Miglior album Progressive di sempre secondo DeBaser.

Qui sotto c'è la classifica "Miglior album Progressive di sempre" secondo gli utenti di DeBaser. Se vuoi partecipare anche tu, prepara la tua classifica dello stesso tipo!

Quarto ed immenso album di una band ormai consacrata alla leggenda! Il leader del gruppo è il "necromante"(così si definiì egli stesso) Peter Hammill, un vero e proprio genio del canto drammatico che aveva come musa ispiratrice il menestrello Tim Buckley. La band suona senza chitarra (solo qualche accenno del… di più


Alcuni giorni fa, precisamente Lunedì 9 febbraio, in un ospedale di New York è morto di cancro, a settantacinque anni, Ian McDonald. A celebrazione di questo eccelso musicista intendo prendere spunto da quest’opera che, fra quelle a cui ha contribuito, vede il suo talento risplendere maggiormente e compiutamente. di più


Quando si parla di Genesis e degli album storici che firmarono nella prima metà degli anni '70 bisogna sempre muoversi coi piedi di piombo, perchè gli esegeti della band ti aspettano al varco, pronti a mazziarti (o a cazziarti) se ogni dettaglio non quadra di più


Soft MachineThird
Album - 6 giugno 1970

Mi sorpresero, i Soft Machine. di più


YesClose to the Edge
Album - 13 settembre 1972

"Pochi artisti sono abbastanza fortunati da creare un lavoro che trascende il suo tempo".
Penso che nessuna frase descriva "Close To The Edge" meglio di questa, presa dal booklet del cd.
Appena inserito il disco nel lettore e premuto il tasto play, si entra infatti in un altro mondo. di più


La scuola di Canterbury è stata prolifica di artisti, ognuno caratterizzato da un proprio stile particolare, anche se il sound restava inconfondibilmente quello. Il progressive dei Caravan fondeva rock, jazz e psichedelia in un delicatissimo connubio di armonie e visioni, e d’ altronde già dal paesaggio incantato grigio e rosa… di più


King CrimsonRed
Album - 27 settembre 1974

Il Re Cremisi aveva un debole per le stelle. Per gli astri. Per gli accordi di seta. Aveva un debole per le fantasie più arcane. I versi primordiali. Il Re amava i pazzi. E fu così che le stelle caddero ad una ad una per diventare rosse rosse, farsi musica… di più


"Rock Bottom" è tante cose: c'è chi lo considera il miglior album di sempre e chi lo reputa un album sopravvalutato...ma cos'è alla fine? Non è facile da definire. Probabilmente, quando si viene al punto di dover parlare del massimo affresco di Robert Wyatt, ex batterista dei Soft Machine (band… di più


Ho scelto questo grande album per la mia prima recensione, perchè lo conosco abbastanza bene e da tantissimo tempo, e poi è uno dei miei album preferiti. di più


E' un gioco inutile e sacrosanto quello che, presumo, ogni appassionato di musica fa almeno una volta; eleggere il proprio, personalissimo, "miglior disco di tutti i tempi". E il meccanismo non riflette classifiche e sondaggi, va piuttosto a mobilitare una serie di fattori coscienti e non, tecnici quanto emozionali, che… di più


Un funambolico tastierista dalle doti non comuni, un cantante\bassista\chitarrista che ha contribuito alla nascita di un genere, un batterista dalle doti ritmiche a dir poco non comuni. Sono questi i componenti di uno dei più clamorosi, celebri e pomposi supergruppi della storia. Dopo il fortunatissimo esordio omonimo del 1970, trascinato… di più


Nel 1970, subito dopo "The Least we can do is wave to each other", per qualcuno il loro primo vero disco, i VDGG pubblicano "H to He Who Am the Only One". Si tratta di un lavoro che si pone fra i classici della loro discografia e in cui troviamo… di più


Se la musica in genere, e il cosiddetto rock sinfonico (o progressive rock) in particolare, fossero esclusivamente un fatto di bravura e spettacolarità nell'esecuzione (ovvero di virtuosismo), Franz Liszt sarebbe il più grande compositore della storia, e gli Emerson Lake & Palmer il più grande complesso di rock sinfonico degli… di più


