)
BRÜ (00)

sergio60: ma siii ...diciamolo....è un figlio di mignotta!..ecco io l'ho detta qualcosa..
lector: Ma, povera mammina!
sergio60: eeh quanno ce vò ..ce vò..
imasoulman: roba tua, per definizione. Io ti posso fare al limite da titolista: 'Gli Spostati, ovvero il rock come elettroshock'
dipsomane: non conoscevo. grazie!
lector: Spero che ti piacerà
dipsomane: è incredibile! ha sfornato caterva di lavori e io fino all'altro ieri non sapevo chi fosse . da quel poco che per il momento ho ascoltato mi garba. mi ricorda gli XTC, lo stesso peculiare gusto per 'quel pop di qualità'...
lector: Si, personaggio interessante "The godfather of home recording" (ed anche completamente fuori di testa....). Sono contento ti sia piaciuto.
lector: Ti consiglio di cercare qualcosa (se non lo conosci gìà) anche di Daniel Johnston che è molto affine al nostro Ray Stevie. l'ascolto di lector: 10 Magnifici Perdenti. 10 Storie che ...
dipsomane: Johnston lo conosco. grazie Lector
lector: Bene!
lector

lector : Ebbasta a fare gli snob

| DeRango™: 0.51

Ebbasta a fare gli snob (5) 25 Most Dangerous Selfies Ever!
Campagna per la popolarizzazione di DeBaser

BËL (01)
BRÜ (00)

lector: E diciamocelo una volta e per tutte che il selfie è ormai un must irrinunciabile!
mrbluesky: l'autoscatto con corsetta però..
sergio60: cucù....
sergio60: 'na bella fagotta de deficenti dai....
lector: Cinico....
sergio60: senza meno....ma non deficente..ah ah ah ah ah
zaireeka: L'altro giorno mentre camminavo per strada ho intravisto uno che cercava disperatamente di farsi un selfie con sullo sfondo un manifesto del matrimonio di Fedez e Chiara Ferragni, ma ogni volta che ci provava un piccione gli si posava sul braccio guardando nell'obbiettivo cercando di prendere il suo posto nell'inquadratura. Dopo vari tentativi andati a vuoto ha capito che era una cosa troppo idiota per un uccello. Ed è volato via. Non prima però di…
lector: Magari quel piccione si presentasse alle elezioni!
sergio60: mi chiedo....ma SE RENDESSERO PUBBLICHE le loro trombate....avrebbero lo stesso successo?....
sergio60: maronn....è già stupido di suo tutto sto accanimento verso un matrimonio,manco fossero chissà chi ,ammesso che possa essere interessante un evento così comune,ma un selfie con il poster ..nooo! è cretino alla massima potenza..lui e il gesto,e rimpiango il fatto che le vacche non volino!
zaireeka: Eh si, io ho una fantasia malefica. Riguardo il matrimonio in questione siccome non sopporto gli hater e quelli che riescono a voler bene e stimare solo quelli più sfigati di loro non mi esprimo. In queste circostanze di grande celebrazione di mondanità, di pranzi luculliani, ecc, mi vengono sempre in mente, un po' cinicamente, le parole di una canzone di De Andre' (a cimma): “mangè mangè nu sèi chi ve mangià“
sergio60: Non so che età hai...ma ricordo con noia infinita il matrimonio di Carlo e Diana...un esposizione mediatica che ancora oggi fa il suo corso. ..sarà che non mi interessa la vita ..o meglio il gossip ...degli altri che trovo di una demenza siderale tutte queste attenzioni a fatti che sono importanti si...ma solo nel ristretto ambito personale, a me di Chiara e Fedez non me ne cale nulla ,anzi , di lei proprio nin me…
zaireeka: Sono del 65. Comunque, con tutto il rispetto parlando, va bene il disgusto che pure a me prende spesso per la stupidità di parti di questo mondo, ma se veramente pensi che per strada ci possano essere manifesti pubblicitari di un matrimonio con tanto di foto degli sposi, o hai una fantasia malefica come la mia (ma il mio scopo era giusto sparare qualche cazzata e ridere un po') oppure sei davvero un po' troppo…
lector

lector : Ebbasta a fare gli snob

| DeRango™: 0.51

Ebbasta a fare gli snob (4) MATRIMONIO CHIARA FERRAGNI E FEDEZ The Ferragnez Wedding
Campagna per la popolarizzazione di DeBaser