14° Gentle GiantOctopus
Album - 8 ottobre 1972

(premessa - il voto sarebbe da qualche parte tra le 4 e le 5 stelle, come al solito lascio scegliere a voi DOVE esattamente) di più


Anch’io sono tra quelli che per parecchi anni ha detto: “Bravi. Anzi, bravissimi! Però cazzo che pesantezza! Ma era proprio necessario far durare una suite 29 minuti e 38 secondi?? Manco ci sta su una sola facciata, dai! Capisco che Emerson aveva un ego un tantinello smisurato, però qua stiamo… di più


16° GenesisNursery Cryme
Album - 12 novembre 1971

Ok, c'è già qualcuno che ha scritto di questo album.... ma io vorrei proporre lo stesso il mio pensiero, forse un pelo più tecnico (suono il piano e le tastiere da svariati anni). di più


Jethro Tull - Thick As A Brick (Chrysalis 1972) Nel 1972, dopo l'ottimo successo artistico e commerciale dell'album 'Aqualung' uscito l'anno precedente, i Jethro Tull si apprestano a pubblicarne un seguito assolutamente ambizioso. 'Thick As A Brick' è infatti la prima occasione nella quale la band di Ian Anderson si… di più


I Magma sono stati un gruppo straordinario che ha profondamente rinnovato il linguaggio della musica rock. Il loro leader, il batterista Christian Vander, è una mente “visionaria”: influenzato da John Coltrane, Karl-Heinz Stockausen e Richard Wagner, ha inventato con i Magma una nuova lingua con tanto di sintassi ovvero il… di più


esordio incantato e geniale, dove la musica, quella in particolare di Canterbury, è imprevedibile, fuori da ogni schema convenzionale, e grazie a fluidi ed improvvisati arrangiamenti ed angelici vocalizzi, somma come per magia in un unico sound svariate esperienze e sonorità musicali, quali prog, jazz-rock, jazz sperimentale, ed intermezzi zappiani di più


Mettiamo che tu sia una personalità geniale, fuori dalle righe, spassionato fan di droghe più o meno pesanti, ma soprattutto mettiamo che tu abbia ponderato un progetto al quale nessuno prima si era avvicinato: riassumere in tre dischi... TUTTO. Usando come strumenti la storia di una civiltà primordiale, frutto anch'essa… di più


21° CamelMirage
Album - 1 marzo 1974

Nel 1974, quando ormai il progressive aveva già toccato livelli di assoluta eccellenza e creatività attraverso le opere di gruppi come ad esempio King Crimson, Van Der Graaf Generator nell'art rock o come Genesis e Yes nel rock sinfonico, uscì questo piccolo grande gioiello che è "Mirage" dei Camel, provenienti… di più


22° YesRelayer
Album - 5 dicembre 1974

A detta di molti (e anche del sottoscritto) gli Yes nel 1974 fanno un passo falso, dando alle stampe il biblico e prolisso 'Tales From Topographic Oceans'; i fan reagiscono bene, ma la critica, che forse non aspettava altro, lo fa a pezzi e Rick Wakeman ne approfitta per svignarsela… di più


23° YesFragile
Album - 12 novembre 1971

E' sempre difficile per un giovane come me descrivere in poche righe un album di rock progressive senza incappare nel rischio di essere troppo banale; essendo questa a mio parere la forma più alta della musica contemporanea. Premesso ciò, per accostare l'orecchio al rock progressive (ma non per coglierne i… di più


L'equilibrio armonioso di due pianeti gemelli si è spezzato. Felona, "una nuova festa oggi come ieri", Sorona "da giorni ormai lontani persi nel tempo", non ha spazio per "nere paludi". Questo è il racconto che ci propongono le Orme, con molta grinta e semplicità. In questo disco, il gruppo dà… di più


Da un po' di tempo qualcuno rosicchiava i miei quaderni di poesie. E in che modo poi!! Ogni volta mancava un verso e la volta dopo il successivo. Fino a che tutta la poesia era completata. Sembrava opera dei denti di un topino. di più


Spesso classificata frettolosamente come una band progressive o psichedelica, la Third Ear Band potrebbe essere accomunata ai Pink Floyd o ai King Crimson soltanto per l'attitudine compositiva, inusuale, in un'era rock passata alla storia proprio grazie a band inusuali. di più


Il rock progressivo, il romanticismo fatto musica, la musica come opera d'arte, quando il tempo non era un problema, quando gli intrecci di flauto chitarra tastiere bassi batteria creavano un nuovo mondo, quando ci si truccava quasi si stesse perennemente recitando una parte in teatro, quando si faceva più di… di più


28° EggEgg
Album - 1970

Non se Dio esista. Se esiste, sapeva che sarei diventato un forte bestemmiatore e mi ha punito facendomi innamorare di una donna che una volta sposata si è rivelata la più grande rompicoglioni della Terra. Ma se esiste avrebbe dovuto anche sapere che io sarei diventato un forte bestemmiatore proprio… di più


29° YesThe Yes Album
Album - 29 gennaio 1971

L'artista è un uomo generoso, l'arte non condivisa non ha ragione d'essere. L'arte eleva l'uomo dalla sua condizione materiale, l'arte è una illusione, l'arte nasce dall'amore per la vita, ma soprattutto dalla paura della morte, dalla sua natura oscura... ma l'arte è un dono, la musica è un dono ed… di più


Quanto sono strani i gusti musicali della gente! Eh sì, i vari tormentoni subito fanno tanto scalpore e poi nessuno se li ricorda più. Certe cose invece sono sì conosciute da pochi, ma amate veramente, e, soprattutto, per sempre. di più


L'anno di pubblicazione questo disco è il 1972, ma è certo che Gianni Leone, eccentrico musicista partenopeo abbia avuto in testa e nelle dita quest'opera già da alcuni anni. E questo, data la qualità, l'originalità della musica in questione ha dello straordinario. Anche perchè l'autore, all'epoca era poco più che… di più


Realizzare un brano strumentale di 49 minuti, anche nei "progressivi" primi anni '70 era sicuramente una scommessa. Poteva accettarla solo una piccola etichetta votata all'alternativa e alla sperimentazione, così nel '73, la neonata Virgin consegnò ad uno sconosciuto musicista per nove mesi uno studio di registrazione e il risultato furono… di più


"Arbeit macht frei", frase tristemente nota, di cui tutti, credo, conosciamo il lugubre e crudele significato negli anni in cui il folle sogno nazista voleva cambiare radicalmente le sorti del mondo per assoggettarlo ai voleri di un pazzo visionario che non ha pagato all'umanità, purtroppo, il prezzo del suo insensato… di più


Emerson, Lake & Palmer - Pictures At An Exhibition di più


"Anyone who as intelligence
May interpret the number of the beast.
It is a man's number.
This number is 666
"
di più


Non ho mai nascosto a nessuno, amici e parenti, il mio amore per il rock progressivo. Ma forse dovrei definirlo più come "interesse" che amore, in quanto mi ritengo tutt'ora un grandissimo ignorante in materia, e non solo sul genere in questione. Questa mia autoconsiderazione mi ha sempre fatto tenere… di più


E per favore non mi rispondete come fa il prete eh? Vi sto per fare una domanda importante, non vorrei che ve ne usciste con un indefinito: “è un mistero”. Per favore no. Prendete fiato: di più


Si sono ritornato, BeatBoy è ritornato! BeatBoy scompare e ricompare, ed anche questa volta non sò se il mio ritorno sarà permanente. L'ultima volta vi ho lasciati con "La Terza Madre" di Dario Argento, questa volta invece sono venuto a dirvi che... di più



Pochi gruppi rock hanno assemblato un livello medio di tecnica musicale al pari dei Gentle Giant. Siamo in presenza di polistrumentisti capaci di passare dal Jazz al Folk, dalla Classica al Rock con grande disinvoltura e spontaneità. Il sound del “gigante gentile” si caratterizza appunto per la varietà degli approcci… di più