BËL (01)
BRÜ (00)

lector: Ma @[G] non è stato invitato? Così impara a fare il fighetto....
RinaldiACHTUNG: in quanti, ma in quanti ne sento parlare in questi giorni 🙈 "eh ma sono degli influencer é ovvio che abbiano fatto le cose in grande e bla bla siete tutti invidiosi bla bla"
lector: Invidiosi!
Zimmy: Sono l'unico stronzo che non comprende cosa dovrebbe essere un influencer?
RinaldiACHTUNG: zimmy gli influencer sono cancri; gente sui social che veste alla moda e nulla più
lector: Niente che non si possa curare con una buona aspiriner
imasoulman: sempre che ci lascino usare i vacciner... ...che si sa, è roba inutile, le multinazionali farmaceutiche, uno vale uno, la repubblica dei Cittadini...diventa anche tu influencer in 5 minuti !! (che sono poi pure 10 minuti in meno rispetto a quelli che vaticinava Andy Warhol...il tempo corre, non c'è più tempo...
dsalva: ero stato invitato, ma ho preferito sparare cazzate su Debaser
lector: Anche io ero stato invitato, ma non volevo imbarazzare il Fedez. Sai, la Chiara mi cerca ancora.....
dsalva: pure a te!??!??!?!....
Zimmy: Mo' a parte gli scherzi, mi sto chiedendo da un po' perché ci sia tanto interesse attorno a questi due individui, ma francamente non riesco a trovare risposte
dsalva: scherzi a parte, ma accendi mai la radio o la tv?....e allora!!!
Zimmy: No, perché dovrei?
dsalva: no, ecco perchè ti chiedi e non ti rispondi!!
Zimmy: Speravo che me lo spiegasse qualcuno risparmiandomi dall'accensione dei suddetti
sergio60: ti dirò caro Zimmy...è la solita storia..più la spari grossa più vieni considerato...mi chiedo che bisogno abbiamo di seguire un influencer per fare acquisti?...mi torna in mente "Super vip mio fratello" di Bruno Bozzetto....un vero genio,aveva previsto tutto! Happy Betty esiste! i razzi celebrali esistono! hanno nome e cognome ,nel caso in questione Chiara Ferragni...solo che nel film d'animazione fanno ridere e riflettere qui li seguono alla lettera e senza ragionare...hola netta sensazione che il…
sergio60: bhe un pò invidioso lo sono....sono giovani,lei è tutto sommato carina,e in più non facendo un cazzo di niente sono sugli scudi e beccano un sacco di piccioli...(quasi) tutto il contrario della maggior parte di noi che magari è pure più bella,ma per esempio ,io non sono influencer(a meno che non mi becco quella di stagione)e nonostante 44 anni di onesto mestiere nessuno è venuto al mio matrimonio a fotografare me e signora ne tanto…
dsalva: ma tu sei influencer su Deba.....e sti cazzi no?
lector: Ma se sei pelato.....
mrbluesky: averlo saputo venivo io con la mia Konika 35 mm
dsalva: ti prestavo pure la mia Olympus OM10
sergio60: pelato un cazzo(scusa il francesismo) è vero che sto perdendo i miei fulgidi capelli,ma ancora porto i capelli lunghi ...e per qualche anno ancora comprerò lo shampoo,ma al supermarket,quello in buste da due litri in culo alla Ferragni(magari fosse vero!) e ai prodotti che recitano"perchè tu vali"....si il budget che tutti gli imbecilli producono per acquistare un prodotto simile ad altri solo più caro perchè una biondina caruccia mi dice di farlo....AH COJONIIII!
mrbluesky: sai che ho trovato lo shampo Erbaviva(quello dei tossici),ero cosi contento che l'ho comprato anche se non ho piu i capelli
sergio60: @[mrbluesky] ....conica?...azz...avevo due conificatrici tempo fa...e riuscivamoa fare coni su tubi anche di 50/60 mm ...bei tempi....
lector: Homer calvo
sergio60: @[mrbluesky] ..erbaviva?..ma che te lavi co' il concime per il prato?
mrbluesky: cosi ricrescono(forse)
sergio60: statte a uccello dritto....che piovono ciambelle! ah ah ah ah
zaireeka: In verità il ricevimento non è stato gran che, c'era Max Pezzali che ad un certo punto si è messo in testa di fare il simpatico non riuscendoci per nulla. Gli sguardi di Chiara nella sua direzione in certi frangenti sono stati proprio emblematici.. Molto meglio J-ax che se ne è stato seduto quasi tutta la cerimonia in silenzio, sembrava che avesse qualche problema. Sembrava molto diverso da quello che mi era sembrato in televisione.…
imasoulman: però stavolta il bèl non te lo metto, eh? (solo perchè non sono stato invitato neanch'io...no imasoulman, no party)
lector: Non t'hanno invitato? 'Sti cafoni!
imasoulman: tutte se le sono invitate, pur di non avermi...matrimonio a mezzo agosto, proprio mentre ero in vacanza. Peggio di un mio cugino che pur di avere poca gente al suo matrimonio, arrivo a sposarsi di venerdì...