Che cosa avrebbero potuto mai fare i membri degli "Hatfield and the north", fautori del più genuino "Canterbury sound", dopo aver sfiorato, nel 1975, il successo commerciale col loro secondo album "The Rotter's Club"? Insistere, comporre nuove canzoni e ritentare la fortuna? No cari amici, troppo facile… Preferirono sciogliere un… di più


Lo so, non è un sito letterario, ma il mio pensiero va dritto a "Ricordi di un bevitore", (sottotitolo "L'incontro fatale con John Barleycorn"), sincero e profondo libro-confessione di Jack London, grande e sottovalutato scrittore americano, più noto per romanzi d'azione come "Il richiamo della foresta". Chi è John Barleycorn?… di più


Consigliatomi da un vispo aguzzino a seguito di una discussione dai toni sufficientemente caldi, ecco "First Utterance", prima ed abbondante scarica di cartucce di questa straordinaria band inglese chiamata Comus. Quest'opera, prevalentemente costruita su geniali ma volutamente disordinate, metriche medioevali, rappresenta la possibilità di stordire qualunque partitura che un normale… di più


Venerdì sera uno degli speaker della web radio di cui sono speaker anch'io, ha tirato fuori dal cappello a cilindro della musica prog italiana la Premiata Forneria Marconi. La trasmissione è interamente dedicata alla musica prog (italiana e straniera) e la puntata in questione, come prima puntata, è stata dedicata… di più


Si avvicina di nuovo l’estate, nonostante tutto... di più


Banco Del Mutuo Soccorso - Io Sono Nato Libero (1973)


di più


Non poteva mancare, da parte mia, la recensione del primo disco del Banco: si tratta di un lavoro fondamentale per la corrente del progressive italiano, che dimostrò, come molti altri "colleghi", di avere qualcosa da dire anche ai blasonati colleghi tedeschi ed inglesi. di più


48° CamelMoonmadness
Album - 26 marzo 1976

I Camel, reduci dal monumentale concept-album strumentale, "The Snow Goose", tornano subito in sala di registrazione per pubblicare un'altra opera. E' il 1976 ed il fenomeno del progressive rock si sta esaurendo. Alcuni gruppi storici hanno mollato o sono in procinto di farlo (King Crimson, Gentle Giant, Focus), altri si… di più


49° Pink FloydMeddle
Album - 31 ottobre 1971

Per lungo tempo "Meddle" è rimasto l'ultimo album dei Pink Floyd in cui la band si mostrava in ritratto. Per giunta l'ultimo - a tutt'oggi - in cui appare la formazione con Waters. Segno sintomatico che questo album ha rappresentato uno spartiacque o la fine di un ciclo? di più


50° Gentle GiantGentle Giant
Album - 27 novembre 1970

La furia del rock più tirato e carico di groove aveva travolto gli anni '60. Nel decennio a seguire, insieme a chi portò avanti la stessa filosofia estremizzandola, ci furono personaggi che ebbero la grande idea - oltre che l'enorme capacità tecnica – di unire le digressioni classico-melodiche con le… di più


In questi tempi grami, in cui il grigiore e le avversità prevalgono, può sorgere spontanea la ricerca di una compensazione nella ricerca di ciò che rientra nella categoria estetica del bello, in tutte le forme assunte in ambito artistico. Se si tratta di un long playing (gli ormai mitici 33… di più


Ho sempre pensato che Jim Morrison fosse molto più avanti della maggior parte dei suoi contemporanei e che stralci dei suoi testi, fossero destinati anche (o soprattutto) a persone delle generazioni a venire. Nel mio piccolo quindi, spero mi perdonerete se faccio mia la strofa “Carry me Caravan, take me… di più


E c’è ancora gente che concepisce l’arte come mondo scollegato dalla sfera politica. Andatelo a dire agli Henry Cow e a tutti coloro che hanno tessuto l’abito irripetibile degli anni Settanta. Le pure forme artistiche, dotate di bellezza universale, ovviamente non c’entrano niente con politica, discorsi sui massimi sistemi o… di più


Questo è uno dei rari casi in cui le finezze di un esordio, a dispetto di molti fattori sfavorevoli, non sono destinate a rimanere un caso isolato, ma vengono perpetuate da una splendida seconda uscita discografica, nata dopo una complessa e travagliata gestazione. di più


1974 - "Starless and Bible Black" di più


56° PhishA Picture of Nectar
Album - 18 febbraio 1992

Mi sono colpevolmente accorto solo ora che su DeBaser manca la recensione del "miglior disco" (almeno così è definito un po' ovunque) dei Phish, il misconosciuto (in Europa) "Picture of Nectar". A saperlo avrei iniziato la mia carriera di De-recensore con questo. Ma vabbé, ormai è andata.  di più


"The Least We Can Do Is Wave to Each Other" è un disco che amo particolarmente della discografia del Generatore e, a mio avviso, uno dei loro migliori. Il precedente "The Aereosol Grey Machine" doveva essere, in realta', l'esordio solista di Hammill anche se rimane un grande disco, sicuramente il… di più


Recensire è un po' come mentire... nel senso che se l'artista è uno di quelli per cui stravedi, l'essere troppo magnanimo è sempre dietro l'angolo, e quindi la menzogna anche se del tutto in buona fede è sempre in agguato pure lei. Ma che vi devo dire? Musicalmente sono follemente… di più


Se gli album fossero donne, potrei dire che ultimamente mi sono proprio dato da fare, quante avventure, sentimenti e sane sudate, qualcuna presa alla leggera, altre piú sentite, qualcun altra ti lascia per giorni l'odore addosso, altre le senti che ti fanno viaggiare, certe solo da accarezzare una volta o… di più


Il rock argentino ha sempre destato su di me un certo fascino, per la sua innata capacità di avere una sua identità, nonostante sia abbastanza evidente il fatto che prenda spunto dal progressive britannico: ne sono un chiaro esempio, infatti, gruppi quali Sui Generis, autori di Pequenas Anecdotas Sobre Las… di più


Rondini in formazione che giocano a scambiarsi di posto; geometrie di stormi che senza sosta mutano il perimetro. Soave, intricata e leggiadra avanguardia jazz-rock che scivola via leggera e spumosa, come champagne versato sul marmo bianco. Foschi preludi, crescendo ora morbidi, ora croccanti; violente e trattenute emozioni di adolescente, paesaggi… di più


L'album "Grave New World" segna indiscutibilmente l'apice artistico e formale degli Strawbs, formazione inglese capitanata da Dave Cousins, che esordì in origine con la flautus vocis Sandy Danny al canto e Tony Hooper alla chitarra; il gruppo vide anche, per lo spazio di due album ("Just A Collection Of Antiques… di più


Il 18 febbraio dell’anno 1763 dell’era volgare, entrando il sole nella costellazione dei Pesci, fui trasportato in cielo, come sanno tutti i miei amici. Voltaire di più


Nel 1971 la band olandese Focus pubblica 'Moving Waves', che in Olanda uscire con il nome di Focus II e con una copertina totalmente differente. di più


“Little red record” è il secondo ed ultimo lavoro di studio dei Matching Mole, gruppo fondato nel 1971 dall’illustre musicista e compositore Robert Wyatt in seguito alla sua fuoriuscita dalla storica band dei Soft Machine. Ad accompagnare il re di Canterbury in questa nuova avventura vi erano il chitarrista Phil… di più



67° Pink FloydUmmagumma
Album - 25 ottobre 1969

Corteggiare una donna significa starle dietro finché lei non cade… Ma chi cazzo cade? Non lei, questo lo sai dopo tre giorni. Poi, nel 90% dei casi, sei già lì a pensare che è quella giusta e che avrai una famiglia. Immagini già di concepire un figlio e inizi a… di più


68° CamelRain Dances
Album - 26 settembre 1977

Tutto venne in un certo senso spazzato via in maniera repentina e inarrestabile. Il rock progressivo aveva incassato un bordata letale; sette anni dopo la loro esplosione, gli eroi dei primi anni Settanta venivano quasi visti come grotteschi fossili viventi, alcuni erano divenuti la caricature di loro stessi, come gli… di più


Dal diario di Ser Pibroch, 15 settembre di più


Grazie ad un sodalizio fortunato tra John Duhig e Jon Field, all'alba dei seventies prese forma l'organico del Guerriero di Giada nelle terre d'Albione. Una chitarra ed un flauto furono presto affiancate da una gradevole sezione ritmica e da qualche ospite di riguardo. di più



72° ColosseumValentyne's Suite
Album - 15 settembre 2005

Anno 1969, nasce la casa di produzione più prestigiosa degli anni '70 che vanterà sempre di aver avuto fra le sue grinfie i migliori gruppi progressive, psichedelici, pop-folk degli anni '70, nasce la Vertigo e la sua prima produzione targata VO1 è proprio Valentyne's Suite dei Colosseum. Un album cristallino,… di più


73° Henry CowLegend
Album - 30 giugno 2008

Molti di voi (forse tutti) si domanderanno come sia possibile osservare, anche per pochi istanti, questa 'orripilante' copertina senza nessun titolo. Per ovviare a questo problema, ho semplicemente preso il booklet e l'ho girato dalla parte del retro che presenta invece uno 'zoom' dello stesso soggetto (sembra una scena del… di più


Il primo vero capolavoro della discografia di Luis Alberto Spinetta, un lavoro maturo, con sonorità ben delineate. La copertina è una delle più geniali, un ottagono irregolare in onore del comico al quale è dedicato questo grandioso album. La prima canzone è una grandissima illusione, sembra essere un album accessibile,… di più



76° YesGoing for the One
Album - 7 luglio 1977

Un uomo nudo, cinque diverse linee che lo attraversano e l’emergere mastodontico dei grattacieli verso cieli antichi: questa è la visione donata da Storm Thorgerson, della famosissima Hipgnosis, per descrivere l’album di una band che accettava con coraggio di rinnovare se stessa e affrontare efficacemente l’evolversi musicale di un 1977… di più


77° Univers Zero1313
Album - 16 gennaio 2010

1977, un anno significativo per il mondo della musica, famoso per lasciare segni profondi soprattutto nell´attitudine musicale. Ma a parte le attitudini cosa é rimasto? Del punk poco mi interessa, del rock in opposition, molto da scoprire ancora, come gli Univers Zero ai quali mi avvicino in questi giorni con… di più


C'è stato un momento nella nostra vita in cui bisognava confrontarsi con i grandi dischi del passato,spronati da zii,fratelli maggiori e compagni pluriripetenti,fortunati testimoni di un epoca irripetibile che mestamente stava volgendo al termine soppiantata da lustrini colorati e scintillanti giochi di luce. Fu cosi che le nostre camerette si… di più


Molte delle opere nei 70' furono realizzate con l'intento di descrivere le paure e le angosce della gente di quel tempo di fronte a morte, follia, e cosucce del genere. I Pink Floyd, con tutta la solarità che avevano in animo, non si fecero scappare l'occasione di fare un lavoro… di più


80° King CrimsonIslands
Album - 3 dicembre 1971

All'epoca del suo quarto album il re attraversava uno dei massimi picchi del suo espressionismo sonoro, nonostante i soliti cambi di formazione operati da Fripp. di più


Come si fa a descrivere un artista così complesso come Czeslaw Niemen? Inanzitutto bisogna fare un preciso quadro storico e tornare indietro nel tempo di ben 50 anni, in Polonia, all'epoca sotto il "controllo" dell'Unione Sovietica. La Polonia era segnata da questo clima di tensione politica,che impediva agli artisti di… di più




Risaliamo il corso del tempo fino al lontano anno 1971. Siamo in una fase della storia del rock in cui tutto sembrava ancora possible. Che la Germania potesse essere l'avanguardia del rock. Che uno dei migliori esponenti di quello che poi sarà chiamato Krautrock avesse come cantante (cantante?) un giapponese… di più


Molti di noi ricordano il 1969 soprattutto perché in quell'anno cinque ragazzi guidati da Robert Fripp trasportarono la musica su di un nuovo mondo mai udito e mai visto prima, una dimensione fatta di composizioni dilatate, sontuose, minacciose, popolate da visioni simili a fumi stupefacenti guidate dall'incalzare maestoso di mellotron… di più


Come già evidente nel loro capolavoro “Schwingungen”, vero apice creativo della band, gli Ash Ra Tempel ("appartenenti" alla variegata galassia della Kosmic-Music tedesca)possiedono un'anima equamente scissa fra viaggi “terreni” guidati da una vena Acid-rock dove la chitarra di Gottsching imperversa a suo (lisergico) piacimento e viaggi “cosmici” dove l'elettronica fa… di più


Pochi gruppi musicali degli anni 70 sono riusciti ad incarnare così bene lo spirito e l'anima di quel sublime movimento denominato Progressive Rock. Indubbiamente i Gentle Giant possono vantarsi di essere stati prog al 100%, come quasi nessuna altra band, dall’inizio alla fine della loro carriera, chiusasi nel 1980 per… di più


Cosa accadde nel mondo del Canterbury Sound a cavallo tra gli anni '60 e '70 è un dato ormai rilevabile da diverse recensioni già pubblicate. Quello che volevo fare con questa recensione è spingermi un poco oltre e arrivare a colmare alcuni vuoti temporali. di più



Capita a volte che la buona musica venga scoperta totalmente a caso, secondo un processo chiamato serendipità, ovvero 'il ritorvamento totalmente casuale di cose di molto valore'. Almeno una volta sarà capitato a tutti voi musicofili una cosa del genere: ovviamente anche al sottoscritto che ha scoperto per caso questo… di più


Tutto ebbe inizio nel Surrey, verso la metà degli anni ’60, quando un giovane chitarrista/flautista di nome Andrew Latimer mette insieme la sua prima band, The Fantom Four. Riescono a riscuotere un certo successo a livello locale, sempre nel Surrey, e nel 1968 cambiano nome, diventando gli “Strange Brew”, in… di più


Il disco giusto al momento sbagliato. Difficile descrivere la breve carriera della Locanda delle Fate differentemente. Partiti a inizio Settanta, dopo la solita trafila di serate nei dancing e qualche cover in italiano di tormentoni stranieri, il gruppo si assesta con l’arrivo di Leonardo Sasso, voce potente e impostata sullo… di più


Il progressive è stato caratterizzato, a partire dalla fine dei '60 fino a metà dei '70, dalla presenza di molteplici sottogeneri; uno dei miei favoriti è la cosiddetta "scena di Canterbury", essendo stata vera e propria fucina di miriadi di gruppi davvero interessanti e precursori quali Caravan, National Health, Hatfield… di più



Negli anni '70 il rock progressivo italiano è stato dominato da gruppi come PFM, Banco, Orme e Area. All'ombra di questi colossi si è però sviluppato un sottobosco di gruppi meno famosi ma non per questo meno degni di nota, tra cui Biglietto per l'Inferno, Latte e Miele, Pholas Dactylus,… di più


Se anche della landa più misterica d'Inghilterra, ovvero Canterbury, io apprezzo, soprattutto, i frutti più bizzarri (follie dadaiste, filastrocche insensate, scherzi ben riusciti), nondimeno mi trovo a mio agio la dove il suono, senza bisogno di particolari stravaganze. obbedisce a una grammatica gentile. di più


Ennesima, forse inutile, recensione ad un disco dei Pink Floyd. di più



99° Jethro TullStand Up
Album - 1 agosto 1969

Mi ci è battuto l'occhio spesso su quei poster verde oliva con la semplice scritta "Jethro Tull", ma pensavo che fosse l'ennesima "tribute band": ce ne sono così tante in giro che a volte pare di essere in pieni anni '70. Poi, quando meno te lo aspetti, un servizio sul… di più


1972: i Gentle Giant sono ormai una band progressive affermata con già all'attivo due album fantastici, soprattutto "Acquiring the Taste" che mette in mostra tutta la loro grande inventiva. Dopo vari tour trionfali di spalla ai Jethro Tull, toccando anche la nostra penisola, decidono di creare qualcosa di differente. Il… di più